Il Museo Archelogico di Baghdad, fondato nel 1923, conteneva collezioni della civiltà mesopotamica tra le più importanti al mondo.

Venne chiuso durante la Guerra del Golfo nel 1991 e subì ingenti saccheggi nel 2003, in occasione della seconda Guerra del Golfo che portò alla caduta di Saddam Hussein.

Molti reperti, stimati nel numero di quindicimila, andarono distrutti o furono trafugati verso diversi paesi:

ne sono stati recuperati circa un terzo e, nel 2015, la struttura è stata riaperta grazie anche all’aiuto dell’Italia.

Gertrude Bell, archeologa e viaggiatrice

Si tratta di un museo realizzato da una donna inglese, Gertrude Bell, che ebbe un ruolo fondamentale nel 1921, quando lo stato iracheno fu creato dal nulla riunendo le province di Mosul, Bassora e Bagdad.

Questa donna poco conosciuta non fu solo archeologa ma una delle maggiori esperte della cultura e politica mediorientale ed è riduttivo definirla, come è stato fatto, una semplice spia.

Gertrude Bell, foto da ragazza
Gertrude Bell, foto da ragazza

Nata il 14 luglio 1868 da una ricca famiglia di industriali del settore metallurgico, mostrò fin da piccola un carattere ribelle e vivace.

Una ragazza doveva dedicarsi a materie come lo studio del pianoforte e il ricamo, ma lei amava la storia e, a sedici anni, smise con musica e cucito per iscriversi al Lady Margareth Hall di Londra, un prestigioso collegio riservato alle donne dove si laureò a pieni voti, nella materia preferita, in soli due anni.

Era il 1888 e il Times le dedicò un articolo, prima donna a laurearsi in Storia moderna permettendosi di contraddire le tesi dei docenti:

purtroppo, a quei tempi, il diploma non era riconosciuto legalmente alle donne che uscivano, pertanto, con un semplice elenco di esami sostenuti.

Nel 1891 Gertrude Bell debutta in società e viene presentata alla Regina Vittoria ma quell’ambiente non la soddisfa.

Era considerata un’intellettuale snob, dotata di enorme autostima e un’alterigia che intimoriva i corteggiatori.

Foto di Gertrude Bell, l'archeologa
Gertrude Bell, archeologa e viaggiatrice

Lo zio era ambasciatore a Teheran e lei preferì andare a trovarlo, restando affascinata dalla Persia che visita, descrivendo le impressioni nel libro Persian Pictures.

Nasce la passione per l’archeologia e studia le lingue locali: conosceva già francese, tedesco e italiano ma inizia con arabo, persiano e turco.

Viaggia in continuazione, praticando anche alpinismo in Svizzera.

Si reca a Gerusalemme a trovare un’amica, moglie del console tedesco, e vi si trasferisce nel 1900.

Il luogo che, però, l’affascina maggiormente è il deserto.

La donna racconta che la distesa di sabbia le entrò nel cuore senza più uscirne:

ammirarlo era come guardare l’immenso.

Sente di non poterne più fare a meno ed è stregata soprattutto dall’alba che colora la sabbia di un rosa così iridescente da far dubitare di essere svegli e non prigionieri di un meraviglioso sogno.

Fu come iniziare una nuova pagina della sua vita, lasciando dietro di sé obblighi e convenzioni vissute in Inghilterra per costruirsi un’esistenza di cui poteva essere unica artefice.

La personalità di Gertrude Bell è però contraddittoria:

in Oriente verrà chiamata “la Regina del Deserto” e vivrà libera cavalcando in mezzo ai beduini, trattando con sceicchi e politici, appellata con il titolo “Sir” riservato alle grandi personalità maschili,

mentre in Inghilterra si mostra come una donna conservatrice, membro fondatore della lega anti-suffragio e contraria all’estensione del diritto di voto alle donne.

