Le cialde di caffè il gusto e l’ambiente
mm

Il “caffè” è nella nostra cultura non solo quella alimentare, ma anche quella che descriveremmo come più nobile perché menzionata nelle enciclopedie e perché incastonata nella storia.

Attorno a questa pianta sono nate leggende che risalgono alla “notte dei tempi” e, per il consumo della bevanda, sono nati locali, a volte dei caffè diventati storici nei quali si parlava di letteratura, di arte e di idee.

Il Caffè e tutti i suoi aspetti

Voltaire e Rousseau, Robespierre e Marat in Francia; Lorca e Dalí in Spagna; Wagner, Liszt, Bizet, Stendhal, Lord Byron in Italia: questi sono solo alcuni dei nomi che davanti ad un caffè e in quei locali, parlavano…

La Coffea arabica, il caffè, proviene dall’Etiopia e, attraversando deserti e oceani, ora è ovunque nel mondo…

Ma la tradizione non è forse cultura? E il teatro non è forse arte? E il caffè non è presente in entrambi?

Offrire un caffè al resto del mondo, un caffè sospeso è tradizione e parte da quella di Napoli
e miscelare e versare con sapienza aromi come in un caffè turco…
Ed Eduardo de Filippo che racconta il colore perfetto del caffè…
e consumare, a volte purtroppo frettolosamente, in una pausa caffè un’espresso, non è nelle nostre abitudini… abitudini di oggi e tradizioni di domani…
Per questo uno spazio dedicato al Caffè, nel senso più ampio del termine.
Dai suoi aspetti biologici e naturali a quelli culinari per non dimenticare quelli… biografici con la storia, l’arte e la cultura alle quali in un qualsiasi modo è legato.
Parlare di quanto può far bene questa bevanda alla mente e allo spirito, certo non può farci dimenticare che comunque è un alimento e che come tale può essere in molti modi cucinato e provato.
Il caffè è anche una pianta, con delle proprietà e delle virtù benefiche e certamente con delle controindicazioni.
Attorno al caffè poi, è evidente, si muovono interessi quindi risvolti ci sono importanti problemi sociali ed economici, a volte fonte di duri contrasti e altre con gesti di solidarietà e di partecipazione che fanno ben sperare.
Quindi adesso, non rimane che gustarci un buon caffè, magari leggendo e curiosando dentro CaffèBook…

Spesso confuse con le capsule, le cialde di caffè sono vendute negli stessi canali di vendita, ma presentano caratteristiche importanti che le distinguono.

Il consumo del caffè in cialde

Gli abitanti del Bel Paese amano la classica tazzina di caffè espresso e, senza dubbio, il bar resta ancora il luogo ideale dove consumarla, ma il consumo in casa è invece cambiato.

Tradizionalisti ma attenti alla tecnologia gli italiani stanno sempre più abbandonando la classica moka, che conserva però il suo fascino, per le macchine del caffè.

Il settore del monouso è in costante crescita, e questo in un periodo in cui il consumo del prodotto in altri formati è in calo.

Per le capsule e le cialde in particolare è aumentato anno dopo anno quasi triplicando, certo inizialmente più negli uffici, ma oggi anche nelle case.

Le capsule sono più pubblicizzate, in particolare la Nespresso, e appaiono più accattivanti nei colori e nel formato, ma le cialde hanno altre proprietà.

Il consumo del caffè a cialde, pur calando leggermente nell’ultimo anno, lascia pensare che stia catturando degli amanti più fedeli.

La distribuzione, tanto delle cialde quanto delle capsule, ormai avviene non solo al supermercato ma, con una gamma di offerte e di marche ancora maggiore, anche in internet.

Però prima di affrontare questi aspetti è bene raccontare qualcosa di più sulle cialde.

Che cosa sono le cialde di caffè

Le cialde di caffè sono strette parenti della bustina di tè, ma a differenza di queste gli involucri di carta servono da filtro per il passaggio di acqua a pressione.

Sono fatte quindi di cellulosa e possiamo trovarle in vari formati.

Le confezioni sono di vari tipi, sempre monodose, possono essere preservate dal sistema sottovuoto come quello della Lavazza.

Alcuni confezionamenti della carta filtro sono protetti da un imballo di alluminio alimentare in atmosfera inerte e propongono la scelta tra varie miscele.

L’atmosfera inerte ha una funzione protettiva in quanto la chiusura ermetica consente di mantenere inalterata la qualitativa del prodotto.

Lo standard più diffuso in commercio è il filtro carta ESE 44 con di solito 7 grammi per cialda.

