Il "caffè" è nella nostra cultura non solo quella alimentare, ma anche quella che descriveremmo come più nobile perché menzionata nelle enciclopedie e perché incastonata nella storia. Attorno a questa pianta sono nate leggende che risalgono alla “notte dei tempi” e, per il consumo della bevanda, sono nati locali, a volte dei caffè diventati storici nei quali si parlava di letteratura, di arte e di idee. Il Caffè e tutti i suoi aspetti Voltaire e Rousseau, Robespierre e Marat in Francia; Lorca e Dalí in Spagna; Wagner, Liszt, Bizet, Stendhal, Lord Byron in Italia: questi sono solo alcuni dei nomi che davanti ad un caffè e in quei locali, parlavano... La Coffea arabica, il caffè, proviene dall’Etiopia e, attraversando deserti e oceani, ora è ovunque nel mondo... Ma la tradizione non è forse cultura? E il teatro non è forse arte? E il caffè non è presente in entrambi? Offrire un caffè al resto del mondo, un caffè sospeso è tradizione e parte da quella di Napoli e miscelare e versare con sapienza aromi come in un caffè turco... Ed Eduardo de Filippo che racconta il colore perfetto del caffè… e consumare, a volte purtroppo frettolosamente, in una pausa caffè un’espresso, non è nelle nostre abitudini… abitudini di oggi e tradizioni di domani... Per questo uno spazio dedicato al Caffè, nel senso più ampio del termine. Dai suoi aspetti biologici e naturali a quelli culinari per non dimenticare quelli… biografici con la storia, l’arte e la cultura alle quali in un qualsiasi modo è legato. Parlare di quanto può far bene questa bevanda alla mente e allo spirito, certo non può farci dimenticare che comunque è un alimento e che come tale può essere in molti modi cucinato e provato. Il caffè è anche una pianta, con delle proprietà e delle virtù benefiche e certamente con delle controindicazioni. Attorno al caffè poi, è evidente, si muovono interessi quindi risvolti ci sono importanti problemi sociali ed economici, a volte fonte di duri contrasti e altre con gesti di solidarietà e di partecipazione che fanno ben sperare. Quindi adesso, non rimane che gustarci un buon caffè, magari leggendo e curiosando dentro CaffèBook...

La cooperativa di caffè del Chiapas Yomol A’tel fattura più di un milione di euro all’anno con un modello di attività basato sull’economia sociale.

In un’intervista i protagonisti di questo successo di Commercio Equo e Solidale hanno raccontato le difficoltà che hanno superato per costruire questo sogno.

Quando abbiamo iniziato la cooperativa, nel 2002, dissi a tutti: sono un prete, non chiedetemi di affari!

Óscar Rodríguez missionario gesuita, di Torreón nello stato Coahuila in México, risiedeva da 15 anni nella regione messicana del Chiapas.

Nonostante non avesse avesse conoscenze del mondo degli affari, c’era qualcosa che gli ronzava in testa:

viveva in un’area ideale per il caffè, ma questa attività non serviva a migliorare le condizioni di vita dei suoi abitanti.

Eravamo consapevoli che da sola la coltivazione del caffè non migliorava il livello di vita di coloro che vivono in povertà estrema“. Dovevamo fare qualcos’altro.

Rodriguez decise di migliorare le condizioni di vita dei produttori di caffè nel Chiapas e fondò Yomol A’tel, un gruppo di imprese di economia solidale che avevano due obiettivi molto chiari.

Da un lato, diversificare la produzione in modo che i coltivatori non fossero esposti alle fluttuazioni del prezzo del caffè sul mercato azionario di Wall Street.

E dall’altro si misero in moto per realizzare un processo di vendita che integrava tutte le fasi.

Nella cooperativa, adesso, si può acquistare il caffè anche in tazzina, con tutte i passaggi, quindi, che vanno dalla produzione della materia prima alla lavorazione.

Il prezzo di una tazza di caffè è sempre stabile, così abbiamo visto che era essenziale raggiungere la fine della catena”,

ha detto Rodriguez presso l’ESADE, l’Università di Barcellona, ​dove era andato a spiegare lo stato di avanzamento del programma di collaborazione tra la cooperativa e questa università.

La seconda priorità era quella di sfuggire ad un progetto solo filantropico per cercare la sostenibilità economica a lungo termine.

