Anemia Equina Infettiva: una normativa illogica

Cristal e Barbara hanno entrambe dodici anni. La prima è una cavalla mentre la seconda è la sua piccola amica umana: assieme vivono quotidiani momenti di felicità.
Barbara deve dividere il suo tempo tra impegni scolastici ed equitazione: spesso amici e insegnanti le domandano se non sia troppo stancante andare al maneggio quasi tutti i giorni.

Anemia Equina InfettivaLa bambina risponde che, in effetti, in certi periodi la giornata sembra pesante ma, quando non va da Cristal, si rende conto di non stare bene.

La ragazzina racconta sorridente il suo arrivo in scuderia, accolto con entusiasmo dall’amica con criniera, e di essere talmente abituata alla sua presenza da sentirne la mancanza quando resta a casa: in quei momenti non vede l’ora che arrivi il giorno seguente per riabbracciarla.

Nelle scuderie vengono effettuati periodici test di controllo dell’anemia infettiva, una malattia che può colpire i cavalli. Un giorno Cristal viene trovata positiva.

Anemia Equina Infettiva, cavalliIl papà di Barbara è immediatamente informato: il veterinario gli racconta che la cavalla è malata e può infettare gli equini con cui viene a contatto, ma si tratta di una spiegazione non corretta.

Il titolare della scuderia, sostenuto dagli altri proprietari, convinti della veridicità della tesi, fa pressione sul genitore affinchè la cavalla venga allontanata immediatamente ma, non sapendo dove portarla, l’unica prospettiva offerta è l’abbattimento.

Una soluzione illegale a cui il padre, nell’ignoranza di una malattia poco conosciuta, è costretto a sottostare, convinto che l’animale verrà sottoposto a eutanasia e che, perlomeno, non soffrirà.

Invece, il giorno successivo Cristal viene caricata su un camion per andare al macello. La cavalla attendeva la visita di Barbara ma si trova trasportata in un ambiente sconosciuto, dove tutto emana un terribile odore di paura.

Viene fatta scendere, spinta con durezza verso corridoi che evocano terrore: è spaventata e cerca la presenza rassicurante della sua amica umana, chiedendosi dove sia andata e perchè non la venga a portare via per darle le sue mele saporite.

L’acre sentore di sangue e paura, abbinato ai nitriti disperati che giungono alle orecchie, le impongono di scappare ma Cristal non può fuggire da quel posto. I suoi ultimi momenti trascorrono lentissimi, trafitta da un dolore immenso, gli occhi dilatati da angosciante stupore a cui non viene fornita risposta. È angosciata e non vuole stare lì: fino all’ultimo cerca disperatamente Barbara che non si materializza…

Barbara è casa e vuole andare al maneggio: non riesce a capire cosa stia succedendo.
La giornata precedente aveva abbracciato Cristal, bella come sempre. Oggi è giorno di lezione e deve andare a spazzolarla e sellarla: le piace tantissimo l’aroma del suo pelo e si diverte quando i crini s’infilano nei vestiti, facendole il solletico. Perchè oggi papà ha uno sguardo così triste? Cosa è successo? Perché non mi porta al maneggio?

Il padre cerca di spiegarle, nel modo più delicato possibile, che non vedrà mai più Cristal, ma come si fa a raccontare a una bambina che la sua adorata cavalla è stata uccisa? Barbara scoppia in un pianto irrefrenabile e il suo animo rimarrà indelebilmente segnato da una cicatrice che non l’abbandonerà mai.
Questa storia è vera, anche se i nomi dei protagonisti sono stati cambiati.

L’Anemia Infettiva Equina o AIE

Cos’è l’Anemia Infettiva Equina, o AIE? È una malattia virale dei cavalli che comporta febbre alta, anemia e dimagrimento. È un retrovirus analogo all’AIDS che non si trasmette all’uomo o ad altri animali ma solo ai cavalli.

Nel 2006, del plasma equino infetto, forse partito dall’Italia e diretto in Irlanda, diede vita a un’epidemia che causò la morte di molti cavalli. Questo evento negativo ha portato l’Italia a prevedere un piano di controllo a tappeto con specifici test sugli equini che si trovano nel suo territorio.

Il test di Coggins rileva la presenza di anticorpi ma non è detto che, se ci sono, l’animale sia malato. La sieroposività non significa che la malattia verrà sviluppata e, in ogni caso, solo il contatto con il sangue infetto ne comporta la trasmissione.

