Barbara Taglioni è nata a Verbania, grafologa professionista, vive e lavora tra Verbania, Messina e Forlì ( sede operativa). Diplomata alla scuola triennale ARIGRAF (Associazione di Ricerca Grafologica) di Roma specializzata in perizia grafologica giudiziaria presso l’ARIGRAF di Milano, è socia ordinaria della Société Francaise de Graphologie. Specializzata in grafologia aziendale, presso AGP (Associazione Grafologi Professionisti) di Bologna e in Educazione e Rieducazione del Gesto Grafico presso AED (Associazione Europea Disgrafie) di Roma. Iscritta AGI Associazione Grafologi Italiani) già ideatrice e redattrice della rivista GRAPHOMANIA, è cotitolare del sito GRAFOLOGHIAMO.IT, autrice di articoli e pubblicazioni su riviste culturali e del settore e organizzatrice di incontri divulgativi su temi inerenti la disciplina della grafologia e del gesto grafico. Barbara Taglioni scrive abitualmente sulla rivista culturale Messinese MOLESKINE. INCHIOSTRI DI CARATTERE – ritratti grafologici di personalità famose – ApostrofoEditore pubblicato nel mese di aprile 2015 è il suo primo libro. Barbara Taglioni, pubblicazione: Inchiostri di carattere. Ritratti grafologici di personalità famose La grafologia è un mezzo privilegiato per lo studio del carattere, lo scopo del libro è condurre il lettore in un viaggio affascinante tra le righe di personaggi famosi per scoprire e interpretare le corrispondenze tra segno grafico e personalità.

Reportage di viaggio in Albania: c’è ancora in Europa un angolo nascosto che si sta aprendo al mondo…

Amo viaggiare. Non appartengo alla categoria di coloro che partono informatissimi sui luoghi da visitare e magari spuntano ogni luogo visto e calpestato  elencando i visti sul proprio passaporto.

A volte dimentico anche i nomi dei luoghi visitati.

Mi piace semplicemente errare e utilizzare i cinque sensi che abbiamo la fortuna di possedere per assorbire tutto ciò che incontro sul mio percorso.

Prediligo la  gente e i volti, gli angoli nascosti e meno noti, che ritengo più veri e rivelatori di differenti modi di esistere e di “calpestare” il nostro pianeta.

Albania, Scutari – Fortezza di Rozafa

Albania, Scutari – Fortezza di Rozafa

La mia ultima zingarata mi ha portato in Albania, un paese che si è rivelato un miscuglio di culture e di religioni che convivono senza attrito apparente.

A proposito di divergenze, per esempio in campo religioso, una frase mi ha molto colpito e dovrebbe essere d’esempio per tutti i popoli:

gli abitanti di questo paese dicono curiosamente che la religione dell’Albania è L’Albania.

È un luogo che  per decenni  è stato come un “vicino-remoto“, che dalla condizione di totale isolamento, in cui è vissuta per 50 anni  (unico paese ufficialmente stalinista del pianeta), si vede ultimamente catapultato nella modernità.

Da  dirimpettaio silenzioso che ci parlava solo attraverso i roboanti comunicati di Radio Tirana oggi  infatti si sta trasformando in un paese turistico e preso di mira da investitori in cerca di business sfrenati.

Albania eroe nazionale Scanderbeg

Giorgio Castriota, detto Scanderbeg è stato un nobile, condottiero e patriota che organizzò la resistenza degli albanesi bloccando per decenni l’avanzata dei turchi verso l’Europa. In Albania è considerato l’eroe nazionale. (foto wikipedia.org)

mio vagabondare mi ha portato a visitare le spiagge affollatissime di Durazzo e di Valona, ridotte drasticamente dal cemento di costruzioni selvagge, che mi hanno fatto ripensare agli anni del nostro boom economico quando tutti facevamo del mare, dell’abbronzatura e della “ciccia” simboli di benessere.

Quando eravamo disposti a partire con la cinquecento e il portapacchi carico di ogni ben di dio, dalla tenda al canotto, dal fornello a gas al tavolino da campeggio con le relative sedie, compreso naturalmente l’olio super abbronzante e il materassino con il gonfiatore a pedale per trovare il nostro angolo felice sulla battigia.

Il viaggio mi ha mostrato anche altri aspetti dell’Albania:

la  Storia  antica della dominazione turca, da apprezzare nelle sue chiese ricche di affreschi, alcuni incredibilmente ben conservati,

e nelle splendide icone nel monastero di Ardenica,

la magica Berat, la citta dalle mille finestre, Gjirokaster con la sua splendida fortezza, patrimono dell’Unesco,

i resti dell’antica citta romana di Apollonia,

il sito archeologico di Butrinto immerso nel verde in una pace immobile nei secoli. 

 

Albania Butrinto, sito archeologico al confine con la Grecia

Albania, Butrinto, sito archeologico al confine con la Grecia

Anche il periodo comunista degli anni settanta è ancora oggi ben visibile nei palazzi e nelle  centinaia di migliaia di bunker, costruiti in cemento armato e capaci di ospitare al loro interno tre, quattro, cinque persone, ancora  visibili in tutto il paese, spesso adibiti oggi agli usi più impensati .

Il mio viaggio si è concluso a Kruja, l’antica capitale albanese, a soli 32 km da Tirana, città simbolo della resistenza anti-ottomana, nonché città dell’eroe nazionale Scanderbeg.  

Essa sovrasta la sottostante pianura posta come intermezzo tra l’Adriatico e le montagne offrendo un panorama spettacolare.

Albania

La gente che ho incontrato in giro è visibilmente proiettata verso la conquista del benessere  e con esso si intravedono già tutti gli errori e le brutture che lo accompagnano: ecomostri in posizioni improbabili, campagne che si svuotano a favore dei grandi centri superaffollati e spesso disinteressati alla conservazione delle antiche bellezze.

Reportage dall’Albania, articolo L’Albania un angolo nascosto che si apre al mondo e foto di Barbara Taglioni su CaffèBook (caffebook .it)