In Medio Oriente la Bell perfeziona lo studio delle lingue locali per conoscere in profondità la mentalità degli abitanti e avvicinarsi il più possibile alla loro cultura col rispetto e la sensibilità che contraddistingue una donna.

Organizza spedizioni per visitare diverse località:

dapprima Petra, il Giordano, il Mar Morto, Palestina e Siria,

poi Damasco, Beirut, Antiochia, Alessandretta e Turchia.

Redige sempre un diario di viaggio, scatta fotografie e, spesso, la notte si ferma negli accampamenti dei beduini a conversare davanti al fuoco, avvolta in pesanti mantelli, fumando hashish e tabacco col narghilè.

Studia gli scavi archeologici e prende lezioni di cartografia per disegnare le mappe dei luoghi esplorati che si riveleranno preziose per l’esercito inglese.

Un tratto che l’accomuna a Freya Stark, un’altra esploratrice inglese affascinata dal mondo arabo.

Nel 1909 visita la Mesopotamia in qualità di archeologa e conosce Thomas Edward Lawerence, più noto come Lawrence d’Arabia, con cui collaborerà negli anni a seguire.

Il suo grande amore sarà sempre il deserto:

Gertrude monta a cavallo come un uomo, vestita con kefiah e soprabito,

e i beduini si riferiscono a lei con il termine “El Khatun”, ossia La Signora.

Nelle sue bisacce ci sono taccuini che riempie di parole e una macchina fotografica:

dorme tra le mura di Babilonia e nei pressi degli scavi di Ur, avventurandosi in luoghi pericolosi come l’altipiano del Najd, raggiunto prima di lei solo da Lady Ann Blunt.

Un rischio non solo per le difficoltà materiali ma anche perché il Najd era politicamente ostile in quanto roccaforte della tribù rivale di quella sostenuta dal governo inglese.

Mentre Freya Stark è spartana e viaggia accompagnata solo dalla guida, Gertrude Bell affronta i viaggi con la servitù e un bagaglio consistente:

porcellane, abiti eleganti, scarpe alla moda, pellicce e persino una vasca da bagno pieghevole.

Durante una delle prime esplorazioni, la carovana viene attaccata da pirati del deserto, una banda di beduini che li deruba di tutto e fa cadere Geltrude dal cammello, ma il ragazzo che si occupa delle cavalcature li riconosce e ricorda di essere stato loro ospite l’anno precedente per acquistare dei cammelli.

A quel punto i predoni restituiscono il bottino e, poco dopo, due sceicchi vengono a farle visita:

la donna impara che per viaggiare sicura nel deserto arabo occorre conquistarsi la protezione dei capi delle tribù.

La Bell diventa molto abile nel farsi amica le persone influenti e, grazie all’enorme rispetto che nutre per la cultura islamica, riesce sempre a ottenere l’amicizia delle genti che incontra.

La donna faceva affidamento sulla legge coranica che impone di aiutare i viandanti in cammino e, in aggiunta, portava con sé molti oggetti che offriva come doni per ingraziare le persone che voleva conoscere.

Per stupirle si presentava indossando abiti eleganti: aveva compreso che, mostrandosi come una regina, il suo prestigio aumentava.

Foto di Gertrude Bell davanti alla sua tenda
Gertrude Bell davanti alla sua tenda

Viaggiava con due tende, e la perfetta padronanza di dialetti e usi colpiva favorevolmente gli interlocutori.

La presenza della vasca pieghevole, che il suo servo riempiva di acqua calda, oltre che una comodità era un altro modo per esibire uno status speciale.

Muoversi nel deserto non era però semplice:

notti gelide e giornate infuocate, sabbia soffice in cui si sprofondava che, in caso di piogge, si trasformava in fango.

Quando raggiunse la città di Ha’il, nel Najd, la Bell incontra il reggente dell’emiro che rifiuta di liquidare la sua lettera di credito e non vuole farla ripartire.

