Frank Sidebottom e Chris Sievey, la musica è improvvisazione genio e follia

La personalità di un artista può essere complicata da comprendere per alcune persone.

Christopher Mark Sievey è il chiaro esempio di come la pazzia possa essere confusa con il genio nella creazione artistica.

Un gruppo di punk fallito e la nascita di un nuovo personaggio con una gigantesca testa di cartone sono ciò che caratterizza questo musicista britannico forse non così noto.

Frank, il film di Lenny Abrahamson

Alcuni anni fa apparve il film Frank (Lenny Abrahamson, 2014), in cui si racconta la storia di un musicista di talento. Il leader di una band pop-punk ha con una personalità complicata e un’apparente tragica storia che lo hanno spinto a fare musica alienandosi da questo mondo.

Michael Fassbender in FrankTutto questo già lo rende carismatico e unico nel gruppo di musicisti che lo seguono, tuttavia, c’è qualcosa di ancora più peculiare nella sua personalità, una gigantesca testa di cartone. Tutti si chiedono chi sia il misterioso genio sotto l’enorme testa. Nessuno lo sa, si vede solo il suo genio, la sua pazzia e il modo in cui una persona creativa può influenzare la vita delle persone.

Questo personaggio è interpretato da Michael Fassbender e, senza dubbio, lascia paralizzati molti spettatori. Soprattutto coloro che hanno vissuto situazioni simili alle persone che circondano Frank.

Frank, con le sue stravaganze, è senza alcun dubbio il tipo più sano di mente che io abbia mai incontrato in tutta la mia vita.” dice una frase del film.

La storia del vero musicista può diventare ancora più interessante di quella che vediamo nel film. Non per questo motivo la pellicola cessa di essere suggestiva dal momento che il film non è biografico, ma è una storia narrata nella finzione.

Questo ci lascia però con la domanda su chi era il vero Frank.

Chris Sievey, l’uomo sotto la maschera di Frank Sidebottom

Chris SieveyChris Sievey è l’uomo che ha dato la vita e ha creato la gigantesca testa di cartone. Un comico e un musicista inglese. Forse non possedeva grandi doti musicali, anche se ciò dipende dai gusti personali, ma senza dubbio aveva un grande talento o una grande follia.

Da quando aveva quindici anni, Chris era alla ricerca di un’opportunità per avere successo nella musica. Fu allora che dopo molti tentativi, e con l’aiuto di suo fratello, riuscì finalmente a realizzare un progetto.

La sua carriera era iniziata con una band che apparteneva alla nuova ondata punk, The Freshies. Tuttavia, la sua carriera non sembrava promettere molto.

Dopo aver registrato un paio di album con The Freshies senza particolare successo decise di abbandonare la band.

Così Chris smese di preoccuparsi della fama e creò un nuovo personaggio: Frank Sidebottom.

Quello fu l’inizio di una stella. Totalmente estraneo a questo mondo e tuttavia immerso in esso. Irriverente ma innocente, una persona completamente diversa da Chris. La sua lingua, il modo in cui camminava, compresa la sua voce e il modo in cui cantava.

L’ascesa di Frank Sidebottom

Frank SidebottomPer Frank Sidebottom senza dubbio, dato l’inizio di Chris Sievey, la passione era la musica.

Dell’ambiente musicale dell’epoca (ma è così diverso quello di oggi?) Frank-Chris aveva capito tutto.
Probabilmente aveva capito che il genio creativo non dipendeva da ciò che dettava l’industria musicale con le sue mode, ma dalla follia, dall’imprevisto, dall’irrazionale e da quello che pochi erano disposti a fare.

La sua prima apparizione in TV risale al 1985: parlò della sua musica. Apparve molte altre volte spesso accompagnato da Little Frank, una piccola bambola di cartone con la testa di Frank ridotta.

Il personaggio di Frank, rispetto ai The Freshies, segnò un cambiamento nella creazione musicale di Chris Sievey.

Frank e Chris, pur essendo la stessa persona, dentro e fuori la maschera era personaggi dissimili: con altra musica e altre idee.

