Sono nato a Raffadali (AG) il 4/5/56 e nel '74 ho conseguito la maturità classica presso il liceo Empedocle di Agrigento. Appena diciottenne mi sono iscritto alla Facoltà di Giurisprudenza di Palermo presso la quale mi sono laureato nel 1978. Ho subito vinto il concorso per Segretari Comunali ed a soli ventitré anni ho iniziato tale delicata carriera presso alcuni Comuni del Piemonte. Attualmente sono segretario comunale di tre Comuni (Verolengo, Cigliano e Sala B.) appartenenti a tre province diverse (Torino, Vercelli e Biella). L'emigrazione, però, non ha reciso i miei legami con la Sicilia, la mia terra natia. Anzi, si può dire che la distanza fisica non si è mai trasformata in lontananza spirituale come è testimoniato dalla composizione di alcune poesie il lingua ed in dialetto siciliano che hanno come ispirazione principale la Sicilia, la struggente nostalgia per tale terra che è caratterizzata dalle tantissime contraddizioni, dai suoi mille colori, dal calore della sua gente, dai suoi atavici problemi rimasti insoluti a partire dalla asfissiante presenza della mafia. Anche la natura, le sue piante, i suoi pianti e gli affetti familiari (la mia donna ed i miei genitori) trovano largo spazio nelle tematiche delle mie poesie. Premi per la poesia di Michelangelo La Rocca: Nel 2000 ho vinto un premio speciale nell'ambito del concorso "Alladium" di Agliè (TO) che ha dato i natali a Guido Gozzano. Nel 2003 sono stato premiato con un premio speciale nel premio "Rocco Certo" di Tonnarella (ME). L'anno successivo mi sono classificato al 2° posto nello stesso premio e sono stato tra i finalisti del premio "Il Mulino di Soprana" (BI). Finalmente nel 2005 ho vinto il 1° Premio del concorso "Negri" di Parona (PV).

È estate, una torrida estate, come è torrida quasi sempre a luglio l’estate in Sicilia.

Siamo, io e mia moglie, siciliani in Sicilia ed abbiamo voglia di esplorare itinerari turistici diversi rispetto ai soliti, quelli che hanno dato i natali a me (i luoghi della Provincia di Agrigento) ed a mia moglie (le mete della Provincia di Messina).

 

Zingaretti attore che interpreta il commissario Montalbano

I luoghi del Commissario Montalbano:

Vigata, nel film è composta da: Scicli, Ragusa Ibla

La stanza del Questore di Montalbano: Municipio di Scicli

Palazzo Penna-Musso-Iacono: La questura di Montelusa

Reportage Sulle Tracce del Commissario Montalbano e dell’Agente Catarella! di Michelangelo La Rocca su CaffèBook (caffebook .it)

Camilleri

Andrea Camilleri, foto Michelangelo La Rrocca

Mia moglie ha letto quasi tutti i libri di Andrea Camilleri sul Commissario Montalbano.

Entrambi abbiamo visto tutti (e più volte) gli episodi della fortunata serie televisiva dedicata a questo personaggio di grande valore letterario e televisivo.

Tutti e due abbiamo negli occhi le immagini meravigliose della Vigata televisiva e perciò abbiamo pensato di andare sulle tracce del Commissario Montalbano,

il poliziotto che a sua volta si è messo alle calcagna di tanti delinquenti nell’affannosa ricerca della verità, nient’altro che la verità.

L’idea piacque ad entrambi, io mi limitai a chiedere di non fare torto all’agente Agatino Catarella, sempliciotto poliziotto e riuscitissimo personaggio della medesima serie televisiva che, a tutt’oggi, è considerata quella che ha avuto il maggiore successo in Italia.

Abbiamo prenotato subito un piccolo Dammuso nel centro di Scicli (insieme a Ragusa Ibla la Vigata televisiva) che, nell’ultima decade di luglio, raggiungemmo, da siciliani in Sicilia, per la nostra breve vacanza.

Essendo nato a Raffadali, in provincia di Agrigento (Raffaldi per Camilleri), comune confinante con Porto Empedocle, la vera Vigata, mi sono sempre chiesto, considerato l’impulso che la fortunata serie televisiva del Commissario Montalbano ha dato al turismo in provincia di Ragusa,

se non fosse stato possibile ambientare la gran parte degli episodi del Commissario Salvo Montalbano in provincia di Agrigento.

Ma ammetto che questa considerazione ha un tipico sapore campanilistico, quel campanilismo che alberga, purtroppo, nell’animo di ognuno di noi.

