Yasujiro Ozu regista il maestro del silenzio

Yasujiro Ozu è stato il regista giapponese che più ha influenzato i creatori del cinema mondiale, ma il nome resta quasi sconosciuto alla maggioranza dei cinefili.

Yasujiro OzuProbabilmente il più famoso regista giapponese in Occidente è Akira Kurosawa e, molto conosciuto e apprezzato, è anche Kenji Mizoguchi, ma il regista di Viaggio a Tokyo (Tōkyō monogatari, Tokyo Story, 1953) ha con i suoi lavori appassionato autori come Aki Kaurismaki, Jim Jarmusch, Abbas Kiarostami e Wim Wenders, per non parlare della sua presunta influenza su Kazuo Ishiguro, Premio Nobel per la letteratura del 2017.

Yasujiro Ozu (1903-1963) debuttò nel 1927, durante il periodo muto.

Quasi tutti i suoi lavori sono stati girati per gli studi di Shochiku (Shōchiku), dove iniziò a lavorarvi a vent’anni come assistente operatore e regista.

Ogni volta che poteva, lavorava con un team tecnico-artistico fisso, in cui l’attore Chishu Ryu, l’attrice Setsuko Hara e, soprattutto, l’operatore Yuharu Atsuta e lo sceneggiatore Kogo Noda che riteneva decisivi.

Yasujiro Ozu rimase poco conosciuto in Europa fino a quando, nel 1961, Il Festival di Berlino gli dedicò una retrospettiva.

Yasujiro Ozu Viaggio a TokyoOggi è noto in occidente soprattutto fra la critica e fra i cinefili più appassionati e alcuni suoi lavori sono considerati capolavori assoluti del cinema. La rivista Sight and Sound, raccogliendo le opinioni di 358 registi contemporanei, fra i quali Martin Scorsese, Francis Ford Coppola, Mike Leigh e Michael Mann, ha decretato Viaggio a Tokyo miglior pellicola della storia del cinema.

Ozu evitò il suono fino al 1936 col film Figlio unico, restando a lungo nel suo Paese, come Charlie Chaplin, ultimo sostenitore di quel cinema del silenzio. Anche con il colore mostrò la stessa riluttanza rinunciandovi fino al 1959 con il film Buon giorno.

Con l’evolversi delle sue esperienze si specializzò in film gendaigeki, (di ambientazione contemporanea) e spesso nello shomingeki (drammi della gente comune).

Yasujiro OzuA Yasujiro Ozu non piacevano gli esibizionismi tecnici o i grandi movimenti della telecamera. Il suo cinema è pieno di campi larghi e telecamere posizionate in modo fisso, molte delle quali a una distanza di novanta centimetri da terra, cioè dal punto di vista che avrebbe avuto adulto seduto su un tatami.

Ma questa sobrietà formale non gli impedì di rappresentare meglio di ogni altro regista i grandi cambiamenti subiti dalla società giapponese dopo la Seconda Guerra Mondiale; la perdita progressiva dei valori tradizionali del suo Paese e la disintegrazione della famiglia.

Yasujiro Ozu nacque a Tokyo il 12 dicembre 1903.

Scoprì i film da bambino grazie a un cinema itinerante. Grazie all’influenza di uno zio, a vent’anni riuscì a entrare a lavorare negli studi di Shochiku, uno dei più importanti del suo Paese in quel momento.

Prima fu assistente alla macchina da presa, poi regista. Nel 1927 girò The Sword of Repentance, il primo dei suoi 53 film girati in poco più di 35 anni, molti andati perduti, ne rimangono solo una trentina.

Durante la guerra Ozu lavorò alla regia di film di propaganda e fu fatto prigioniero dalle truppe britanniche, restando sei mesi in un campo di concentramento. Dopo la capitolazione del Giappone, ricominciò la sua attività di regista realizzando i suoi film più famosi.

La maggior parte dei suoi film si svolge all’interno delle case. Ozu filma l’intimità della vita quotidiana, restando silenzioso quasi impercettibile spettatore, senza intromettersi. Le telecamere, poste come se facessero parte delle pareti o delle porte scorrevoli, riprendono scene piene di umanità e intimità.

Yasujiro Ozu, morì di cancro il giorno in cui compì 60 anni il 12 dicembre 1963.

Il suo cinema è stato poco conosciuto in Occidente, ma ci sono molti registi che confessano eredi della sua arte. “Se esistesse qualcosa come un sacro tesoro del cinema, per me dovrebbe essere l’opera di Yasujiro Ozu“, ha detto una volta il regista tedesco Win Wenders.