La grande novità di Frank Sidebottom fu, in breve una musica poco organizzata e piuttosto improvvisata e la personalità unica di questo personaggio con una gigantesca testa di cartone.

Frank Sidebottom non era mai solo sul palco.

Nelle sue esibizioni dal vivo, era sempre accompagnato da musicisti virtuosi. Il suo talento non era la capacità di suonare strumenti, ma la sua capacità di improvvisare e sorprendere con i gesti dell’irruente di Frank.

Non poteva essere paragonato musicalmente ai suoi contemporanei: Queen o The Fall, dei quali a volte fece alcune parodie delle loro canzoni: come “Hit the North” o “We are the champions”. Ma la musica di Frank andava in una direzione diversa da quella in cui stavano andando tutti.

Il suo lavoro consisteva nell’unire in un insieme di tutto ciò che c’era, e dava come risultato la sua personalità eccentrica e la sua interpretazione musicale inconfondibile.

L’artista è solo un mezzo per portare l’opera d’arte agli altri. Chris era di Frank. Il suo alter ego era l’opera d’arte. Chris si annullò totalmente per dedicare la sua vita ad essere Frank Sidebottom.

Frank Sidebottom 2Chris non era solo un musicista, era un attore all’interno dell’enorme testa di cartone, un artista innovativo nei suoi concerti e nelle sue apparizioni in televisione.

Aveva un’inconfondibile voce nasale, faceva improvvisazioni e parodie di grandi canzoni rock in uno stile new wave e punk. Tanto che alla fine di molte delle sue canzoni lo si sente terminare con un “fuck you“.

Frank e la sua musica sono stati una sfida per l’industria musicale. Era qualcosa di diverso dal previsto. Non facevano prove prima delle esibizioni, e il giorno in cui ne fecero una fu un fallimento, secondo Jon Ronson, un pianista che suonò con lui per diversi anni.

Quindi la sua musica dipendeva dall’improvvisazione. Le persone che venivano ai suoi concerti non volevano ascoltare le grandi voci della musica, ci andavano perché amavano la spontaneità di Frank.

Genio e follia di Frank Sidebottom

Canzoni e spettacoli umoristici ma con tinte anarchiche, come era classico del punk. Un umorismo assurdo, poiché creato dallo stesso personaggio che era l’incarnazione dell’assurdo e dell’irrazionale.

Ascoltare e vedere Frank Sidebottom in azione era un duro colpo per la salute mentale.

Ascoltarlo farebbe anche riflettere sulle cose che l’industria musicale spaccia come le “migliori” del momento.

Forse di fronte alle orecchie dei musicisti, la musica di Frank manca di virtuosismo, persino di struttura. Decisamente manca una voce potente, ma Frank evidentemente preferiva essere creativo e sfruttare le differenze che lo rendevano unico.

Creare qualcosa di diverso richiede talento e, soprattutto, se vuoi fare un salto che ti permetta di entrare nell’assurdo. Quel salto richiede follia. Se non ce l’hai, non sarai mai in grado di entrare nella terra dell’assurdo, dove vengono cucinati molti dei più geniali capolavori dell’umanità.

Frank era un artista non adatto a tutti. Un genio nella musica anche se non nel senso che propone l’industria musicale e forse nemmeno per molte persone. Nonostante ciò, era famoso nel suo paese, Timperley, in tale misura che fu eretta una statua in suo onore dopo la sua morte.

Anche dopp il film che è stato realizzato nel 2014, per molte persone nel mondo è ancora uno sconosciuto. Ma da un artista di culto dovrebbe emergere anche un film di culto. Sebbene Frank fosse colui che raggiunse la popolarità, Chris Sievey era l’artista che era sotto la maschera. Ed è grazie a lui che questa eredità esiste.

Christopher Mark Sievey è morto di cancro nel giugno 2010, a 54 anni.

Ha lasciato tre figli e una moglie, però ha lasciato anche altro, qualcosa che loro e il resto del mondo, almeno la parte disposta a scoprirlo, possono sempre ritrovare: la grande opera artistica di Frank e il suo genio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here