L’Ese (Easy Serving Espresso) prevede che il caffè, già torrefatto e macinato, sia pressato fra due fogli di carta del diametro di 44 mm.

Come funzionano le cialde di caffè

Nella cialda di caffè la carta ha la funzione di filtro che è, fra l’altro, una delle attenzioni per fare un caffè migliore per la nostra salute.

La preparazione è simile alla capsule nei tempi e nei modi, e pur non essendo rigido l’involucro si possono usare talvolta anche le stesse macchine.

La nostra bevanda scaturirà attraverso il passaggio di acqua bollente a pressione esattamente con gli stessi tempi di preparazione.

L’unica differenza nelle cialde consiste che queste necessitano di un porta filtro di solito predisposto nel “manico” della macchina da caffè.

Queste poi vengono adagiate, visto che sono flessibili, e una volta assicurate alla macchina semplicemente si avvia il passaggio dell’acqua calda a pressione.

Dopo l’uso devono essere rimosse e gettate nel cestino, cosa che le distingue da molte macchine per capsule in queste vengono scaricate nell’apposito contenitore interno.

Cialde di caffè 1
Cialde di caffè

Le cialde sono ecologiche

Le cialde hanno un aspetto ecologico da non sottovalutare, utilizzando come involucro la stessa carta filtro possono essere riciclate nel contenitore dell’umido.

Sono biodegradabili e compostabili, questo rende minimo l’impatto sull’ambiente, non dimenticando che poi i fondi di caffè possono essere riutilizzati in molti modi differenti.

Il Sistema E.S.E. (Easy Serving Espresso) per le cialde di caffè

Le macchinette di caffè espresso che utilizzano le cialde ci danno un caffè intatto nel sapore e rapidamente disponibile.

Al giorno d’oggi la comodità è diventato un aspetto importante se non fa perdere troppo il gusto della bevanda come spesso accade nel caffè solubile.

Prendere una cialda, o una capsula, inserirla e rapidamente gustare un buon caffè espresso, magari sorseggiandolo con gli amici è stata la chiave del successo del monouso.

Per quanto riguarda le cialde sul mercato esistono vari sistemi affidabili, ma certamente il sistema E.S.E. (Easy Serving Espresso) è il più diffuso.

Cos’è l‘E.S.E.?

Quando si parla di qualità del caffè, sicurezza nell’acquisto e, contemporaneamente, di libera scelta del consumatore il sistema E.S.E. è un riferimento importante.

L’ Acronimo di “Easy Serving Espresso”, l’E.S.E., è uno standard che utilizza cialde di 7 grammi di caffè macinato di misure adatte a molte macchine.

Lavazza, Illy, Nestlè, Krups, Saeco, De’Longhi sono tutte marche che nelle loro macchine di proprietà sono compatibili a queste misure.

Mentre nelle capsule la compatibilità ha preso strade più complicate, con il sistema E.S.E. (Easy Serving Espresso) le cialde danno una maggiore possibilità di scelta.

In questo modo la qualità e il corretto funzionamento è garantito sia dal produttore di macchine per espresso e sia da quello delle cialde.

Le caratteristiche del sistema E.S.E. (Easy Serving Espresso)

I due veli di carta filtro all’interno dei quali è posto il caffè posto nel sistema E.S.E. (Easy Serving Espresso) rispondono a precise misure standard.

La compatibilità industriale e internazionale di questo sistema prevede tre misure di cialde

Le tipologie commerciali sono: Ese 44, Ese 38 mm e Ese 55 mm.

La prima, Ese 44, che prevede la misura delle cialde di 44 millimetri è la più diffusa e questo è un aspetto di cui tener conto quando si vorrà acquistare una macchina per il caffè in quanto non sono intercambiabili.

Le cialde di caffè: gusto e ambiente

Senza dubbio per chi è particolarmente attento all’ambiente la scelta dovrebbe essere rivolta alle cialde, anche se le capsule ora si stanno evolvendo e diventando compostabili.

Sia pure per il riciclo più veloce delle cialde, ma e il gusto?

Per il gusto di bere un buon caffè ristoratore non dobbiamo dimenticare che molto dipende dalla qualità della macchina e dalla miscela che usiamo.

Per questo nella scelta dovremo prestare attenzione a trovare un giusto equilibrio fra il costo e la qualità.

Le cialde normalmente costano meno delle altre soluzioni monouso, la differenza è minima, a volte pochi centesimi, ma per questo si deve considerare il consumo, voi quanto caffè consumate al giorno?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.