Paola Iotti è nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964. Ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata nella 3^ edizione del Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e sempre seconda al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzata dalla onlus Horse Angels. A gennaio 2016 un suo racconto intitolato “La fattoria del Gelso Bianco” è stato selezionato nella raccolta “Favole senza frontiere” edito da Alcyone Casa Editrice. Sono favole che spiegano ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell'immigrazione. A maggio 2016 si è classificata al terzo posto con un racconto alla 7^ edizione del Concorso Letterario Nazionale Naviglio Martesana. A luglio 2016 è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, organizzato dalla onlus Horse Angels con l’opera “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso” che raccoglie una serie di articoli relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Pubblicazioni di Paola Iotti Come l’arcobaleno tra una criniera: Per me è stata una piacevole sorpresa scoprire che la mia casa editrice, Giovanelli Edizioni, sensibile al tema degli animali, condivide il sostegno all’associazione di Jill Robinson e degli Orsi della Luna. La casa editrice Giovanelli con parte dei proventi oltre che ad Animal Asia sostiene anche la Lega Anti-Caccia e la L.A.V.

Oscar Wilde scrisse una commedia in cui criticava l’eccessivo rilievo attribuito all’apparenza e alla formalità nell’alta società vittoriana in cui viveva.

Il titolo da lui scelto, “The importance of being Earnest“, si basa su un gioco di parole non immediatamente intuibile nella nostra lingua.

L’aggettivo earnest significa infatti onesto ma si pronuncia allo stesso modo del nome proprio Ernest.

Oscar Wilde e l’importanza di chiamarsi Ernesto

La commedia racconta le vicende di due uomini che fingono di chiamarsi entrambi Ernesto e che non si comportano onestamente.

I protagonisti nascondono infatti una doppia vita e si innamorano di due fanciulle che desiderano un fidanzato che si chiami Ernesto perché quel nome le affascina.

Si creano equivoci che, alla fine, si dissolvono in un lieto epilogo.

L’autore prende in giro l’atteggiamento di chi rimane abbagliato dal “nome” senza osservare l’ “essere”, attribuendo importanza all’apparire e non alla sostanza.

Il titolo della commedia mi è venuto in mente quando un amico, accompagnandomi in stazione, nell’attraversare uno dei più bei territori della Toscana mi intrattenne facendomi da Cicerone.

Passammo davanti a una proprietà estesa lungo una collina, con terreni ordinatamente coltivati e una bellissima casa padronale con ampio cortile interno trasformata in hotel di lusso.

Mi spiegò che era sempre stata una tenuta in cui si coltivava frumento, grano, olive, uva e si allevava bestiame.

Un giorno, venne acquistata da una multinazionale americana che la trasformò in un prestigioso resort ma, per renderla più interessante al pubblico, ne mutò il nome da Fattoria in Castello.

Il mio amico commentò:«vuoi mettere tornare dalle vacanze e raccontare agli amici di aver pernottato al Castello invece che alla Fattoria? L’effetto è diverso anche se la struttura è identica!».

La mia guida mi rivelò inoltre l’esistenza di un altro resort esclusivo in una vicina vallata. Venne acquistato un casolare e ristrutturato con cura, ricavandone un raffinato albergo il cui costo per pernottare era parecchio elevato.

Nelle sue vicinanze si trova una famosa abbazia cistercense e un eremo custodisce una spada conficcata nella roccia. Forse, per legarsi all’atmosfera creata dagli edifici storici, i proprietari hanno battezzato il resort inventandosi un nome “antico” come quello di un borgo e di un santo.

Poi, qualcuno ha raccontato che, in quel luogo, nel Medioevo, vi trascorsero la notte molti Papi e… voilà! Lo stesso posto assume un fascino irresistibile.

Il mio amico incalza: «Sarà costoso ma… vuoi mettere quando racconti agli amici di aver dormito dove hanno pernottato dei Papi?».

Arrivo a casa e mio figlio sta guardando una trasmissione televisiva in cui si assiste alla vendita di vecchi oggetti di cui vengono descritte le disparate origini.

Una vecchia tuba di ottone ammaccata, tenuta assieme dallo scotch, si trasforma nello strumento suonato da un bizzarro artista giramondo, così come altre chincaglierie che, da sole, destineremmo senza pensarci un attimo a una discarica autorizzata.

L’acquirente rimane invece affascinato dalle storie abilmente narrate dal venditore: «Lo voglio» è la sua risposta entusiasta, «quell’oggetto ha un’anima e mi sta urlando di prenderlo…».

Che dire? Oscar Wilde aveva davvero ragione: l’importanza di chiamarsi Ernesto!