Paola Iotti è nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964. Ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata nella 3^ edizione del Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e sempre seconda al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzata dalla onlus Horse Angels. A gennaio 2016 un suo racconto intitolato “La fattoria del Gelso Bianco” è stato selezionato nella raccolta “Favole senza frontiere” edito da Alcyone Casa Editrice. Sono favole che spiegano ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell'immigrazione. A maggio 2016 si è classificata al terzo posto con un racconto alla 7^ edizione del Concorso Letterario Nazionale Naviglio Martesana. A luglio 2016 è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, organizzato dalla onlus Horse Angels con l’opera “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso” che raccoglie una serie di articoli relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Pubblicazioni di Paola Iotti Come l’arcobaleno tra una criniera: Per me è stata una piacevole sorpresa scoprire che la mia casa editrice, Giovanelli Edizioni, sensibile al tema degli animali, condivide il sostegno all’associazione di Jill Robinson e degli Orsi della Luna. La casa editrice Giovanelli con parte dei proventi oltre che ad Animal Asia sostiene anche la Lega Anti-Caccia e la L.A.V.

Masarrat Misbah un giorno vide entrare una ragazza in uno dei suoi saloni di bellezza.

Quando ne guardò il viso dovette sedersi per lo shock perchè era una donna “senza volto.

In Pakistan, ogni anno più di duecento donne vengono sfigurate con l’acido da mariti, fidanzati, fratelli o padri che esercitano, in modo crudele, un arrogante e assurdo diritto di possesso.

Nel 2003 Masarrat decise di fare qualcosa: contattò un chirurgo per ricostruire i lineamenti della ragazza ma volle agire anche per le altre, fondando l’associazione “Smile again”, che oggi conta 32 sedi nel paese. Oltre a pagare le spese mediche, l’imprenditrice insegna loro il mestiere di estetista o parrucchiera e molte cominciano una nuova vita trovando lavoro nei suoi negozi.

Masarrat si dedica alle donne rifiutate dalla società regalando un’opportunità e la possibilità di sorridere.

Il 12 settembre del 2016 a New York si è svolta la Fashion week, una sfilata di moda che ha visto in passerella una longilinea ragazza indiana di 19 anni. Il suo nome è Reshma Quereshi.

Due anni fa l’acido le ha rovinato il viso e fatto perdere un occhio.

Il cognato l’ha punita così per aver difeso la sorella che picchiava.

Donne senza volto, vittime dell'acido: Reshma Quereshi

Donne vittime dell’acido: Reshma Quereshi

In India oltre mille donne subiscono attacchi con l’acido e Reshma ha voluto sfilare con l’abito creato da uno stilista indiano per denunciare questo tipo di violenza, incoraggiando le donne a non nascondersi ma a vivere un’esistenza che può essere felice anche per loro.

È diventata portavoce di “Make Love Not Scars”, associazione che promuove la riabilitazione delle vittime dell’acido portando avanti una campagna per vietarne la vendita.

Reshma posta video su YouTube in cui mostra il viso dando lezioni di make up ma usando lo spazio anche per denunciare i crimini perpetrati contro donne e bambini con la sostanza corrosiva.

La ragazza sostiene che aver subito quel genere di violenza non deve essere considerata una colpa e che si ha diritto di continuare a condurre una vita normale.

Nei video dispensa consigli per eliminare inestetismi sottolineando che il costo di una bottiglia di acido concentrato sia inferiore a quello di un eyeliner e che la sua reperibilità renda semplice adoperarlo per sfregiare le persone.

Con grande coraggio Reshma ha camminato con disinvoltura sulla pedana dell’alta moda dimostrando che un abito, seppur incantevole, non è in grado di rendere bello di per sè chi lo indossa ma sia il carisma di chi vi è “dentro” a valorizzarlo.

Donne senza volto, vittime dell'acido: Lucia Annibali

Donne vittime dell’acido: Lucia Annibali

Un concetto espresso in maniera differente da un’altra donna che, nel 2013, in Italia, è stata deturpata con l’acido dal fidanzato: si tratta di Lucia Annibali che ha narrato la terribile esperienza nel libro “Io ci sono. Una storia di non amore”.

Lucia è avvocato: intelligente e indipendente, vive in un ambiente diverso da quello indiano eppure si è ritrovata devastata a causa di un amore sbagliato.

Da un evento tragico sono scaturiti anche elementi positivi, oltre a sofferenze fisiche.
Lucia dichiara di essere rinata diventando una persona migliore: quello che ha vissuto l’aiuta ogni giorno a dare il giusto valore a qualunque cosa. È diventata più forte, consapevole e, guardando le foto di “prima”, sostiene di sentirsi più bella.

Un’affermazione all’apparenza paradossale.
Lucia sa che l’aspetto esteriore non è perfetto ma quello che vede allo specchio la soddisfa perchè, dopo aver compreso le proprie debolezze, le ha superate con grande forza di volontà, conquistando una serenità che le permette di vivere meglio e che gli altri avvertono. Si percepisce più bella perchè è andata oltre l’involucro esterno, individuando valori profondi che la fanno sentire in pace con sè stessa e con gli altri.

La consapevolezza fa scoprire potenzialità nascoste e regala una bellezza che va al di là dei classici canoni estetici perchè proviene da dentro.
L’impegno di Masarrat e il sorriso radioso di Lucia e Reshma insegnano che dolore e disperazione si possono affrontare attingendo alla grande forza presente in ognuno di noi.

Perché la vita, che un gesto ignobile voleva mortificare appiattendone la superficie, rinasca luminosa come un’araba fenice dalle ceneri grigie in cui era stata costretta.

Foto da makelovenotscars