ONG, uno scandalo preannunciato
mm

Nasce e vive a Roma. Diplomato a Londra alla “ School of Audio Engineering” è musicista, autore e compositore di musiche e testi per canzoni oltre che sceneggiature teatrali. Nella sua carriera ha realizzato successi editoriali In UK ,

come “ Movin’ too fast” prodotta con Artful Dodger e Romina Johnson, vendendo piu’ di 6.000.000 di copie tra singoli e compilations, il tredicesimo singolo dance in assoluto come numeri di vendita nella storia del mercato inglese; in USA il brano “ Think About me” composto, prodotto e realizzato con la sua label collaborando con Dionne Warwick e con la Royal Philarmonic Orchestra di Londra da lui diretta, è stato campione di incassi.
In Italia ha realizzato un gran numero di produzioni insieme a tantissimi artisti ,

tra gli ultimi Giorgia con l’album “Dietro le apparenze” del 2013, con la quale ha pubblicato nel suo ultimo lavoro discografico “ Oronero ” un brano inedito “ Mutevole” di cui ha composto la musica e Giorgia il testo.

Ha inoltre collaborato con artisti come Michael Franti, Juelz Santana, Les Chic, Eiffel 65, Jermaine Jackson, Karen Jones, Vittorio Gassman, Gatto Panceri, Pasquale Panella, Fio Zanotti, Enzo Avitabile, Amedeo Minghi, Mietta, Tullio De Piscopo, Luisa Corna e molti altri.

Ha pubblicato il 10/07/2015 il suo primo romanzo “ Una bestiale commedia”, edizioni Cavinato International, con cui ha vinto

il Premio della Critica al “ Golden Book Awards 2016” di Napoli, una “ Menzione d’Onore” al “Premio Nazionale Leonardo da Vinci 2015” a Milano, un “Attestato di Merito” Premio Medusa Aurea 2016 “ Roma ed un “Diploma di Merito” al “Premio Poeti Shelley e Byron Val di Vara 2016”.
Ha pubblicato nel lontano 1983 un racconto dal titolo “ Alfa e Omega” su una rivista culturale di nome Frigidaire, curata da Vincenzo Sparagna e nota al gran pubblico per i fumetti di Tanino Liberatore ed Andrea Pazienza.

Gli armadi si aprono, i veli si alzano e quello che c’è dentro e sotto è a dir poco inquietante.

ONG: scandali, le perdite di fiducia nelle organizzazioni e i molti modi di tacere la verità 

Tutto nasce da un’indagine giornalistica condotta dal Times, quotidiano britannico, che ha rivelato oscuri scenari sulla Oxfam, ONG inglese, riguardanti festini a luci rosse, con prostitute minorenni ed abusi sessuali ad opera di operatori della stessa organizzazione durante gli interventi per il terremoto ad Haiti nel 2010.

ONG, uno scandalo preannunciato 1Tutti sapevano e tutti hanno taciuto. E poi, come succede spesso in casi analoghi, lo scandalo si è allargato ad altre ONG, come Save The Children, Médecins Sans Frontières e Christian Aid. Anche qui abusi, spesso su minori e bambini, addirittura casi di sfruttamento della prostituzione e fondi spariti dalle casse ed usati per chissà quali altri scopi.

Un “fallimento morale” lo definisce Penny Mordaunt, la ministra britannica per la Cooperazione internazionale.

E così saltano le prime teste, i vari testimonial internazionali che ci mettono la faccia spariscono inorriditi, ed i fondi destinati dalla Comunità Europea molto probabilmente tagliati se non addirittura cancellati.

Senza parlare poi dell’enorme danno che queste notizie hanno creato per le donazioni spontanee da parte dei privati.

Uno scandalo enorme, perché da chi fonda la propria natura sui principi dell’aiuto umanitario non ci si aspetta davvero un simile epilogo.

Eppure lo scorso anno già qualcosa sull’integrità morale di alcune di queste organizzazioni aveva cominciato a scricchiolare.

ONG, uno scandalo preannunciato 3E proprio qui, in Italia ad opera di un PM, Carmelo Zuccaro, procuratore capo di Catania, che con un inchiesta partita su rivelazioni di Frontex, proprio dalla sua procura aveva sollevato seri dubbi sulla qualità morale degli interventi umanitari di alcune ONG operanti nel Mediterraneo per salvare le vite dei migranti.

Da quell’inchiesta, tra l’altro ancora non conclusa e sulla quale c’è molta riservatezza, è stato per il momento accertato che alcune di queste ONG cooperavano con degli scafisti, libici e non, permettendogli di trafficare indisturbati e rafforzando quindi un business illegale ed immorale, ancora una volta sulla pelle di poveri disgraziati, arrivando fino ad un reato come il 416 bis: associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina.

I casi sono diversi certo, ma anche e soprattutto per come sono stati valutati ed affrontati dalla maggior parte dell’informazione italiana (in questo caso soprattutto quella di sinistra) che, a differenza di quella inglese, non soltanto non si rende protagonista di azioni giornalistiche coraggiose, magari per rivelare verità spesso scomode, come la professione eticamente imporrebbe (vedi il Times sulla Oxfam, figuriamoci!) ma addirittura ostacola le azioni di un PM coraggioso come Zuccaro, reo di aver osato attaccare la sacralità di queste organizzazioni.

Così le sue indagini diventano “inutili e inopportune, ma a spese nostre“ o peggio ancora “dannose per gli italiani e per l’integrità delle ONG” e ancora “ tutto si risolverà come un’inutile bolla di sapone e Zuccaro dovrà chiedere scusa a molte persone”.

Certo, è anche vero che ora c’è il pericolo che tutte le azioni di molte ONG, che effettivamente operano da sempre con intenti genuinamente umanitari, vengano definitivamente compromesse da simili tristi vicende.

Ma quello che più nuoce alla loro causa, a mio parere, è proprio l’atteggiamento da struzzo dei molti loro responsabili, (non tutti: vedi Save The Children che ha denunciato gli abusi appena venuti in superficie) che tacciono e coprono i fatti.

Per non parlare poi dei nostri politici che, con i loro interessi spesso opachi e coperti da un’informazione tipo ancella domestica, contribuiscono a preservare il buio ed il mistero, conservando l’abitudine tutta italiana di nascondere la verità , un po’ come il Vaticano con gli scandali di pedofilia all’interno delle proprie mura.

In questi giorni, a differenza delle prese di posizione nette ed inequivocabili del governo inglese, non ho sentito nemmeno una voce, se non qualche accenno, da parte dei nostri tromboni che ci rappresentano politicamente, alzarsi per commentare e condannare queste vicende. Né ho ancora visto nessun organo d’informazione dedicare qualcosa di più di una semplice e scarna narrazione dei fatti.

E quindi ancora una volta abbiamo lasciato agli altri il ruolo dei capaci e corretti, facendo la solita figura di un Paese dove la politica non fa politica e dove chi dovrebbe informare non informa, chiudendo gli armadi e stendendo i veli che gli altri con coraggio cercano di aprire e sollevare.

Abbiamo di nuovo perso l’occasione per dimostrarci sani ed amanti della verità, quella Verità che negli anni ’70, come recitavano alcuni slogan, si diceva essere “sempre rivoluzionaria”.

Foto da wikipedia Marcello Casal, Oxfam East Africa e da Flickr Vito Manzari