Cooperativa del caffè nel Chiapas

Al suo arrivo nel Chiapas, la regione con il PIL pro capite più basso del paese, Rodríguez osservò come la maggior parte dei progetti previsti per la zona non avessero l’obiettivo a consolidare delle attività economiche, ma solo di aiutare in determinati periodi.

“È una visione razzista: la discriminazione impedisce di vedere il potenziale che hanno queste persone”, dice.

“Ecco perché volevamo togliere il Caffè da quel senso di sfruttamento e di privazioni che spesso lo accompagna”.

A tal fine, fin dall’inizio, combinammo la ricerca delle sovvenzioni con la collaborazione di diverse università, aziende e fondazioni che potessero fornirci capacità imprenditoriali.

“Quando cominciammo dipendevamo al 70% dalle sovvenzioni “, dice il prete con voce lenta e gentile, “Adesso gli aiuti rappresentano solo il 14% del bilancio mentre il resto delle risorse proviene del nostro lavoro”.

Rodriguez predice che “In tre o quattro anni Yomol A’tel non avrà più bisogno di nessun aiuto”.

La cooperativa del caffè ha iniziato nel 2002 con 22 produttori e ora sono 650, ha una crescita media del 70%, ha tre caffetterie e le aziende che ne fanno parte hanno fatturato insieme più di 1,3 milioni di euro nel 2016.

Durante questo periodo hanno ampliato la loro offerta di prodotti e da alcuni anni commerciano anche miele biologico e saponi naturali.

“La chiave è stato un approccio alla crescita graduale e la scommesse sulla realizzazione di una catena produttiva completa per evitare di cadere nel paternalismo degli altri progetti per la zona”, dice il padre gesuita.

Rodríguez ritiene che sia stato determinante, per costruire fiducia con i produttori, la partecipazione di persone appartenenti alla cultura Tseltal nella dinamica del lavoro e nei processi decisionali della società.

In Yomol A’tel le decisioni più importanti sono prese in assemblee dopo un digiuno di 24 ore. Durante il digiuno in cui ci sono momenti di riflessione, danze, offerte alla terra madre…

A questi digiuni, che si celebrano ogni due anni, partecipano tutti quelli che dirigono la cooperativa e la maggioranza dei produttori con le loro famiglie.

“Cosa succede in questi incontri? È una socializzazione per il sogno che abbiamo”, spiega il presidente della cooperativa.

“Sappiamo che non è qualcosa che si riduce al puro aspetto Economico, ma la partecipazione arriva dal cuore”.

Gli effetti di questo modello di collaborazione sono già evidenti fra i produttori che fanno parte della cooperativa.

Rodríguez dice che le famiglie sono passate dal mangiare carne una volta al mese ad essere in grado di farlo tre volte. “È molto importante in un contesto di estrema povertà”

Dice. “E ora hanno una remunerazione costante, senza gli alti e bassi legati al mercato delle materie prime “.

Con il restante surplus è stata creata un’istituzione per fare finanziamenti che consente alle famiglie di accedere a prestiti vantaggiosi e reinvestirli nei raccolti o in altri bisogni.

“I benefici della microcredito si noteranno soprattutto nel medio e lungo termine”, dice.
Rodríguez.

“Lo scopo è che i produttori non siano costretti a rivolgersi agli usurai quando hanno bisogno di denaro”.

Rodríguez riconosce che non è stato facile far recepire alla popolazione del Chiapas un progetto i cui vantaggi richiedevano anni per essere percepiti.
“Le esigenze sono così grandi e imminenti che costa alle persone pensare ad un progetto a lungo termine “.

Oggi la cooperativa Yomol A’tel rappresenta un modello di successo imprevisto e Rodríguez spera di introdurre il loro caffè nel mercato di alta gamma spagnolo.

“Sognare è gratis” dice questo prete con un sorriso sul suo volto.

“Quello che non ho mai immaginato era che partendo da una delle aree più povere del paese avremmo aperto una caffetteria a Santa Fe, in una delle regioni più ricche del Messico”.

Articolo per Caffè e Cultura Volevamo togliere al caffè quel senso di sfruttamento inviato da Marcello Gracis artista e artigiano su CaffèBook (caffebook .it).