Fieracavalli di Verona

Dal 26 al 29 ottobre di quest’anno a Verona si è svolta Fieracavalli, la più importante manifestazione nazionale dedicata al settore equestre.

I numeri di Fieracavalli sono impressionanti:

erano presenti 3.000 esemplari di 60 razze equine provenienti da tutto il mondo. Nei padiglioni, oltre 750 aziende appartenenti a 25 nazioni offrivano svariati prodotti a proprietari e gestori dei circa 400mila cavalli censiti in Italia.

Si tratta di un comparto che conta oltre 5.000 imprese.

Molti appassionati si recano ad assistere alle competizioni che si svolgono riguardanti ragazzi o adulti, pony o cavalli, monta western o spagnola, volteggio (in cui gli atleti compiono esercizi ginnici sul cavallo in movimento) o attacchi (carrozze trainate da cavalli) e, naturalmente, il salto ostacoli, dato che Verona ospita l’unica tappa italiana della Coppa del Mondo.

Una novità è costituita dall’horseball, disciplina a metà strada tra rugby e pallacanestro, che si effettua in sella.

Più di 30 associazioni rappresentano invece il settore allevatoriale volto a promuovere la biodiversità delle 26 razze italiane.

Un padiglione era dedicato all’equiturismo in cui operatori turistici invitavano a scoprire le bellezze del nostro territorio attraverso le ippovie, con un approccio di Slow Tourism che esalta valori come lentezza e immersione nella natura.

Alla sera, uno spettacolo della star internazionale Lorenzo, il Cavaliere Volante, ha offerto un’importante occasione per sensibilizzare sulle violenze contro le donne:

era infatti presente Gessica Notaro, la ragazza di Rimini sfregiata a gennaio con l’acido dal fidanzato, da sempre appassionata di equitazione.

Oltre a raccontare con coraggio le vicende subite (purtroppo non sono pochi gli atti di questo genere), Gessica ha dichiarato di aver trovato nel proprio cavallo un insostituibile sostegno per andare avanti e reagire a quanto accaduto.

Nel Villaggio del Bambino c’era invece uno spazio ludico e interattivo con attività dirette ai ragazzi e dimostrazioni di pet-therapy e ippoterapia.

Pure arte e cultura hanno trovato spazio: non solo con Nag Arnoldi, l’artista ticinese la cui scultura equestre in bronzo, intitolata Stallone, svetta nel piazzale d’ingresso della fiera, ma anche con l’inaugurazione, dal 13 al 16 ottobre, di Art Project Fair 2017, mostra dedicata all’arte moderna e contemporanea che ha visto la partecipazione di oltre 140 gallerie d’arte.

In mezzo a tutti questi numeri e colori come si trova il protagonista di Fieracavalli, ossia il cavallo?

Erano presenti anche specialisti che agiscono sul benessere del cavallo sportivo attraverso trattamenti di osteopatia.

Ma basta questo per assicurarne la salute?

A differenza di altri animali, il cavallo non mostra sempre la propria sofferenza con segnali chiari ma spesso questa risulta silenziosa e difficile da interpretare per chi non lo conosce.

FieracavalliIn fiera regnano confusione, rumore, urla e musica ad alto volume: i quadrupedi sono sottoposti a forte stress e anche nei box subiscono l’intrusione di chi li vuole fotografare, toccare, accarezzare.

Attraversano i punti di passaggio esterno, pieni di folla vociante e, talvolta, cavalieri esibizionisti li fanno trottare sull’asfalto, usando morsi e speroni che arrecano dolore, rendendoli mandidi di sudore e con la schiuma alla bocca. Sono molti gli occhi equini impauriti e vuoti.

Nei primi due giorni di Fieracavalli l’iniziativa “Un cavallo per amico” ha dato la possibilità ai bambini delle scuole elementari di accedere gratuitamente alla fiera.

Ma l’aspetto educativo dove sarebbe?

Mostrare certe situazioni non educa al rispetto ma crea invece abitudini scorrette, dando per scontato condizioni che naturali non sono.

