Dressage Valentina e Micol

Cos’è il dressage?

È una parola francese che significa addestramento ed è il nome di una specialità poco conosciuta dell’equitazione, unica, fra tutti gli sport, a far competere assieme donne e uomini.

Alcuni hanno magari visto gare di salto ostacoli, dove il cavallo supera variopinte barriere lungo un percorso obbligato.

Nel dressage, invece, il cavallo non salta ma esegue delle figure alle diverse andature – passo, trotto riunito e allungato, galoppo riunito e allungato – in un rettangolo in cui sono presenti lettere per delimitare lo spazio e aiutare a valutare la precisione degli esercizi.

Cavallo e cavaliere devono raggiungere un grande affiatamento per mostrare fluidità del movimento, perfezione nell’esecuzione di complessi esercizi come il piaffer, il passage, la piroutte e il cambio di galoppo in aria.
Nel primo il cavallo trotta sul posto, rimanendo fermo, nel secondo il trotto è riunito come nel piaffer ma avanza lentamente, nel terzo ruota al galoppo sugli arti posteriori facendo un giro completo su sè stesso, mentre nel quarto alterna l’andatura del galoppo muovendo una volta l’arto posteriore destro e poi il sinistro.
La gara più spettacolare è la Kur con musica dove le note accompagnano la prestazione, rendendola molto elegante, quasi una danza.

Nel dressage i migliori atleti sono donne perchè dotate di quella sensibilità che permette di creare un’intensa profonda, capace di trasformare la potenza del cavallo in armoniosa leggerezza.

Valentina Truppa e Micol Rustignoli sono le nostre migliori rappresentanti.

Valentina ha 31 anni ed è fresca vincitrice del titolo italiano senior in sella a Ranieri nel Freestyle e nella Kur, ma ha conquistato altre due medaglie d’oro in categorie tra cui quella dei cavalli giovani stranieri di cinque anni. In questo caso il suo compagno si chiama Smile di Fonteabeti e l’amazzone ha realizzato l’incredibile punteggio di 91,2%, mai raggiunto prima in Italia. Il totale dei titoli senior vinti ammonta a sette.

Valentina è figlia d’arte ed è allenata dal padre, primo italiano a partecipare a un Campionato del Mondo nel 1982.

Micol ha 29 anni ed è stata campionessa italiana nel 2015 e 2016 e vicecampionessa nel 2017, realizzando il sogno di rappresentare l’Italia al Campionato Europeo del 2016 nella prestigiosa località tedesca di Acquisgrana, il “gotha” dell’equitazione.
Il suo cavallo si chiama Corallo Nero ed è nato, allevato e addestrato in Italia: con Micol costituisce un binomio italiano al 100%.
Sul podio dei Campionati Italiani era presente, al terzo gradino, Ester Soldi che si allena con Valentina e Micol al Centro Equestre Monferrato e che ha rappresentato l’Italia in un Campionato del Mondo e tre Europei.

Assieme costituiscono una fantastica squadra: non sono solo ragazze giovani e belle, ma atlete dotate di grinta e determinazione che celano dietro a un sorriso dolce e radioso.

Una delle qualità che apprezzo di loro è che prendono i cavalli da puledri e li addestrano personalmente, per crescerli e portarli alle gare importanti con pazienza, fatica e tanto lavoro.
Alla fine la ricompensa è data dall’instaurare un rapporto unico con il partner equino: vivendo in simbiosi con loro, i destrieri regalano sensazioni ed emozioni che ripagano sacrifici, delusioni e fatiche.

Ho incontrato Valentina e Micol alla Fieracavalli di Verona di quest’anno e le atlete si sono gentilmente prestate a una intervista.

Dressage: Valentina TruppaValentina è la capitana del gruppo. Nel 2012 ha vinto la medaglia di bronzo alla Coppa del Mondo di dressage e ha partecipato alla sua prima Olimpiade a Londra, classificandosi in finale al quindicesimo posto con Eremo del Castegno.

La sua carriera è però oscurata da un drammatico episodio a cui ha saputo reagire con grande determinazione.

Nel 2015, durante una gara internazionale ad Arezzo, mentre si recava al campo gara, rimane vittima di una sfortunata caduta che le provoca un trauma cranico e il coma. Per alcuni giorni si teme addirittura per la sua vita ma, per fortuna, si risveglia. La prima domanda che pone al medico è se potrà rimontare in sella, perchè i cavalli costituiscono una parte inscindibile di lei. Dopo un periodo di convalescenza durato 109 giorni, l’atleta piemontese riprende a gareggiare e si qualifica con Chablis per le Olimpiadi di Rio.
Un traguardo che regala una doppia soddisfazione, dopo il terribile incidente, perchè Chablis è con lei da circa sedici anni, da quando Valentina era una ragazzina con tanti sogni: oggi il sauro ha vent’anni e, a Verona, c’è stata una cerimonia per ufficializzare il suo ritiro dalle gare, salutato dal pubblico di appassionati con gli occhi velati dalla commozione.

