Direttore responsabile di CaffèBook. Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana) Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna.

È così che pensavo avrei passato la serata, bevendo una birra con un amico al pub, ed è finita parlando di John Kenn Mortensen e dei suoi mostri

John Kenn Mortensen e i suoi mostri

Sì, lo so, che sono in tutto il mondo. Non un singolo blogger o navigante della rete, resiste al terribile fascino di questi mostri disegnati da un misterioso artista (in Italia) di nome John Kenn del quale nessuno sembra sapere molto altro.

In molti, e forse a ragione, dicono che queste creature pelose ricordino i mostri amati e ritratti da Maurice Sendak per il suo libro Where the wild things are (1963) che di recente è diventato anche un film (di Spike Jonze), ma a questo paragone manca qualcosa.

Mi sembra che, dietro la patina macabra, in questi disegni vi sia anche una certa aria malinconica e un sottile senso dell’umorismo che però deve rendere qualcosa all’estetica dell’ineguagliabile (e ampiamente plagiato) Edward Gorey.

Comunque, tutto quello che ho scoperto di Kenn è nel testo che appare nell’intestazione del suo blog:

John Kenn

Nato in Danimarca nel 1978. Scrivo e dirigo programmi televisivi per i bambini. Ho un paio di gemelli e poco tempo per quasi tutto. Ma quando ho un po’ di tempo faccio disegni di mostri sui post-it… È una finestra in un altro mondo, ma fatta con materiale d’ufficio.

John Kenn Mortensen dai materiali tradizionali del disegnatore classico, la matite e carta, si allontana nell’uso del suo formato preferito: il post-it, una superficie gialla in cui le righe, infittendosi, creano le ombre.

John Kenn Mortensen e i suoi mostri

Quelli di John Kenn sono disegni muti, senza scritte, senza descrizioni e senza un apparente filo conduttore e forse per questo aperti a qualunque interpretazione e anche a qualunque critica, qualcuna ne ho incontrata.

Quello che mi piace di più di questi mostri è che non si sa se sono spaventosi o terribilmente spaventati nel vedere i bambini.

Io sono senza dubbio incline al secondo.

Forse perché i bambini possono essere anch’essi fonti di paure, o forse perché quei bambini, quelli disegnati, sembrano guardarli con tristezza o con indifferenza.

A dire il vero poi, visto il modo con il quale il mondo, quello vero, invade con orrore i nostri schermi televisivi quotidianamente, questi mostri pelosi fanno quasi tenerezza come una razza in via di estinzione.

Appaiono immobili, sorpresi e forse paralizzati da un incontro inatteso, e sembrano usciti dalle paure dei vecchi tempi, come il lupo nelle favole della nonna.

John Kenn mostri, e il lupo delle favole John Kenn mostri e bambini

Case rurali, moli rustici o recinti fragili, sono integrati in foreste, campi e laghi, scenari perfetti per il tormento degli incauti passanti.

L’universo di Mortensen è affollato da queste creature inquietanti e tristi e nel viaggio attraversiamo un ambiente naturale in cui l’uomo sembra quasi un intruso.

E alla fine potrebbe essere questo quanto è accaduto, dalla finestra sull’altro mondo di John Kenn passano dei bambini che stanno dimenticando le favole e i naviganti del web che le cercano, magari bevendo una birra.

Leggi anche:

Interpretazioni da favola 

Emmy Kalia, una matita dall’Olanda

Arinze Stanley, l’artista che inganna l’occhio

 {youtube}btikRdTV3vU{/youtube}