Barbara Taglioni è nata a Verbania, grafologa professionista, vive e lavora tra Verbania, Messina e Forlì ( sede operativa). Diplomata alla scuola triennale ARIGRAF (Associazione di Ricerca Grafologica) di Roma specializzata in perizia grafologica giudiziaria presso l’ARIGRAF di Milano, è socia ordinaria della Société Francaise de Graphologie. Specializzata in grafologia aziendale, presso AGP (Associazione Grafologi Professionisti) di Bologna e in Educazione e Rieducazione del Gesto Grafico presso AED (Associazione Europea Disgrafie) di Roma. Iscritta AGI Associazione Grafologi Italiani) già ideatrice e redattrice della rivista GRAPHOMANIA, è cotitolare del sito GRAFOLOGHIAMO.IT, autrice di articoli e pubblicazioni su riviste culturali e del settore e organizzatrice di incontri divulgativi su temi inerenti la disciplina della grafologia e del gesto grafico. Barbara Taglioni scrive abitualmente sulla rivista culturale Messinese MOLESKINE. INCHIOSTRI DI CARATTERE – ritratti grafologici di personalità famose – ApostrofoEditore pubblicato nel mese di aprile 2015 è il suo primo libro. Barbara Taglioni, pubblicazione: Inchiostri di carattere. Ritratti grafologici di personalità famose La grafologia è un mezzo privilegiato per lo studio del carattere, lo scopo del libro è condurre il lettore in un viaggio affascinante tra le righe di personaggi famosi per scoprire e interpretare le corrispondenze tra segno grafico e personalità.

Viene riconosciuta non solo come scrittrice, ma anche come poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice italiana, appartenente alla generazione degli anni trenta così prolifica di autori per la letteratura italiana.

Biografia breve di Dacia Maraini:

Racconta di avere la scrittura nel suo DNA poiché la madre Topazia appartiene ad un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta [1] , mentre il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente.

Ha festeggiato in bellezza il suo compleanno nel mese di novembre visto che è appena uscito il suo ultimo libro “La bambina e il sognatore” (Rizzoli) “un romanzo potente,

illuminato per la prima volta da un’intensa voce maschile, che ci guida al cuore di una paternità negata, scoprendo i chiaroscuri di un sentimento che non ha mai smesso di essere una terra selvaggia e inesplorata”.

Analisi grafologica  di Dacia Maraini: 

Una grafia disugualmente vivace percorsa da un movimento vibrante, ma scorrevole con qualche effervescenza, tipico delle personalità che vivono di pensiero e che non amano l’esposizione mediatica,

che amano comunque dinamizzare la loro giornata rifuggendo abitudini routinarie.

Sono persone che preferiscono rimanere un po’ distaccati ma osservatori attenti della realtà circostante.

   

Potrebbe interessarti:La grafologia: scoprire il carattere tra le righe di una scrittura

Analisi grafologica di Dacia Maraini:

Dall’analisi grafologica è evidente che  la disuguaglianza del filo grafico non mina l’armonia del tracciato ed esprime la capacità di muoversi in un ampio campo di interessi con curiosità (lettere aperte, allargata sul rigo) e spirito critico (parole ben spaziate tra loro).

Queste persone sono in genere diffidenti verso l’emotività e il sentimento e cercano di difendersene.

Provano spesso fastidio verso ragionamenti astratti e preferiscono invece la sintesi come frutto finale di un’attenta valutazione di dati concreti.

La morbida fluidità del gesto ci parla di capacità di adattamento, di una socialità accomodante e conciliante, di abilità nel mantenere il proprio ritmo nella realizzazione dei propri obiettivi cercando di evitare lo scontro.

La presenza della funzione dell’intuizione (buchi tra lettere, personalizzazioni e legamenti aerei) arricchisce di “fiuto” la quotidianità e alleggerisce il pragmatismo.

Analisi grafologica della firma di Dacia Maraini [2]:

La firma di Dacia Maraini  è omogenea al testo, conferma una coerenza di intenti e di pensieri e l’assenza di gesti inutili testimoniano un’armonia tra il pubblico e il privato, tra il presente e il passato.

Articolo:Grafologia, dal gesto grafico al carattere: Dacia Maraini, nata viaggiando CaffèBook (caffebook .it)

 ( immagine Dacia Maraini da Vipy.it)