mm
Il "caffè" è nella nostra cultura non solo quella alimentare, ma anche quella che descriveremmo come più nobile perché menzionata nelle enciclopedie e perché incastonata nella storia. Attorno a questa pianta sono nate leggende che risalgono alla “notte dei tempi” e, per il consumo della bevanda, sono nati locali, a volte dei caffè diventati storici nei quali si parlava di letteratura, di arte e di idee. Il Caffè e tutti i suoi aspetti Voltaire e Rousseau, Robespierre e Marat in Francia; Lorca e Dalí in Spagna; Wagner, Liszt, Bizet, Stendhal, Lord Byron in Italia: questi sono solo alcuni dei nomi che davanti ad un caffè e in quei locali, parlavano... La Coffea arabica, il caffè, proviene dall’Etiopia e, attraversando deserti e oceani, ora è ovunque nel mondo... Ma la tradizione non è forse cultura? E il teatro non è forse arte? E il caffè non è presente in entrambi? Offrire un caffè al resto del mondo, un caffè sospeso è tradizione e parte da quella di Napoli e miscelare e versare con sapienza aromi come in un caffè turco... Ed Eduardo de Filippo che racconta il colore perfetto del caffè… e consumare, a volte purtroppo frettolosamente, in una pausa caffè un’espresso, non è nelle nostre abitudini… abitudini di oggi e tradizioni di domani... Per questo uno spazio dedicato al Caffè, nel senso più ampio del termine. Dai suoi aspetti biologici e naturali a quelli culinari per non dimenticare quelli… biografici con la storia, l’arte e la cultura alle quali in un qualsiasi modo è legato. Parlare di quanto può far bene questa bevanda alla mente e allo spirito, certo non può farci dimenticare che comunque è un alimento e che come tale può essere in molti modi cucinato e provato. Il caffè è anche una pianta, con delle proprietà e delle virtù benefiche e certamente con delle controindicazioni. Attorno al caffè poi, è evidente, si muovono interessi quindi risvolti ci sono importanti problemi sociali ed economici, a volte fonte di duri contrasti e altre con gesti di solidarietà e di partecipazione che fanno ben sperare. Quindi adesso, non rimane che gustarci un buon caffè, magari leggendo e curiosando dentro CaffèBook...

Ci sono domande che ci poniamo solo se ci imbattiamo in un dubbio che ci colpisce come:

quanti caffè posso prendere al giorno?

Normalmente seguiamo le nostre abitudini, ci alziamo alla mattina e facciamo i nostri rituali della colazione. Per il caffè è lo stesso: è parte importante del rituale di moltissimi estimatori.

Ci sono differenze nel come si consuma per esempio caffè della moka o quello espresso.

Chi carbura lentamente, arriva dondolando alla cucina, accende e aspetta il rumore gorgogliante della moka. Tutto in rigoroso silenzio.
Chi esce al volo, arriva al bar sotto casa, prende l’espresso, amaro se è un “degustatore”, dolce se è, invece, uno che “ottimizza” le energie.

Per entrambi è importante che siano stati preparati con attenzione: sanno di certo come deve essere un buon caffè

Ma in fondo è tutto per la caffeina e per quello sprint che ci dà per affrontare lo stress, la giornata, il lavoro…

Ma tutto questo è vero?

La caffeina è efficace contro lo stress?

Quanti caffè al giorno

Non lo sappiamo e spesso non ce ne curiamo e quindi un altro caffè al bar a metà mattinata, poi un altro caffè espresso dopo pranzo, poi una tazzina di caffè a metà pomeriggio, ma quanti caffè prendiamo al giorno?

La caffeina ha degli effetti negativi e un consumo eccessivo può causare un incremento della pressione arteriosa, tachicardia, aritmia e stato ansioso.

Per questo è bene prestare attenzione ai sintomi più immediati, a corto raggio per così dire, che possono essere dovuti all’eccesso di caffeina.

Quando si parla degli effetti sulla salute del caffè, abbiamo, infatti, a che fare con:

I sintomi a breve ed a lungo termine della caffeina.

