Quando interagiscono tra di loro, gli oggetti e gli individui lasciano delle tracce che gli esperti forensi esaminano come indizi.

L’analisi dei vari tipi di contatto ha dato vita alla tracceologia applicata alla scienza forense che utilizza differenti tecnologie e metodi per analizzare e studiare queste impronte.

Una buona definizione della Tracceologia sarebbe:

È la branca delle scienze forense specializzata nell’identificare, fissare ed esaminare le impronte di piedi nudi (o con le scarpe), veicoli e altri tipologie simili di tracce.

Per questo quando si parla di impronta, in questo caso, ci si riferisce a tutte l’impressioni visibili e talvolta modellate, che genera un oggetto animato o inanimato nel corpo con il quale ha avuto un contatto diretto.

Tracceologia, impronte digitali

In questo senso, l’esame delle impronte digitali umane per indagare su un delitto è l’aspetto più conosciuto. Lo studio dell’impronta digitale (con l’analisi in particolare dell’impronta delle dita delle mani) ha visto crescere molto il suo sviluppo tanto che ora è considerata praticamente una disciplina propria: la dattiloscopia.

In un’interazione c’è sempre un trasferimento e alcuni materiali si trasferiscono per induzione di calore o per contatto o per frizione:

quindi attenzione perché si possono scoprire davvero tante cose, alcune impensate.

Un modo per conoscere il sesso

La tracceologia può anche consentire di determinare il sesso di una persona da una delle sue tracce.

Quello è almeno quello che dice un team di ricercatori della New York State University. La chiave sta nei livelli di aminoacidi presenti nel sudore delle donne che arrivano ad essere quasi il doppio di quelli degli uomini a causa delle differenze ormonali tra i sessi.

E non si deve dimenticare che, in sostanza, un’impronta digitale è una macchia di grasso, (contiene infatti una miscela di diversi lipidi) lasciata da una persona che tocca qualcosa con la punta delle dita.

Per testare l’affidabilità del metodo, i tecnici hanno analizzato le tracce lasciate da tre donne su cinque diverse superfici riuscendo a identificarle nel 99% dei casi.

Sì, non è ancora nota con certezza l’efficacia di questo nuovo metodo al di fuori del laboratorio, vale a dire in una scena del crimine vera e propria, perché non è ancora del tutto chiaro come sarebbero influenzati i risultati da alcune variabili come la temperatura o il tempo.

Le impronte digitali possono raccontare molto di noi e alcuni esperti avvertono che il rilevamento può essere più facile di quanto pensiamo.

Un team di scienziati dell’Istituto Nazionale di Tecnologia dell’Informazione del Giappone (NII) ha sviluppato un metodo informatico con il quale sarebbe possibile rilevarle da una fotografia in cui stiamo salutando o qualsiasi altra posizione nella quale le dita siano chiaramente visibili ad una distanza massima di tre metri dall’obiettivo: questo in pratica include tutti i selfie.

Una volta acquisite le impronte digitali, sarebbe possibile violare qualsiasi dispositivo di sicurezza che utilizza un sistema biometrico, quindi porte, casseforti o… smartphone.

Tecnologia Anti impronta da selfie

Nel 2014, un’associazione di hacker avvertì di questa possibilità, mostrando come erano riusciti a replicare le impronte del ministro della Difesa tedesco Ursula Von der Leyen, da alcune foto che erano state scattate nel corso di una conferenza stampa.

I ricercatori del NII hanno anche trovato una soluzione progettando un sottile foglio di plastica trasparente che, bloccato nella punta delle dita, fa rifrangere la luce rendendo l’immagine della telecamera un macchia non identificabile.

Ma chi si fa scattare le foto in questo modo? Forse, solo un ministro della difesa…

Tuttavia, come dicevo prima, l’esame delle impronte digitali non è l’unico campo di studio della tracceologia.

Questa scienza è anche responsabile di esaminare le tracce di pneumatici lasciati sul terreno e fornire una conoscenza della direzione, velocità e del peso di un veicolo e portare a dedurre se il conducente abbia agito intenzionalmente o per negligenza.

Tracceologia, tracce di pneumatici

È anche interessante lo studio dei segnali che gli animali lasciano sulla scena del crimine.

Certo da tutti i film da CSI in poi abbiamo visto anche l’importanza delle tracce che si trovano su un cadavere e che spesso rivelano quale strumento è stato usato. Spesso la ricostruzione è a tal punto precisa che permette di individuare l’oggetto specifico o almeno la classe di oggetti, magari descrivendolo sommariamente per colore o per forma (arrotondata, appuntita).

Altro metodo molto particolare di identificare una persona è attraverso le orecchie. L’analisi morfo-metrica dell’orecchio sta diventando un metodo di attribuzione dell’identità sempre più affidabile, anche se non ancora del tutto riconosciuto. Inoltre anche le orecchie umane generano tracce quando entrano in contatto con una superficie esclusive come le impronte digitali ed hanno già permesso di risolvere diversi reati relativi di furto nelle case.

Particolarmente interessanti possono essere le impronte di un piede nudo – dette impronte plantari – derivate dal contatto del piede con una superficie morbida.

Sulla scena di un crimine si possono così scoprire anche quelli che vengono definiti percorsi di locomozione, cioè come si sono spostate le persone presenti.

Tracceologia, tracce di piede nudo

È noto che si può calcolare, con buona approssimazione, l’altezza del corpo dalle conoscenza delle caratteristiche del piede nudo usando la formula che Bertillon pubblicò nel 1989, se volete metterla alla prova la formula è questa:

Altezza corporea (bh):

bh = 6,98 ·L- 0,1.

Però ultimamente l’altezza corporea è calcolata partendo da una differenziazione fra uomo e donna usando le formule:

Maschio: bh = 95,60 + 2,88 x lunghezza del piede nudo (cm)
Donna: bh = 91,10 + 2,84 x lunghezza del piede nudo (cm)

La tracceologia, attraverso l’analisi delle tracce, riesce a ricostruire i caratteri esterni della struttura dell’oggetto che le ha lasciate.

È come se riuscisse a scattare una fotografia 3D di un istante, una foto in cui certo mancano, a volte, degli aspetti specifici, ma che ci riporta indietro nel tempo al momento in cui quel fatto è accaduto.