Purtroppo il cavallo è uno degli animali domestici più sfruttati perchè permette un numero elevato di utilizzi: non solo per carne e macellazione ma anche nella sperimentazione animale, nell’attività sportiva legale e illegale, in circhi, palii e giostre dalle origini medioevali oppure, nei centri delle grandi città, a trainare carrozzelle per turisti.

Moltissimi cavalli finiscono ogni anno al mattatoio in quanto, scartati dai circuiti sportivi o giunti a fine carriera, diventano un peso inutile di cui ci si sbarazza senza troppi pensieri.

Manca una cultura di base che lo presenti come animale d’affezione: non sempre chi prende un cavallo è al corrente dell’impegno che la sua gestione comporta e delle necessarie conoscenze etologiche.

Le persone ne subiscono il fascino causandogli, anche in buona fede, grandi sofferenze affidandoli a gestori improvvisati o pseudo-esperti.

Le cronache presentano episodi di equidi detenuti in condizioni deplorevoli il cui riconoscimento presuppone competenze tecniche di cui non sempre le forze dell’ordine dispongono.

Quando gli animali sono sequestrati, non sempre ci sono luoghi presso cui ricoverarli.

IHP, Italian Horse Protection, è un’associazione onlus no profit di volontari che, per prima, ha ottenuto l’autorizzazione a detenere equidi sotto sequestro giudiziario con Decreto del Ministero della Salute, ma che non viene sovvenzionato per le spese che assume.

Ogni giorno agisce sul campo per tutelare il benessere equino, non solo prendendosi in carico gli animali sequestrati ma anche rispondendo a denunce, sensibilizzando, investigando su situazioni comunicate da cittadini, e lo fa contando solo su donazioni private.

Quest’anno IHP ha chiesto a Fieracavalli uno stand gratuito in cui poter informare il pubblico sulle attività che svolge, sulle campagne di raccolta fondi per sostenere le spese e per divulgare aspetti meno noti del cavallo, come l’anemia infettiva equina, che negli altri variopinti stand non vengono reclamizzati.

L’associazione non ha purtroppo ricevuto alcuna risposta dai responsabili della fiera e il suo presidente, Sonny Richichi, è stato ospitato presso lo stand di Cavallo Magazine una mattina, per un’interessante conferenza a cui hanno partecipato pochi appassionati e addetti ai lavori.

Richichi ha spiegato l’assurdità e la crudeltà di una normativa che, in caso di anemia infettiva equina, condanna a morte cavalli perfettamente sani:

ciò avviene perché questi animali sono ancora considerati oggetti a cui non si riconosce un legame di affezione.

L’anemia infettiva equina non si trasmette all’uomo, a differenza della leihsmaniosi dei cani, eppure nessuna legge prevede la soppressione dei cani che ne sono affetti, a differenza degli equini.

Rispettare il cavallo significa anche fornirgli condizioni adatte alle sue peculiarità e, quindi, nel caso di una fiera, studiare gli ambienti a sua misura, tenendo separati i percorsi di umani e animali.

C’è da dire che, nel 2014, è stata istituita una Commissione Etica per redigere un Codice Etico che assicuri il benessere degli equini presenti in fiera: conseguenza del suo lavoro è stata la presenza, quest’anno, di cartelli che indicavano un numero telefonico a cui rivolgersi per denunciare maltrattamenti.

Ma, come accade spesso, il cambiamento avviene grazie alla consapevolezza di alcune associazioni o di singoli individui che leggono il Codice Etico e si adeguano, decidendo un approccio rispettoso con il cavallo basato su conoscenza etologica e competenza.

La semplice esistenza di un Codice Etico non modifica la realtà.

I cavalli sereni, capaci di affrontare l’ambiente della fiera mantenendo lo sguardo limpido quest’anno c’erano ma, purtroppo, ancora in minoranza.

Foto di Fieracavalli di Verona di Valentina e Ilaria, articolo (da inviata speciale) di CaffèBook.it a Fieracavalli 2017 di Paola Iotti.