Paola Iotti è nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964. Ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata nella 3^ edizione del Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e sempre seconda al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzata dalla onlus Horse Angels. A gennaio 2016 un suo racconto intitolato “La fattoria del Gelso Bianco” è stato selezionato nella raccolta “Favole senza frontiere” edito da Alcyone Casa Editrice. Sono favole che spiegano ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell'immigrazione. A maggio 2016 si è classificata al terzo posto con un racconto alla 7^ edizione del Concorso Letterario Nazionale Naviglio Martesana. A luglio 2016 è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, organizzato dalla onlus Horse Angels con l’opera “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso” che raccoglie una serie di articoli relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Pubblicazioni di Paola Iotti Come l’arcobaleno tra una criniera: Per me è stata una piacevole sorpresa scoprire che la mia casa editrice, Giovanelli Edizioni, sensibile al tema degli animali, condivide il sostegno all’associazione di Jill Robinson e degli Orsi della Luna. La casa editrice Giovanelli con parte dei proventi oltre che ad Animal Asia sostiene anche la Lega Anti-Caccia e la L.A.V.

L’asino ha sempre incarnato l’immagine della stupidità.

Forse è il tempo di rendere giustizia a questo quadrupede timido ma intelligente.

Asini e terapia

La sua pazienza e il carattere “riflessivo” sono spesso stati scambiati per ottusità e testardaggine.

Essi vedono e percepiscono ottimamente gli odori, permettendo loro di percepire in anticipo le situazioni di pericolo e di avvisare chi gli è vicino, magari rifiutandosi di proseguire.

A differenza del cavallo è meno impulsivo e, se non ci vede “chiaro”, ha bisogno dei suoi tempi per ragionare e capire come comportarsi.

La lentezza, spesso, è legata a un carattere profondo e saggio.

Fedro, lo scrittore romano autore di celebri favole, ne aveva colto la peculiarità.

Narrava che un giorno un vecchio facesse pascolare un asinello in un prato.

All’improvviso arrivarono dei nemici ed egli, spaventato, incitò l’asino a fuggire con lui affinchè non fosse catturato.

Ma l’asino non ne volle sapere.

Continuò a brucare impassibile, rispondendo che non voleva fuggire poiché, qualunque fosse stato il suo padrone, avrebbe subìto il destino di servirlo portando il basto sul dorso.

Oggi l’asino viene rivalutato e recuperato per nuovi ruoli.

Uno è quello di manutentore del paesaggio, venendo utilizzato per la raccolta della legna nei boschi dove i mezzi motorizzati non riescono o non possono arrivare.

La legge Serpieri vieta infatti il loro accesso nelle delicate zone di esbosco il cui prezioso substrato verrebbe rovinato da ruote e cingoli. Il piede dell’asino permette invece di rispettare il sottobosco e l’ambiente montano.

È presente in molte aziende agricole biologiche.

Particolare è la funzione di animale da soma nei trekking.

Si tratta di passeggiate in cui gli animali accompagnano gli escursionisti portando un peso non superiore al 30% del proprio:

bagagli, cibo e vettovaglie, a seconda della durata della camminata.

I pastori li utilizzano per trasportare gli agnellini appena nati e, analogamente, nei trekking possono portare i bambini.

L’asino, però, non è un semplice mezzo di trasporto ma un compagno di cammino.

Il trekking someggiato è un viaggio lento in cui il quadrupede aiuta a connettersi con la natura e con gli altri partecipanti.

Svolge infatti un ruolo socializzante:

come le persone, deve conoscere i componenti con cui fare amicizia ed essere coinvolto nell’attività, per diventare partecipe della bellezza del panorama e del piacere del tragitto.

La sua dolcezza e pazienza funge da motivatore, ispirando il gruppo a collaborare e mantenendo un clima amichevole.

La sua caratteristica di comunicazione e socievolezza viene impiegata nell’onoterapia.

Asini

È una sorta di pet-therapy che si rivolge a chi soffre di disturbi della personalità e disarmonia emotiva, a chi tende a isolarsi e restare passivo, a chi soffre di stress, ansia e solitudine, a cardiopatici e ipertesi e, in generale a diversamente abili, bambini e malati.

La taglia piccola dell’asino, la docilità, la morbidezza del pelo, la lentezza e l’andatura “monotona” facilitano l’operatore a entrare in sintonia con il paziente.

Questo viene invitato a comunicare con lui attraverso il tatto e svolgendo esercizi e giochi che aiutano lo sviluppo del linguaggio, della concentrazione e dell’autostima.

L’asino si inserisce dunque nella riscoperta del valore della “lentezza” come rimedio alla freneticità della vita moderna e come modalità di riscoperta interiore.

Lo Slow Tourism è un modo per conoscere realtà turistiche favorendo lo sviluppo sostenibile del territorio e permettendo di valorizzare risorse “minori”.