L’Isola dei Fagiani condivisa da Francia e Spagna

Sulla piccola Isola dei Fagiani venne firmato uno dei trattati più importanti di Pace, il Trattato di pace dei Pirenei nel 1659, ma non è questa la caratteristica che la rende unica.

Il 1°febbraio, la Francia consegnerà circa 3.000 metri quadrati del suo territorio alla Spagna, per la precisione si tratta di un’isola, chiamata appunto Isola dei Fagiani, ma entro sei mesi, la Spagna restituirà nuovamente la stessa terra alla Francia per altri sei mesi.

L’Isola dei Fagiani condivisa da Francia e Spagna 1Situata tra Irún e Hendaya, sul fiume Bidasoa che separa queste due città frontaliere della Spagna e della Francia, l’Isola dei Fagiani ha uno status molto particolare si tratta del più piccolo condominio conosciuto.

L’Isola dei Fagiani: una piccola isola ma di grande importanza storica

Nonostante la sua piccola estensione, l’isolotto ebbe sempre un ruolo di primo piano nelle relazioni tra Francia e Spagna soprattutto durante i numerosi conflitti militari.

Tra gli eventi più importanti la firma del Trattato di pace dei Pirenei il 7 novembre del 1659 che pose fine ad un conflitto iniziato durante la Guerra dei Trent’anni, che ancora incendiava le ostilità tra Spagna e Francia.

Prima di tale sigillo l’Isola dei Fagiani era servita come scambio di ragazze in età da marito ed anche come zone neutrale per il rilascio dei prigionieri di entrambi i paesi.

L’Isola dei Fagiani condivisa da Francia e Spagna firma trattatoFra le clausole del Trattato la corte spagnola “cedeva” alla corte francese proprio su quest’isola l’infanta Maria Teresa d’Austria, figlia di Filippo IV, per sposare Luigi XIV, il re Sole.

Tra i presenti c’erano il conte D’Artagnan, il leggendario personaggio letterario che ispirò Alexandre Dumas e il pittore Diego Velázquez che ritrasse l’incontro tra i re dei due Paesi su una famosa tela.

L’altra clausola era la rivendicazione di una parte del fiume Bidasoa di Luigi XIV, ma il re Felipe IV si rifiutò.

Tuttavia, 200 anni dopo, nel Trattato di Bayonne del 1856, la Spagna cedette alla Francia metà del fiume e dell’Isola dei Fagiani.

L’Isola dei Fagiani passò così ad un regime di sovranità condivisa tra la Spagna e la Francia, in base al quale ogni Paese lo amministrava sei mesi l’anno, anche se il “condominio” arrivò mezzo secolo dopo.

L’obiettivo era di porre fine alle dispute tra i pescatori delle due sponde del fiume di entrambi i Paesi e al contrabbando nella zona.

Così, dalla fine del XIX secolo, i due Paesi cedettero la giurisdizione e l’ordine dell’isola ai due comandanti delle stazioni navali per 6 mesi ciascuno.

Il periodo di sovranità spagnola inizierà il 1° febbraio e finirà il 30 agosto, mentre quello francese inizierà il 1° settembre per poi terminare il 31 gennaio.

Ma cosa c’è sull’Isola dei Fagiani

Sull’isola che non è visitabile ci sono pioppi, erba e un monolite che riporta l’incontro tra Filippo IV e Luigi XIV intorno al quale in occasione del cambio di giurisdizione si incontrano le delegazioni di Francia e Spagna.

L’Isola dei Fagiani condivisa da Francia e Spagna 3Cosa non c’è o meglio non sono presenti sull’Isola dei Fagianii?

I fagiani. Così con disappunto scriveva anche lo scrittore francese Victor Hugo durante una sua visita nel 1843. “Per lo più una mucca e tre anatre, senza dubbio ingaggiate per far da comparsa per svolgere il ruolo di fagiani per i visitatori”.

Da molto tempo ormai l’Isola dei Fagiani è un’oasi di pace.

L’ultimo evento che ha disturbato la quiete risale al 1974, quando diversi membri dell’ETA, che stavano cercando di attraversare il confine, furono sorpresi vicino all’Isola dei Fagiani dalla Guardia Civile.

I fatti si conclusero con la morte di un terrorista e di un agente e con la custodia della giovanissima Yoyes, che sarà poi assassinata dai componenti della sua ex banda.

L’unico problema in cui incorre l’Isola dei Fagiani è l’erosione.

Quando iniziò il condominio l’isola infatti misurava quasi un terzo in più delle misure attuali.

Così i municipi di Francia e Spagna intrapresero dei lavori di rinforzo.

Ci sono altri luoghi che, come l’Isola dei Fagiani, sono in condivisione.

Anche Andorra, se pur a titolo onorifico, è soggetta ha una duplice sovranità congiunta tra il vescovo di Seo de Urgel di Spagna, e il presidente della Francia.

In passato Tangeri la città marocchina ha avuto una sovranità internazionale condivisa tra Belgio, Spagna, Francia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito e Stati Uniti; così come il Sudan la cui sovranità era condivisa fra gli Inglesi e gli Egiziani.

Il comandante navale della città spagnola di San Sebastián e il suo omologo francese di Bayona fungono invece da governatori o viceré dell’Isola dei Fagiani, che detiene i suoi primati

L’unica isola ad avere doppia sovranità (gestita appunto per 6 mesi dalla Francia e per 6 mesi dalla Spagna), è il più piccolo condominio del mondo, è privo di fagiani e gli inquilini non litigano, anche perché non ci vive nessuno.

Foto Wikipedia Zarateman, La Vida es Infinito