La donna non può lasciare il palazzo e nemmeno visitare la città.

Quando il reggente le restituisce i regali, Gertrude Bell ha molta paura per la propria vita e scrive nel diario i suoi timori, disperata per la morte che sente vicina a sé e agli uomini della carovana.

Quando tutto sembra perso, le fa visita una giovane donna, madre dell’emiro, che la studia e le pone diverse domande.

Il giorno dopo Gertrude Bell riceve i suoi soldi e il permesso di ripartire.

Grazie a una donna è salva e può ritornare a Baghdad.

L’Arab Bureau del Cairo la convoca:

era un’agenzia istituita dal governo inglese per coordinare la politica britannica nella zona e destabilizzare l’impero ottomano, divenuto alleato dell’impero tedesco nel 1914.

Qui incontra una vecchia conoscenza, Thomas Lawrence, che avrà il compito di guidare la “Rivolta Araba” contro l’impero ottomano, accomunato con la Bell dalla profonda conoscenza dello spirito delle genti arabe.

L’agenzia attribuisce a Gertrude il grado di ufficiale, anche se onorifico, rendendola prima donna nella storia dei servizi segreti militari inglesi a fregiarsene.

Nel 1916 viene nominata Segretaria per l’Oriente a Baghdad, altro titolo mai concesso prima a una donna.

Gertrude Bell viaggia nei paesi che ama descrivendo l’esperienza in diversi libri e incontrando molti leader arabi.

Come donna aveva accesso all’harem, che le consentiva di ascoltare storie e avere indirettamente informazioni dalle mogli degli sceicchi, acquisendo dati che nessuno altro poteva ottenere.

Non era una spia nel senso classico ma svolgeva missioni sia per conto dei capi arabi che del governo britannico, fungendo da collegamento tra i due con l’intenzione di attribuire un governo stabile e competente a quelle terre.

Winston Churchill, Gertrude Bell e T. E. Lawrence
Winston Churchill, Gertrude Bell (3a a sinistra), T. E. Lawrence (Lawrence of Arabia) a Giza, Cairo Conference, 1921

Nel 1921, alla conferenza del Cairo, fu l’unica donna a lavorare con un gruppo di esperti alla creazione degli Stati dell’Iraq e della Transgiordania.

Artefice della riunione fu Winston Churchill, che volle i maggiori esperti nel settore e, tra questi, Lawrence d’Arabia e Gertrude Bell, considerati i più quotati arabisti del momento.

Il primo ha però avuto maggiore visibilità per il ruolo di guida della Rivolta Araba a differenza della seconda, il cui lavoro è stato più influente ma nascosto, stimolando l’adesione delle tribù alla rivolta stessa.

Esiste una foto dei partecipanti al convegno del Cairo in cui Gertrude Bell è l’unica donna:

parlò tra 400 uomini cercando di far comprendere che gli arabi non si potevano controllare come le popolazioni su cui, nel passato, gli europei avevano costituito protettorati.

Lawrence e Gertrude agiscono con l’intento di contemperare gli interessi inglesi e arabi ma cercando di garantire l’autonomia di questi ultimi.

Conferencia de El Cairo, 1921, Gertrude Bell
Gertrude Bell Conferencia de El Cairo, 1921

Il presidente americano Wilson affermò il principio dell’autodeterminazione dei popoli ma, nella calda zona del Medio Oriente, l’autodeterminazione venne pilotata perché erano troppo forti gli interessi economici e politici europei.

Gli arabi sunniti volevano un regno nazionale, gli sciiti uno stato teocratico, i curdi l’indipendenza regionale.

Geltrude, pur cercando di rispettare le minoranze, alla fine si trovò a realizzare gli interessi della Gran Bretagna che voleva lo stato iracheno sotto il proprio controllo per proteggere le vie di accesso all’India e mantenere una concreta influenza sul petrolio iracheno.

