Uno dei principali concetti rivoluzionari introdotti dall’Illuminismo è quello di felicità.

Prima di loro, l’aspirazione degli uomini era raggiungere la beatitudine eterna. Tutto ciò che procurava felicità nella vita materiale era considerato un vizio.
La maggior parte delle persone conduceva un’esistenza colma di fatiche: per ottenere la vita eterna occorreva espiare i peccati, comprando indulgenze o recandosi in pellegrinaggio nei Luoghi Santi.

L’Illuminismo crede invece che gli esseri umani, dall’ultimo dei contadini al più importante dei re, siano dotati di Ragione, considerata lo strumento con cui raggiungere la felicità sulla terra, senza attendere una vita futura.

La strada per la felicità prende il nome di progresso:

la convinzione è che l’intelletto possa educare, conducendo a un generale miglioramento.

L’intellettuale non ha più il semplice compito di custodire il sapere, ma quello di indicare ai governanti come agire per modificare la società e garantire, con le leggi, “la massima felicità divisa nel maggior numero“, citando le parole di Cesare Beccaria.

Felicità o PIL, nel Bhutan un idea dell'illuminismo

Felicità nel Bhutan: il FIL 

La rivoluzione industriale innova l’economia, costruendo un sistema che subisce un arresto durante la crisi del 1929.
Pochi anni dopo, nel 1934, Simon Kuznets, premio Nobel per l’economia, elabora l’indicatore del PIL, il prodotto interno lordo, che viene universalmente assunto per misurare il benessere complessivo della popolazione.

Kuznets era però contrario a quell’utilizzo in quanto il PIL, promuovendo una crescita economica illimitata, presuppone un modello insostenibile, mentre le risorse del pianeta sono limitate.
Successivamente, nel 2008, un altro premio Nobel, Joseph Stiglitz, è posto a capo di una commissione di economisti con l’incarico di indicare le strategie da adottare per superare il PIL.

Il documento elaborato sottolinea che PIL e benessere sono distinti:

esso presenta dodici raccomandazioni con cui approntare statistiche per misurare il benessere, tenendo conto di valori materiali affiancandoli però ad altri, come reddito e consumo invece della sola produzione, come qualità dei beni, servizi e non solo costi, oppure tempo libero, sicurezza, relazioni sociali, tutela dell’ambiente e sostenibilità delle azioni nel tempo.

Si valuta l’impatto del benessere sui singoli, senza considerare grandezze “medie”.

Chi ha cercato di superare il PIL è stato un piccolo paese ai piedi dell’Himalaya, il Buthan.

A partire dagli anni Settanta il re Jigme Singye Wangchuck IV introdusse il FIL, la felicità interna lorda, che in inglese si chiama GDH, ovvero gross domestic happiness.

 Buthan

Articolo La felicità dall’Illuminismo al Buthan: un’alternativa al PIL? su CaffèBook (caffebook .it)

In Buthan si è voluto misurare l’effetto dell’attività economica sulla base di criteri che toccano il concreto vivere dei cittadini, come lo sviluppo sociale equo, la sostenibilità ambientale, la promozione di cultura e relazioni sociali, analogamente a quanto avrebbe suggerito la commissione di Stiglitz nel 2008.
Il re si convinse che la crescita economica materiale, trascurando le esigenze della gente, le allontanasse dalla felicità che, secondo la filosofia buddista, è data dall’equilibrio fra corpo e mente.
Il PIL considera solo le esigenze materiali, ed è compatibile con una società consumistica.

Ecco che il Buthan introduce valori di stampo illuministico quali istruzione, giustizia, salute, assistenza sociale, rispetto della natura e sviluppo della cultura.

Inoltre il sovrano trasforma la monarchia da assoluta in costituzionale, abdicando in favore del figlio e ritirandosi in una casa nella foresta.
In Buthan, quando un progetto di legge arriva in Parlamento, si avvia una discussione che verte su questi parametri, il cui mancato rispetto può portare a un blocco dell’iter stesso.

Più del 70% del territorio è ricoperto da foreste, presenta un altissimo livello di biodiversità e varietà di habitat protetti da parchi. Si produce energia idroelettrica, utilizzando le abbondanti acque montane, e si esporta nei paesi limitrofi.
Entro il 2020 la produzione agricola sarà convertita per conformarsi ai criteri biologici.

Nell’aprile 2016 la nazione è assurta ai riflettori della cronaca per la visita dei principi ereditari inglesi William e Kate, mostrando un paese che cerca di conservare le tradizioni conciliandole con le esigenze della modernità, in cui il turismo è tra le maggiori attrattive.
Fino al 1999 un divieto impediva l’ingresso nel paese a Internet e televisione.

Utilizzando i parametri del PIL, il Buthan è catalogato come una delle nazioni più povere al mondo.

In realtà nessuno muore di fame, non esistono mendicanti o criminalità, e il 90% della popolazione ha accesso gratuito a sanità e istruzione. Una legge vieta l’importazione di tabacco, rendendo inutili i divieti di fumo.
Questa la facciata.

L’altra parte della medaglia ha visto, a partire dagli anni Novanta, l’espulsione di un quinto della popolazione di origine nepalese e religione hindu, costretta ad allontanarsi per tutelare l’identità culturale buddista.
Nei campi profughi o tra gli esuli il tasso di suicidio è elevato.
Inoltre, esiste un divario di condizione tra i cittadini che dispongono di reddito e istruzione adeguati rispetto a chi vive nelle campagne, con minor accesso al benessere.
L’alcolismo è diffuso e la violenza domestica nei confronti delle donne in aumento.
L’acronimo GNH è stato ironicamente tradotto in Governament Needs Help, ossia il governo ha bisogno di aiuto.

Gli economisti più intransigenti plaudono, sostenendo che nell’economia valgono solo i numeri e non altri parametri.
Nel 2013 il partito all’opposizione ha vinto le elezioni criticando il governo per aver usato il GNH come paravento per non occuparsi dei problemi reali. L’obiettivo è trasformare la felicità interna lorda da teoria a strategia concreta di sviluppo.

Il FIL, o GNH, non dev’essere liquidato come un’utopia irrealizzabile ma come un’esperienza di cui cogliere elementi utili per migliorare.
Invece di criticare e buttare tutto alle ortiche, bisogna apprezzare lo sforzo di superare i limiti del PIL, considerando che la ricerca di un indicatore alternativo non sempre è la soluzione.
Il PIL è un parametro che i governi hanno scelto ma che non sono obbligati a seguire, potendo individuare innumerevoli valori su cui basare la politica.
Anche il migliore degli indicatori costituisce, come dice lo stesso nome, una semplice indicazione.
Sta alle persone che detengono il potere assumere le scelte più opportune, facendosi guidare da interessi comuni e condivisi piuttosto che da quelli legati al profitto di pochi.

Articolo La felicità dall’Illuminismo al Buthan: un’alternativa al PIL? su CaffèBook (caffebook .it)