Nata a Cagliari ma cittadina del mondo, ho viaggiato spesso e conosciuto culture diverse. Diventata mamma per la terza volta finalmente mi fermo e cerco di scrivere dopo che ho fatto la chef, la guida a cavallo e la mamma a tempo pieno. Quando non scrivo cucino e quando non creo faccio fotografie. Libro: “Progetto Tiamat”

Questa è la ricetta delle Seadas, tipico dolce ogliastrino rivista da me e opportunamente modificata perché non ne tolleravo il gusto acidulo.

Infatti, l’ingrediente principale a tutti gli effetti è “su casu axedu” che tradotto letteralmente significa formaggio acido.

Un formaggio fresco dal sapore acidulo che viene prodotto durante tutto l’anno con latte ovino o caprino.

Mentre per la ricetta originale si fonde il formaggio a bagnomaria e poi se ne fanno dei dischetti adagiandoli sulla pasta, la mia ricetta prevede un formaggio vaccino, sempre fresco ma meno acido. In coda all’articolo troverete anche il video.

 

Ricetta delle Seadas al Dolcesardo

Ingredienti per 7 seadas:

  • 400 grammi di farina 00
  • 50 grammi di strutto (per i vegetariani lo possono sostituire con 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva)
  • 2 cucchiai di acqua fior d’arancio
  • Un pizzico di sale
  • Acqua quanto basta per ottenere un impasto liscio, morbido ed elastico.

La quantità d’acqua può variare anche per la temperatura e l’umidità che c’è in casa, ma si può considerare un bicchiere abbondante. 

Ingredienti per il ripieno delle Seadas al Dolcesardo:

  • 250 grammi di Dolcesardo (oppure formaggio dolce vaccino molto fresco)
  • La scorza di mezza arancia grattugiata
  • Un cucchiaino di acquavite
  • Un cucchiaino di acqua fior d’arancio
  • Miele di corbezzolo

Per la cottura:

Olio di semi di girasole

 

Preparazione delle Seadas al Dolcesardo

Fare la pasta con gli ingredienti indicati e lavorarla con lo strutto (o con l’olio) fino a che l’impasto diventi liscio e elastico.

Tagliare a dadini il formaggio e tritarlo, mescolare la scorza d’arancia, l’acquavite e l’acqua fior d’arancio.

Seadas al dolcesardo, impasto tritato

Stendere la pasta in strisce alte circa 3/5 mm, mettere un cucchiaio di composto di formaggio, arancia, e acquavite al centro e chiudere con il coppa pasta.

Friggere in abbondante olio di semi, non capovolgere.

A fine cottura risulterà ben dorata, cospargetela di miele di corbezzolo o di zucchero. Con lo zucchero al posto del miele si può fare anche in flambé: si riscalda l’acquavite, o qualsiasi altro liquore che abbia almeno 42 gradi, se ne mette un cucchiaio sopra la seadas e si dà fuoco.

Video della preparazione delle Seadas al Dolcesardo