Direttore responsabile di CaffèBook. Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana) Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna.

I volti dipinti da David Walker sono in tutto il web e la sua fama sta crescendo,

ma, come molti protagonisti della street art tiene nascoste alla rete molte informazioni.

David Walker David Walker volti che sperano dal caos dei colori

Mi è capitato di vedere un video realizzato in Francia nel quale venivano intervistati i passanti sulla realizzazione di una facciata di Walker. I commenti erano molto positivi, ma nessuno sembrava conoscere l’autore che nella sequenza passava dietro ad un intervistato, in lontananza e con atteggiamenti un po’ schivi.

I nuovi artisti di strada sono accomunati spesso dalla ricerca dell’anonimato personale e dalla fama nelle esecuzioni ed esibizioni pubbliche.

Hanno poco in comune con l’espansivo contatto con il pubblico che aveva ad esempio Keith Haring quando nel 1986 dipingeva il suo famoso muro su fondo giallo a Berlino.

Però qualcosa con l’arte tradizionale in comune l’hanno, e questa è certamente frutto della necessità e della contingenza:

sono ben organizzati nella commercializzazione delle proprie opere.

David Walker, come Adnate, Rone e altri hanno anche loro rappresentanti e gallerie d’arte che li seguono nella carriera artistica in maniera attenta e coordinata, ma riescono comunque a mantenere la propria spontaneità artistica e anche il gusto della ricerca negli esperimenti e nelle istallazioni.

Si potrebbe anzi pensare che sia la libertà dalle esigenze di commissioni a renderne più indipendenti le azioni,

ma questo è comunque un aspetto complesso e non del tutto vero se pensiamo alle molte collaborazioni grafiche fra artisti della street art e la pubblicità di importanti marchi.

David Walker volti

È sempre più raro trovare, nelle più spettacolari esibizioni dei rappresentanti della street art, uno sfondo satirico sulla politica come ad esempio quello di Banksy, ma sono invece evidenti la ricerca di tecniche espressive nuove, uno stravolgimento dell’immagine e la volontà di cambiare gli schemi di rappresentare l’arte.

David Walker è un artista che si è distinto per i suoi ritratti:

i suoi sono volti realizzati a mano libera con l’uso di vernici spray.

David Walker ritratti David Walker ritratti

Negli ultimi anni, Walker ha lavorato in molte città quali a Berlino, Hong Kong, Los Angeles, Lisbona, Londra, New York, Parigi.

Le sue immagini escono dalla parete strato dopo strato attraverso innumerevoli linee frantumate.

Rapido e quasi a caso crea zone astratte.

La “direzione” a un certo punto cambia e i colori si amalgamano nei ritratti di donne vere e iperrealiste e allo stesso tempo composte da un’incredibile ricchezza di linee e di macchie.

David Walker è così che ama sfidare le idee preconcette tra arte urbana e arte contemporanea.

A Londra esiste il tunnel di Leake Street, conosciuto anche dai londinesi come “Banksy Tunnel” o “Tunnel dei Graffiti“.

Questo tunnel è diventato così noto perchè Banksy decise di farci il “Festival dei Cans” e nel weekend dal 3 al 5 maggio 2008 vi realizzò una mostra di street art.

Per questa mostra Banksy invitò 39 artisti internazionali, fra cui David Walker, per dare loro l’opportunità di realizzare i loro graffiti a condizione che non coprissero i graffiti degli altri artisti.

Nel 2014 Walker viaggiò fino a Miami per dipingere un murales di dieci metri di lunghezza per quattro metri di altezza in soli tre giorni.

La biografia di David Walker reperibile è piuttosto breve.

David Walker è di nazionalità britannica (sembra di Londra) ha iniziato il suo cammino nell’arte progettando camicie per The Prodigy, dopo avrebbe disegnato anche copertine per dischi.

Una leggenda, nata da un’intervista, racconta che realizzasse i suoi lavori in bianco, nero e rosa fino a quando, casualmente, trovò una scatola di vernici spray di vari colori che decise di incorporare nelle sue opere.

È stato membro del collettivo Scrawl fondato da artisti molto apprezzati e conosciuti come Will Barras, Nick Walker e Mr. Jago.

 

David Walker volti con gli occhi aperti

Realizza immagini dettagliate che sembrano vive, tridimensionali e soprattutto trasmettono sentimenti questi sono i suoi ritratti femminili che dal colore estraggono azione, espressività ed emozione.

“Penso che l’uso classico del ritratto realizzato con materiali super moderni è un contrasto interessante.

Voglio catturare la bellezza nei dipinti e spero che sveglino un dibattito su cosa sia l’arte urbana e su cosa si possa fare con uno spray.

Mi sento felice di far parte di un gruppo artistico che sta ancora cercando la propria direzione e che sta interessando o disturbando molte persone.

Il mondo dell’arte è sempre coinvolgente e penso che adesso sia un momento emozionante per creare arte”.

David Walker ritratto con gli occhi aperti

In un’intervista rilasciata in Francia parlando delle proprie idee sul ritratto ha detto:

“Il mio lavoro non è politico, ma volevo creare qualcosa che sembrasse la speranza, qualcosa di semplice e umano con cui la gente potesse facilmente connettersi.

Penso che questo sia un tema ricorrente nel mio lavoro, ma ho sentito ultimamente una maggiore pressione in questo. In tutti i murales che ho dipinto quest’anno i soggetti guardano: è stata una decisione consapevole.

Dicono: – Oggi, in questo mondo, mi sento un po’ perduta. –  Io, come molti in questo momento stiamo cercando delle risposte e, come le persone nei murales, voglio rimanere ottimista.

Sguardi enigmatici, trame, ombre, macchie e linee che danno forma al viso di una donna inondata da un caos di colori e in quel caos una creazione: quella di David Walker.

Sito ufficiale di David Walker Tradotto anche in spagnolo dalla rivista MoonMagazine

Leggi anche:

Adnate e i ritratti ancestrali dei nativi australiani

Arinze Stanley, l’artista che inganna l’occhio.

 Foto da flickr di Marie Aschehoug-Clauteaux, Vandalog blog, Ferdinand Feys