Un contatto che crea l’uomo perché è praticamente impossibile che il contagio avvenga attraverso gli insetti ematofagi, dato che la quantità di sangue succhiata è talmente piccola da risultare insufficiente a infettare un altro cavallo. L’unico veicolo di trasmissione è rappresentato dalla gestione non corretta degli strumenti veterinari quali siringhe, aghi o attrezzi chirurgici.

L’AIE si conosceva da tempo ma l’Italia è l’unico paese che obbliga l’effettuazione del test:

tra tutti quelli fatti, solo lo 0,14% è però risultato positivo.

Leggi anche

Cristal era uno di questi rari casi. Uno 0,14% costituito da esemplari che, in una percentuale che sfiora il 100%, vivranno sani senza sviluppare la malattia.

La normativa italiana prevede che gli animali sieropositivi vengano isolati e tenuti ad almeno duecento metri di distanza dagli altri; in teoria potrebbero subentrare situazioni stressanti dovute ad altre malattie o a trattamenti cortisonici favorendo il riacutizzarsi dell’AIE, anche se finora non si è mai verificato.

Eppure Cristal, al pari di altri cavalli, è stata macellata per ignoranza dato che l’AIE non è ben conosciuta da veterinari e proprietari, generando panico, vista l’impossibilità di trovare luoghi in cui tenere isolati i cavalli sieropositivi per applicare la norma di legge.

Quest’anno, a Fieracavalli di Verona, si è parlato di AIE grazie a Sonny Richichi, presidente di IHP.
Italian Horse Protection è un’associazione onlus che tutela il benessere equino prendendo in carico animali sequestrati da situazioni di maltrattamento ma anche rispondendo a denunce, sensibilizzando e investigando su situazioni comunicate da cittadini.

Dispone di un paddock, l’unico in Europa, in cui vivono otto cavalli positivi ai test. Si tratta di equini in piena salute a cui non sono mai stati rifatti gli esami per verificare se sia cambiato qualcosa nel quadro clinico.
Oltre al Coggins, vengono effettuati altri test di controllo che, spesso, danno risultati in contrasto al primo.

La normativa italiana è, però, contraddittoria: siamo l’unico paese che prevede esami obbligatori per tutti i cavalli (con uno sforzo organizzativo ed economico non indifferente) tranne che per quelli destinati ai macelli e provenienti spesso dall’est, in cui è alta la probabilità della presenza della malattia.

Il motivo sta nel fatto che l’AIE non si trasmette all’uomo, senza preoccuparsi del possibile contatto con cavalli non destinati al macello. Negli altri paesi i test sono obbligatori solo per gli equini che fanno competizioni, comportando un risparmio che può essere dirottato sulla ricerca.

Anemia Equina Infettiva AIEUn’efficace misura di prevenzione, poco costosa, sarebbe quella di limitare l’importazione di cavalli dai paesi che non garantiscono il rispetto delle norme sanitarie, del benessere e dei diritti animali. Ma la burocrazia e, soprattutto, gli interessi economici, continuano a preferire l’effettuazione del test coggins sulla generalità della popolazione equina italiana, ad esclusione di quella destinata al consumo alimentare.

È strano il comportamento del legislatore.
La Leishmaniosi è una malattia del cane che ha una diffusione molto più alta dell’AIE, producendo effetti spesso devastanti sull’animale e che si attacca all’uomo.

È accertata la trasmissione da parte degli insetti eppure, fortunatamente, nessuno si sogna di abbattere i cani che ne sono affetti.

Invece Cristal e tanti altri cavalli sono stati condannati a morte nonostante siano sani, come dimostrano gli otto equini sieropositivi gestiti da IHP.
Purtroppo il cavallo non è considerato compagno di vita come il cane ma animale da reddito: manca la cultura per farlo assurgere ad animale di affezione.

Gli esemplari ospitati da IHP sono salvi ma hanno dovuto separarsi dai loro proprietari: la legge, che li obbliga all’isolamento, non considera l’importanza del cavallo nella sfera emotivo-emozionale delle persone, come accaduto alla piccola Barbara.

Sono diverse le ragioni che hanno causato la traumatica separazione dei protagonisti della vicenda iniziale. Tra queste l’insufficiente informazione di veterinari, proprietari e gestori di scuderie ma anche l’opinione del legislatore che il cavallo non sia un animale d’affezione.

Un aiuto concreto, di fronte alla sentenza di un Coggins positivo, deriverebbe dalla presenza di altri paddock, oltre a quello di IHP, in strutture che garantiscano requisiti di biosicurezza dei cavalli sieropositivi.

L’impossibilità di trovarne dirotta verso soluzioni drammatiche e illegali come quella di Cristal.

Foto Vanessa Salvati IHP Italian Horse Protection Onlus