La sofferenza dei cervi per l'amputazione dei palchi

Chi non si è intenerito alla vista di Bambi nell’omonimo capolavoro di Walt Disney?

Quegli occhioni scuri che guardano sciogliendo il cuore, quelle zampe lunghissime che scivolano sul ghiaccio e si incrociano, provocando ampi sorrisi… Quando la mamma di Bambi viene uccisa dai cacciatori, la tristezza assale lo spettatore mentre il padre porta con sé l’orfano che, in primavera, si trasforma in un maestoso esemplare che si innamora, diventando genitore a sua volta.

I cervi e l’amputazione dei palchi

I cervi per amputazione dei palchi
I cervi per l’amputazione dei palchi

Potrebbe interessarti anche: Sostenibilità ecologica, guarire l’ambiente per lottare contro la povertà.

In Russia, i discendenti di Bambi, i cervi rossi siberiani, vengono allevati per tagliare loro i palchi, erroneamente chiamati corna e che arrivano a pesare fino a sette chili, con modalità che provocano loro grande sofferenza.

Una barbara pratica dovuta alla credenza, in Asia, che le protuberanze cornee abbiano virtù afrodisiache e anti-invecchiamento, così come il loro sangue.

Nel XIX secolo, i cacciatori russi avevano quasi sterminato la popolazione di cervi per tale ragione. Le fattorie che li allevano, all’inizio, sono nate per salvare la specie. Oggi, però, si sono trasformate in luoghi di tortura.

Qui, i cervi vivono liberi in grandi terreni recintati:

i loro palchi, che crescono fino a due centimetri e mezzo al giorno, sono rivestiti da un sensibile strato di pelle ricco di terminazioni nervose.

Quando arriva il periodo degli amori, la pelle si secca e si stacca, lasciando scoperta la struttura ossea. In questo modo, i maschi usano le estremità per combattere senza provare dolore, essendo la superficie insensibile.

Cervi rossi siberiani: I cervi e i palchi ancora ricoperti.

Cervi rossi siberiani: I cervi e i palchi ancora ricoperti.
Cervi rossi siberiani: I cervi e i palchi ancora ricoperti.

Potrebbe interessarti anche: Cambiamenti Climatici: Per gli Scienziati l’Azione deve sostituire l’Impegno Verbale.

Negli allevamenti siberiani, il taglio si effettua quando l’osso è ancora ricoperto dalla pelle innervata perché, in quel momento, si ritiene che le capacità curative dei palchi siano al massimo. L’operazione viene eseguita con una sega da falegname, senza anestesia, provocando all’animale un enorme dolore paragonabile a quello dell’amputazione di un arto.

Alle cinque del mattino del mese di luglio, i cervi rossi vengono spinti in aree sempre più piccole dove subiscono una selezione.

Il raggruppamento nei recinti dei cervi per amputazione dei palchi

Raggruppamento nei recinti deI cervi per amputazione dei palchi
Raggruppamento nei recinti dei cervi per amputazione dei palchi

I prescelti giungono in spazi ristretti dove sono immobilizzati:

la testa è legata a un asse mentre le zampe non riescono a toccare terra.

Lo sguardo degli animali è terrorizzato e quelli più forti reagiscono dimenandosi e schiumando, ma il loro muso viene brutalmente bloccato a terra con i piedi.

Preparazione al taglio dei Cervi rossi siberiani per l’amputazione dei palchi

Preparazione dei cervi per l'amputazione dei palchi
Preparazione dei Cervi per amputazione dei palchi

A questo punto si procede al taglio:

due minuti interminabili in cui il sangue cola sul muso dei cervi atterriti che subiscono, impotenti, la violenza.

Una polvere coagulante mischiata ad argilla viene posta sulle ferite aperte per fermare l’emorragia.
Questa tortura si effettua, su ogni esemplare, per almeno 15 anni e permette di guadagnare circa trecento dollari al chilo.

Inoltre, dalla vena giugulare di ogni cervo si prelevano tre litri di sangue che viene venduto a strutture specializzate nell’offrire bagni di sangue rigeneranti ad estimatori della raccapricciante pratica: secondo loro, dopo l’immersione in quel liquido, pelle e capelli diventano morbidi come velluto, la pressione sanguigna si abbassa e si eliminano problemi ad articolazioni, disturbi cardiaci ed ulcere.

Vladimir Putin in una delle riserve nazionali di Tuva Siberia
Vladimir Putin in una delle riserve nazionali di Tuva Siberia

Molti clienti prenotano con dodici mesi di anticipo i bagni in queste “spa” e, tra essi, pare vi sia anche il presidente russo Vladimir Putin che si sottoporrebbe ai trattamenti per mantenere il fisico giovanile e atletico.

I palchi, una volta tagliati, sono immersi più volte in una vasca di acqua con temperatura superiore a 90 gradi e riposti ad essiccare in una stanza fino a che non perdono circa la metà del peso iniziale. La maggior parte viene esportati in Corea o in zone, come gli Stati Uniti, dove la comunità dei coreani è numerosa.

cervi per amputazione dei palchi 2
Lavorazione dopo amputazione dei palchi dei Cervi rossi siberiani

Potrebbe interessarti anche: Cosa c’è dietro una bistecca?

Con le ossa dei palchi si producono pozioni antinvecchiamento che, per le donne ridurrebbero lo stress e migliorerebbero la carnagione mentre, agli uomini, provocherebbero aumento di libido e prestazioni sessuali. Inoltre, rafforzerebbero ossa, muscoli, denti, vista, udito e sistema immunitario curando pleurite, polmonite, asma, dolori articolari ed osteoporosi.

La medicina ufficiale, con l’eccezione di alcuni medici coreani, nega l’esistenza di tali proprietà.

In Russia manca una legge che difenda i diritti degli animali in generale, essendo presente solo una normativa che tutela quelli domestici solamente nel caso siano sottoposti ad azioni di manifesta crudeltà. In attesa di normative specifiche, l’unica possibilità per fermare queste ignobili azioni è l’informazione e la sensibilizzazione.

L’ignoranza è davvero la madre di molti mali ma, per i cervi rossi siberiani, è la causa di una terribile tortura.

Nel Medioevo, queste superstizioni erano ritenute rimedi efficaci ma è raccapricciante constatare che siano ancora radicate e all’origine di un macabro commercio basato sulla sofferenza di animali indifesi.

Foto: Wikipedia, Tass.ru, Gazeta.ru, Sibnet.ru.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.