Le piscine rosa e bianche della Nuova Zelanda

La natura o si lascia intimidire da niente, nemmeno dalle sue stesse creazioni.

A volte la natura dipinge le montagne come un arcobaleno e le conserva per millenni e altre crea delicate e complesse strutture che poi cancella o nasconde in un attimo.

Le terrazze Rosa in Nuova Zelanda, il vulcano Tarawera e il lago Rotomahana

Le piscine rosaQuesto è ciò che accadde il 10 giugno 1886, quando l’eruzione del vulcano Tarawera distrusse le spettacolari terrazze di pietra Rosa (Te O-tu-kapua-rangi, la fonte del cielo nuvoloso) e Bianche (Te Tarata, la roccia tatuata), vasche a cascata formate da fonti geotermiche saturate di silicio.

Entrambe le meraviglie naturali erano situate ai margini del lago Rotomahana, vicino alla città di Rotorua, un’isola settentrionale della Nuova Zelanda, separate l’una dall’altra da 1.200 metri.

Terrazze di Rotomahana, in Nuova Zelanda la riscoperta dell’8ª meraviglia naturale del mondo

Il loro aspetto, molto simile alle piscine naturali di Pamukkale in Turchia, fu determinato dall’effetto delle sorgenti geotermiche che, nel corso dei secoli, modellarono i depositi di silice del luogo mentre il colore delle terrazze rosa era dovuto alla presenza di antimonio, solfuri di arsenico e a piccole concentrazioni di oro.

Durante almeno 7000 anni le precipitazione dell’acqua con silicio modellarono queste piscine naturali a gradini, le cui immagini si diffusero in numerosi dipinti e fotografie nel diciannovesimo secolo (prima della comparsa del colore, quindi non si può apprezzare il loro famoso colore).

Le terrazze bianche erano le più grandi delle due, con una superficie di 8 ettari, 50 strati a gradini, un dislivello totale di 25 metri e una larghezza massima in orizzontale di 240 metri. Le rose avevano un calo di 22 metri e una larghezza di 100.

Poiché le terrazze superiori erano più larghe e più profonde di quelle inferiori, con la conseguente varietà di temperature, i turisti e gli spettatori le preferivano per nuotarci.

Nelle rose, ad esempio, le terrazze della parte superiore raggiungevano 100 metri di larghezza, mentre quelle più basse avevano una media di 27 metri.

Lo scrittore Anthony Trollope, che nel 1874 poté bagnarsi nelle terrazze rosa scrisse:

Le vasche sono a forma di conchiglia, come grandi gusci aperti, le cui pareti sono concave e le labbra sono ornate in mille modi…

Te Otukapuarangi e Te Tarata erano luoghi già famosi e apprezzati tra i maori, la popolazione locale, quando furono scoperti e visitati dagli europei.

turisti alle piscine naturali bianche e rosaUno dei primi sarebbe stato Ernst Dieffenbach (1811 – 1855) , naturalista e geologo tedesco che era corrispondente e traduttore del giornale scientifico di Charles Darwin, che li visitò nel 1841.

Più tardi li descrisse nel suo libro Viaggio in Nuova Zelanda (Travels in New Zealand), facendoli conoscere al grande pubblico e facendole considerare l’ottava meraviglia del mondo.

Ma alle 2 del mattino del 10 giugno, 1886 si aprì una crepa enorme di 17 chilometri di lunghezza, che attraversava tutta la montagna fino al lago Rotomahana e alla valle di Waimangu.

Insieme a violenti terremoti cominciarono a uscire nuvole di cenere nera, lava e rocce roventi, l’eruzione del vulcano Tarawera era iniziata.

Numerosi insediamenti maori furono distrutti, fu segnalata la morte di 150 persone, e dove si trovavano le terrazze c’era un cratere profondo più di 100 metri.

Nel corso del tempo il cratere si è riempito di nuovo con acqua, formando l’attuale lago Rotomahana, 40 metri più alto del precedente e dieci volte più grande.

Si pensava che le terrazze fossero scomparse per sempre.

Ma nel febbraio 2011 un team di ricercatori provenienti da GNS Science, il Woods Hole Oceanographic Institution (WHOI), Lamont-Dohery Earth Observatory e l’Università di Waikato, mentre stavano eseguendo la mappatura del fondo del lago trovarono parte delle terrazze rosa a 60 metri di profondità.

Nel giugno dello stesso anno furono anche trovate le terrazze bianche, curiosamente quando si compiva il 125 ° anniversario dell’eruzione.

Tuttavia, non tutti gli specialisti concordano sul fatto che quelle scoperte siano esattamente Te Otukapuarangi e Te Tarata.

Alcuni, come Bill Kleir, sostengono che queste strutture non si trovano esattamente dov’erano prima dell’eruzione.

Se lo fossero, dice, avrebbero dovuto apparire solo a 10 metri di profondità, invece crede che queste siano terrazze preistoriche mai viste prima dall’uomo e create dall’azione del vulcano.

Rex Bunn e Sascha Nolden, basandosi sui diari di Ferdinand von Hochstetter, che effettuò un’indagine topografica e geologica del lago nel 1859, credono che le autentiche terrazze bianche e rosa non siano immerse, ma sepolte sulla sua costa a circa 10 o15 metri di profondità.

Attualmente stanno portando avanti degli scavi archeologici per riportarle alla luce.

piscine naturali rosa e bianche nuova zelandaFoto terrazze rosa George Valentine

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here