Ho domandato a Valentina di raccontarmi l’emozione provata nel realizzare il sogno di partecipare alle Olimpiadi con un partner che ha iniziato l’attività sportiva con lei, entrambi giovanissimi.

«Chablis è con me da quando aveva quattro anni e siamo cresciuti assieme, iniziando dalle categorie giovanili per giungere ai Grand Prix e alle Olimpiadi. Questo è per me molto emozionante perchè c’è un discorso di crescita e di vita insieme a lui: ho incontrato e incontrerò cavalli tecnicamenti migliori, ma Chablis occuperà sempre un posto speciale nel mio cuore. Ora si godrà la meritata pensione in un bel paddock e resterà sempre con me.

A casa nostra tutti i cavalli vengono presi giovani. Abbiamo anche due fattrici da cui nascono i puledri. Quindi li domiamo e li addestriamo a partire dai tre, quattro anni. È faticoso ma anche molto bello perchè si crea fin dall’inizio un rapporto con l’animale: lui impara a conoscere te e tu a conoscere lui.

Da me non c’è mai stata l’usanza di acquistare un cavallo “pronto”, ossia già addestrato, primo perchè non ci sono le possibilità economiche, dato che i cavalli da dressage possono costare anche alcuni milioni di euro e, secondo, perché non lo trovo eticamente corretto: se compri un cavallo già preparato acquisti anche un addestramento che non è il tuo e non sarà mai quello che vorresti o quello adatto alle tue caratteristiche.

Gli allievi che montano da me imparano ad addestrare il proprio cavallo: non tutti i destrieri possono arrivare al Grand Prix, che è la gara più difficile, anche perchè non tutti i cavalieri vogliono andare alle Olimpiadi come me».

Chablis addio al dressageCi vuole molta determinazione, sacrificio e grandi capacità per giungere a quel traguardo. Valentina c’è riuscita per due volte e sta lavorando con nuovi cavalli per arrivare pronta all’appuntamento di Tokyo 2020.
Dressage Micol RustignoliMentre la capitana dai bellissimi occhi azzurri autografava magliette in vendita per raccogliere fondi per un centro di riabilitazione equestre di Asti, ho chiacchierato con Micol Rustignoli che, nel tempo libero, aiuta nell’attività di riabilitazione della struttura astigiana.

«I cavalli mi hanno cambiato la vita in tutti i sensi. Sono originaria di Forlì e per loro ho lasciato casa, famiglia e amici per trasferirmi nel circolo ippico di Valentina.
Il cavallo è la mia passione e sono riuscita a farne un lavoro. Lui restituisce tutto. Nella mia disciplina se non si crea una sintonia perfetta e assoluta, non si riesce a rendere in gara. Il mio cavallo si chiama Corallo Nero e siamo assieme dal 2011 e, quindi, da circa sette anni.

Quando entro in gara sono un tutt’uno con lui ma c’è voluto tantissimo tempo perchè all’inizio ci sono stati problemi: ci vuole molta pazienza per creare feeling tra cavaliere e cavallo. Giorno dopo giorno le incompresioni sono diminuite e ho imparato il significato della parola binomio.

Il cavallo non è una macchina ma un essere vivente che, come noi, ha le sue giornate negative in cui è meno disponibile. Considero Corallo Nero il mio compagno di vita, di gara, di esperienza.
Una sua peculiarità è di essere terrorizzato dai rumori ed è stato difficile gestirlo, perché si spaventava facilmente. Ora è maturato e ho imparato a controllarlo ma i rumori sono ancora l’incognita maggiore durante gare o esibizioni. Pensa che il sottofondo musicale durante la Kur è sempre lo stesso perchè lui si è abituato a quella melodia e, quando Valentina prova altri pezzi con i suoi cavalli, devo tenerlo in box altrimenti… dà i numeri!
Altra caratteristica di Corallo Nero è la golosità: quando voglio premiarlo, gli porto una banana che apprezza moltissimo! Ma è ghiotto di frutta e verdura e ti guarda come se fosse a digiuno!»

Dressage Micol Rustignoli fieracavalliÈ stato un incontro piacevolissimo quello con Valentina e Micol, che mi hanno colpito per la disponibilità e la serenità che emanano, trasmettendomi la gioia di una passione che compensa e nasconde la fatica quotidiana.

Lavorare ogni giorno con un animale non è facile, ma nei loro occhi ho scorto una luminosità e un entusiasmo che mi hanno fatto venire in mente una celebre frase di Nuno Oliveira, grande maestro dell’equitazione classica e pietra miliare del dressage:

In tutte le arti bisogna apprendere la tecnica in tutti i suoi dettagli. Poi l’artista compie la propria opera subliminando questa tecnica grazie all’amore“.

Valentina e Micol l’hanno fatto.

Foto di Valentina Truppa e Micol Rustignoli Claire Maggiora Photographer