Re Faysal sarà scelto come capo dell’Iraq, un sunnita discendente dal profeta Maometto:

al padre viene affidato il regno dell’Arabia Saudita mentre al fratello la Giordania.

Gertude, che ne era grande amica e confidente, lavorò per sostenerlo e istruirlo, convincendo gli iracheni che era l’uomo giusto per loro e non perché imposto dall’Inghilterra.

Il grande successo politico della Bell sarà la creazione a tavolino dell’Iraq, di cui disegnerà non solo i confini, ma preparerà la Costituzione prevedendo un Parlamento, istituzioni civili e un sistema giudiziario di stampo inglese.

Non a caso, uno degli appellativi della donna era quello di “Regina senza corona dell’Iraq“.

Quando passava per le strade di Baghdad, la gente si inchinava in segno di rispetto.

Una volta stabilizzato il potere, il ruolo di Gertrude Bell comincia però a sfumare.

La sua forza stava nel modo di operare: lei amava raccogliere le confidenze di chi contava in Inghilterra come in Arabia.

Nel momento in cui diviene un funzionario con incarichi governativi, il suo peso diminuisce:

non più esplorazioni e tè nel deserto ma burocrazia e lavoro d’ufficio.

Faysal e l’Inghilterra, gradualmente, la mettono da parte e a lei rimarrà solo il Museo in cui sfogare la passione ma, nonostante quest’attività, nelle lettere inviate ai familiari in Inghilterra racconta di soffrire la solitudine.

Le sue parole mostrano l’esistenza di una depressione, arrivando anche ad affermare di voler rientrare in patria.

Quando aveva 23 anni, Gertrude si innamorò di un diplomatico, Henry Cadogan, a cui il padre negò il consenso non considerandolo un buon partito.

Dopo vent’anni la donna si innamora di un capitano dell’esercito, Charles Doughty-Wylie, con cui condivide l’interesse per l’Oriente:

è un uomo colto e intelligente ma, purtroppo, sposato.

Durante gli scavi, la Bell teneva due diari:

uno in cui descriveva i reperti trovati, l’altro in cui esprimeva le proprie emozioni e la nostalgia per l’uomo.

Un amore per lo più epistolare ma comunque impossibile, interrotto dalla morte di Charles nel maggio del 1915, nella battaglia di Gallipoli.

Da questo momento il lavoro e il deserto diventano le uniche ragioni di vita.

A Bagdad, Gertrude si distingue anche per aver fondato le prime scuole per donne mussulmane.

Una volta creato lo stato iracheno, il fisico della donna si indebolisce a causa della fatica cumulata nel corso delle spedizioni, della malaria e del vizio del fumo:

il suo cuore, invece, era stato spezzato dalla morte di Charles anni prima.

Nella notte tra l’11 e il 12 luglio del 1926, Gertrude Bell prende una dose di sonniferi più forte del solito per dormire, senza più svegliarsi.

Il rapporto ufficiale parla di morte per cause naturali ma resterà sempre il dubbio del suicidio.

Il suo ingente patrimonio viene lasciato in eredità al Museo Archeologico di Baghdad.

I funerali si svolsero alla presenza di una folla immensa, con gli onori attribuiti al fondatore di una nazione e, ai familiari, giunsero lettere di cordoglio dai più alti funzionari arabi e dal re d’Inghilterra.

Un tributo di stima e affetto che è continuato nel tempo poiché, da allora, un’antica famiglia araba si prende cura della tomba della Bell nel cimitero inglese di Baghdad, anche durante gli eventi militari delle guerre del Golfo.

Il deserto che ha amato tanto è vicino al luogo in cui il suo corpo riposa.

Anni prima Gertrude Bell aveva scritto nei suoi diari che:

“La prima alba dopo una notte nel deserto è un ricordo indimenticabile:

è come aprire gli occhi in un opale e, dopo aver visto uno spettacolo simile, posso anche morire tranquilla”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.