Se ci concentriamo sui sintomi a breve termine vediamo specialmente quelli della caffeina che agiscono principalmente sul cervello e nella funzione dei neurotrasmettitori esercitado un effetto stimolante.

Se si beve troppo caffè, in un periodo molto breve, potremmo scoprire dei sintomi legati al nostro cervello o al sistema digestivo.

I più comuni causati dall’ingestione di troppa caffeina sono:

  • irrequietezza,
  • ansia,
  • stordimento,
  • mal di stomaco,
  • irritabilità,
  • insonnia,
  • battito cardiaco rapido
  • tremori.

Ma torniamo alla nostra routine quotidiana… ed entriamo nel nostro bar preferito

Noi ora ci chiediamo:

 quante tazzine di caffè possiamo prendere senza preoccuparci?

Il caffè è una bella tentazione, ma resta una bevanda controversa.

A seconda di a chi si chiede vi dirà la sua su quante tazzine potete bere.

Di certo non è da chiedere al barista il quale, simpatico e bravo finché si vuole, si sa farà come l’oste dicendoci che il suo vino, scusate, il suo caffè non fa male.

Certamente non dobbiamo dimenticare che l’assunzione di qualunque cibo è molto soggettiva. Quindi bere un paio di tazze di caffè al giorno per qualcuno può essere la cosa migliore, mentre per altri potrebbe essere la peggiore.

Abbastanza di frequente il caffè viene colpevolizzato come una cattiva abitudine, ma è stato dimostrato da alcuni studi che questo è ingiusto.

Il caffè è una bevanda molto complessa con centinaia di composti bioattivi e per molte persone rappresenta la principale, se non l’unica, fonte di antiossidanti (1, 2).

Diversi studi hanno anche dimostrato che i bevitori di caffè hanno un minor rischio di contrarre alcune malattie come diabete di tipo 2, epatiche (3) e anche disturbi neurologici.

Allora, giustamente, andiamo dal dottore che ci presenta il conto delle nostre azioni e ci fa tornare alla domanda iniziale: quanti caffè posso prendere al giorno?

Bene a questo punto la domanda in realtà dovrebbe essere: quanta caffeina posso assumere?

Molti autori, ma non ci sono studi chiari, consigliano di non superare i 250 – 300 mg al giorno e altri arrivano fino ai 400 mg

Così se vogliamo regolarci, magari smettendo di fumare e facendo un po’ di movimento, dovremmo sapere il contenuto di caffeina nel caffè che assumiamo.

Questo dipende, naturalmente, da come consumiamo la nostra bevanda preferita.

Per sapere quanta caffeina assumiamo al giorno e, quindi, quanti caffè possiamo bere al giorno, vi dirò che: 

  • Se siete amanti dell’espresso vi state degustando dai 60 ai 120 mg a tazzina,
  • il caffè fatto con moka (dipende dal quantitativo, ovviamente, se è fra i 30 ml e i 50 ml) assumete già dai 60 ai 120 mg
  • e se siete per il caffè americano in 100 ml trovate dai 100 ai 130 mg.

La caffeina è un alcaloide ed ha parecchi effetti sull’organismo umano, alcuni possono essere positivi e altri negativi, di certo è sconsigliata alle future mamme, quindi è altrettanto certo che vada moderata.

A questo punto non avrete incominciato a pensare al the o tè qual dir si voglia? Magari già vi vedete più rilassati sorseggiando un po’ di questo gradevole infuso più rilassati, ma non fatelo per la caffeina almeno fatelo per una delle sue tante altre virtù!

Mi dispiace dirvelo, ma il tè contiene teina, in quantità minore del caffè con la caffeina, ma teina e caffeina sono sinonimi. Di sicuro lo sapevate, ma se è per quello che volete affrontare questa dolorosa decisione considerate che esistono molte alternative al caffè e… senza caffeina.

E alla fine, pensiamoci bene, oltre al caffè, fumiamo? Com’è il nostro stile di vita?

Leggi anche:

Come si fa il caffè, raccolta, produzione e provenienza

I Caffè storici che hanno cambiato la cultura in Europa