Barbara Taglioni è nata a Verbania, grafologa professionista, vive e lavora tra Verbania, Messina e Forlì ( sede operativa). Diplomata alla scuola triennale ARIGRAF (Associazione di Ricerca Grafologica) di Roma specializzata in perizia grafologica giudiziaria presso l’ARIGRAF di Milano, è socia ordinaria della Société Francaise de Graphologie. Specializzata in grafologia aziendale, presso AGP (Associazione Grafologi Professionisti) di Bologna e in Educazione e Rieducazione del Gesto Grafico presso AED (Associazione Europea Disgrafie) di Roma. Iscritta AGI Associazione Grafologi Italiani) già ideatrice e redattrice della rivista GRAPHOMANIA, è cotitolare del sito GRAFOLOGHIAMO.IT, autrice di articoli e pubblicazioni su riviste culturali e del settore e organizzatrice di incontri divulgativi su temi inerenti la disciplina della grafologia e del gesto grafico. Barbara Taglioni scrive abitualmente sulla rivista culturale Messinese MOLESKINE. INCHIOSTRI DI CARATTERE – ritratti grafologici di personalità famose – ApostrofoEditore pubblicato nel mese di aprile 2015 è il suo primo libro. Barbara Taglioni, pubblicazione: Inchiostri di carattere. Ritratti grafologici di personalità famose La grafologia è un mezzo privilegiato per lo studio del carattere, lo scopo del libro è condurre il lettore in un viaggio affascinante tra le righe di personaggi famosi per scoprire e interpretare le corrispondenze tra segno grafico e personalità.

Radio Tirana, come la radio di un piccolo paese è entrata nella storia

Definita “ la voce dell’Albania al mondo”, questa emittente, nata nel 1938, è sopravvissuta ai vari avvicendamenti politici e ai capricci della Storia.

 

 

Lettera a Radio Tirana: Lettera 1 – 11 settembre 1960 – lingua ?Lettera a Radio Tirana: Lettera 1 – 11 settembre 1960 – lingua ?

Lettera a Radio Tirana: Lettera 1 – 11 settembre 1960 – lingua ?

Ha saputo strappare applausi e infastidire con il suo segnale persino la BBC.  

Ha continuato a parlare dopo gli invasori italiani, quelli tedeschi, durante gli anni bui della dittatura  comunista e parla ancora oggi.

Proprio durante l’ultima tappa del mio viaggio, l’Albania mi ha regalato una sorpresa.

A Kruja, l’antica capitale albanese, a soli 32 km da Tirana, città simbolo della resistenza anti-ottomana, nonché città dell’eroe nazionale Scanderbeg, curiosando nel bazar tra i soliti ormai standardizzati souvenir, ho scoperto uno scatolone di lettere manoscritte tra il 1960 e il 1990, che mi ha fatto esultare come se avessi trovato un tesoro.

La scrittura a mano è in assoluto la mia passione più grande e non perdo occasione di cercare tracce d’inchiostro ovunque io vada. 

Molte di questi scritti sono  indirizzati proprio alla celeberrima Radio Tirana (dalla Francia, dalla capitale, da paesi albanesi) mentre altre raccontano storie di vita e di affetti.

Ne ho acquistate alcune.

Grafie differenti di donne e uomini che usano lingue diverse, che ci raccontano un pezzo di storia, di piccoli grandi avvenimenti, di semplicità e di famiglia e sono rivelatrici di un tempo andato, un tempo ancora schiavo del regime che non conosceva le atrocità della nuova guerra ormai alle porte che ha interessato la zona dei Balcani.

Ne riporto alcune immagini e alcuni stralci tradotti:

Lettera a Radio Tirana: Lettera 2 – 12 settembre 1989 – Maurice scrive da Parigi a Radio Tirana

Lettere a Radio Tirana:

Lettera 2 – 12 settembre 1989 – Maurice scrive da Parigi a Radio Tirana

Un cittadino francese, Maurice (lettera 2), scriveva così:

“Cari Camerati e Amici, (….) non riesco ancora a captarvi, anche se riesco invece a sentire praticamente tutte le altre Radio in Europa.

Lettera a Radio Tirana: Lettera 3, senza data da Tirana a Lushnje

Lettera a Radio Tirana:

Lettera 3,  senza data da Tirana a Lushnje

Un cittadino albanese dal nome intraducibile scrive all’amico Hvni a Lushnje (lettera 3), raccontando dei propri figli:

“(…)Elisa è sempre là dove era prima, Mandi è impiegato nel Palazzo del Parlamento come capo del Protocollo e spero che l’abbiate visto anche voi in televisione. Altini si è fidanzato con una ragazza che studia in Ungheria(…) E’ vero che è passato molto tempo da quando ci siamo visti. (…) Mando tanti saluti da Lisa, i figli e anche da me. Io vi saluto col cuore.”

Radio Tirana, lettere

È impossibile non domandarsi dove siano gli autori e i destinatari di queste missive.

È naturale pensare a come siano oggi le loro vite e quella delle loro famiglie e se siano ancora viventi. Ogni piccola storia è una grande Storia e contribuisce a formare il corso del Tempo.

Loro hanno lasciato il loro piccolo/grande contributo: lo hanno affidato alla carta “in punta di penna” con le tracce del loro inchiostro.