5 Consigli per smettere di procrastinare!

Procrastinare significa

differire, rinviare da un giorno a un altro, dall’oggi al domani, allo scopo di guadagnare tempo o addirittura con l’intenzione di non fare quello che si dovrebbe” (Treccani).


Sono sicura che tutti noi abbiamo più volte procrastinato qualcosa:

un appuntamento, un lavoro da fare… non c’è nulla di male in questo, ovvio!

Foto per 5 Consigli per smettere di procrastinare!
5 Consigli per smettere di procrastinare! Foto 1

Il problema si presenta quando procrastinare diventa un’abitudine che a lungo a dare ci nega la possibilità di vivere la vita che desideriamo (perché si, accade!).

Immaginiamo la scena: sei seduto alla scrivania e dovresti svolgere un compito molto importante, da cui dipende magari una promozione o il voto di fine anno scolastico.

Cosa fai? Invece di dedicarti a tale compito ti colleghi a Facebook, apri Instagram, invii un messaggio WhatsApp, controlli il meteo… Mi sono avvicinata?

Bene!! Continua a leggere l’articolo!

Per smettere di rimandare il primo passo necessario è capire perché procrastiniamo.

Foto 5 Consigli per smettere di procrastinare! 3
Consigli per smettere di procrastinare!

Tra le maggiori cause troviamo:

  • paura dell’insuccesso: la paura di fallire, a volte, può essere talmente forte da fungere da “freno” e bloccare così qualsiasi iniziativa;
  • paura del successo: temere di non meritare il successo o dover poi mantenere le aspettative può indurre un forte stato di ansia e stress che può fungere da blocco tanto quanto la paura dell’insuccesso;
  • paura delle conseguenze e delle responsabilità;
  • pigrizia;
  • disinteresse;
  • perfezionismo: ritenere che un compito o una prestazione debbano essere svolti in maniera perfetta non permetterà mai di sentirsi sicuri e pertanto si tenderà a rimandare. Questo stesso principio guida l’attendere il “momento giusto”;
  • rabbia e ribellione: se le pressioni e/o le aspettative altrui sono vissute come intollerabili si può, spinti appunto dalla rabbia, reagire procrastinando;
  • non avere le idee chiare: non avere chiarezza di obiettivi implica non aver chiara la direzione da intraprendere. Questa condizione può essere un elemento importante nella tendenza a rimandare;
  • essere troppo ottimisti: “sono sicuro/a che domani riuscirò a portare a termine non solo ciò che non ho fatto oggi ma anche le attività che avevo già programmato per domani!” Quante volte lo hai pensato? Come è andata? Molto probabilmente non ci sarai riuscito/a. Ciò accade perché si tende a sottovalutare la durata delle attività future e a sovrastimare le proprie capacità. La conseguenza è rimandare fino all’ultimo secondo convinti di potercela tranquillamente fare.

In quale ti ritrovi?

Prima di andare avanti vorrei che comprendessi un concetto chiave. Il procrastinatore non è una persona che non fa nulla, anzi!!

È una persona impegnata nel non fare un’attività importante sostituendola con compiti meno urgenti e piacevoli.

Ciò significa che procrastinare è una scelta volontaria di cui tu sei l’autore/autrice.

La conseguenza positiva è che puoi decidere di smettere di procrastinare.

I costi.
Immagino che tu sia titubante, un cambiamento ed una decisione mettono sempre in crisi.

È normale, non preoccuparti!! Forse ti starai chiedendo “Ok, ma perché dovrei smettere?”. Domanda legittima.

Innanzitutto mi piacerebbe che tu scrivessi le conseguenze a cui il tuo comportamento ti espone. Fatto? Perfetto, prosegui con la lettura.

Sono sicura che fino ad ora tu non abbia avuto delle conseguenze (o molte conseguenze) negative a tale tuo comportamento. Bene, ma sei sicuro/a che sarà sempre così?

Nell’analizzare le conseguenze dei nostri comportamenti tendiamo spesso a guardare al breve termine.

Ma a lungo termine? (se non hai inserito conseguenze a lungo termine nella lista che hai scritto di tuo pugno potresti farlo ora)

Sei davvero così sicuro/a che, ad esempio, il tuo capo potrà perdonarti sempre per le relazioni che consegni in ritardo?

La ripercussione in ambito lavorativo o scolastico possono essere le uniche conseguenze?

In realtà rimandare ha effetti anche sul piano emotivo:

  • mina la nostra autostima: nel rimandare una qualsiasi attività o impegno si ammette implicitamente a se stessi che non si è in grado e/o non si merita di ottenere un dato obiettivo; si rinforza la convinzione di essere effettivamente pigri e svogliati;
  • mina la nostra tranquillità e il nostro tempo libero: non aver svolto un compito importante indurrà a pensare ad esso mentre si dovrebbe trascorrere del tempo con i propri cari o dedicarlo a se stessi;
  • aumenta l’ansia e lo stress.
Fare sport: 5 Consigli per smettere di procrastinare
5 Consigli per smettere di procrastinare!: sport

Cosa fare?

  1.  affronta un progetto per volta: non pretendere di portare avanti 3/4 attività importanti contemporaneamente. Dedica le tue energie ad un progetto e portalo a termine prima di passare al successivo;
  2.  non perdere troppo tempo a pianificare, agisci! Agisci anche quando il tuo umore non è dei migliori l’attività comporterà benefici anche su di esso;
  3. dedicati prima alle attività difficili: il resto della giornata ti sembrerà meno pesante;
  4. allevia lo stress: ritaglia del tempo per te. Puoi dedicarti ad uno sport, fare una telefonata, uscire per un caffè, praticare yoga e/o pilates, dipingere, scrivere, cantare, imparare una tecnica di rilassamento…
  5. sfida i pensieri negativi: “non ce la farò mai”, “non sono in grado”… prima di dare per veri tali pensieri concediti la possibilità di verificare la loro veridicità o meno.

Se tali accorgimenti non dovessero essere sufficienti un percorso psicologico potrebbe esserti di aiuto nell’affrontare e fronteggiare tale comportamento.

Ma ricorda: non rimandare!!! Il costo è il tuo benessere.

Leggi anche: Timidezza o fobia sociale?

Foto Pixabay, elaborazione Roberto Roverselli per CaffèBook (caffebook.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.