La vacanza inizia il 28 luglio e non poteva che iniziare da Scicli, che come detto prima è insieme a Ragusa Ibla, è la Vigata televisiva.

Non poteva che iniziare dal centro di Scicli, città bellissima:

sito Unesco dal 2002, ricca di arte barocca, di tante bellissime chiese e di moltissimi e bellissimi palazzi.

 

I luoghi del Commissario Montalbano: il comune

I luoghi del Commissario Montalbano: il Comune di Scicli

Uno dei palazzi più belli ed interessanti è sicuramente quello che ospita il Municipio di Scicli e con un certo stupore abbiamo visto all’ingresso del Comune che pagando la modesta cifra di 3 euro,

si poteva visitare il gabinetto del Sindaco (ora stanza del Questore di Montalbano) che ha ospitato le riprese cinematografiche dei memorabili richiami del Questore al Commissario Salvo Montalbano.

In piazza Italia, invece, nel Palazzo Penna-Musso-Iacono c’è la sede della questura di Montelusa.

Anche l’Antica Farmacia, aperta dal 1902, è stata l’ambientazione di alcune scene.

La Fiat Tipo di Montalbano attraversa e parcheggia nelle principali vie e piazze della bellissima cittadina barocca.

Girando in lungo e largo la bellissima città di Scicli abbiamo avuto tempo e modo di ammirare la bellissima arte barocca in tantissime chiese ed in tantissimi palazzi.

Nella stessa Scicli abbiamo potuto apprezzare l’ottima cucina di un Ristorante dove abbiamo gustato un fritto di paranza del quale il nostro palato conserva ancora la memoria della sua squisitezza.

Il giorno dopo la meta non poteva che essere una di quelle spiagge che hanno assistito alle caratteristiche nuotate di Zingaretti e che qualche volta gli hanno riservato spiacevoli sorprese come quando, nuotando, si è imbattuto in un cadavere trascinato dalle onde del mare.

I luoghi del Commissario Montalbano: Spiaggia di Punta Pisciotto I luoghi del Commissario Montalbano: La Fornace La Penna

La scelta è caduta sulla spiaggia di punta Pisciotto dove la nostra curiosità è stata subito catturata dalla bellissima Fornace Penna, una basilica laica come l’ha definita l’estroso Vittorio Sgarbi.

La Fornace Penna è stato il set televisivo di alcune scene di taluni tra i più fortunati episodi della serie televisiva del Commissario Montalbano.

Si ricordano a tale proposito alcuni episodi in “la Forma dell’Acqua” ed altri in “La pista di sabbia

Nello sceneggiato la Fornace Penna è “la Mannara“, il luogo dove viene ritrovato morto l’ingegnere Luparello, che si torva a Sampieri, sempre nella zona tra Ragusa e il mare e più precisamente sulla punta Pisciotto.

La Fornace Penna La Fornace Penna

Si tratta di un vecchio stabilimento dove si cuocevano mattoni, poi incendiato e adesso rudere che, però, conserva intatta la sua bellezza e la sua originalità.

La sera del secondo giorno l’abbiamo dedicata ad una visita a Ragusa Ibla al calar della sera e nel buio della notte quando questa bellissima città barocca appare ancora più incantevole (Ragusa Ibla è l’antico centro storico di Ragusa, costruito attorno ad una collinetta alta circa 400mt fonte La Sicilia di Montalbano).

Vedere il bellissimo Duomo di San Giorgio illuminato di notte fa un magico effetto, appaga la vista e l’anima.

Anche Ibla ha tantissime location legate alla fiction del Commissario Montalbano.

I luoghi della Sicilia del Commissario Montalbano: Il Duomo I luoghi della Sicilia del Commissario Montalbano: Il Duomo di Ragusa Ibla di notte

La parte antica di Ragusa è la Vigata dei telefilm:

il Duomo di San Giorgio con la sua monumentale scalinata, il palazzo di fianco alla Chiesa di San Giuseppe (ancora la sede del Commissariato di Vigata),

il ristorante dove, in compagnia del suo vice Mimì Augello, noto “sciupafemmine”, si reca spesso Montalbano, nella fiction è la trattoria “da Calogero”.

Non poteva mancare il luogo in cui il commissario va a “rompere i cabasisi” al dottor Pasquano, appassionato giocatore di carte, per avere le notizie sulle autopsie dei cadaveri dei morti ammazzati: è il Circolo di Conversazione in via XXV Aprile, il corso principale.

Il terzo giorno grande era curiosità di vedere la famosa terrazza dell’abitazione del Commissario.

Si parte col navigatore impostato su Santa Croce di Camerina e più precisamente sulla spiaggia di Punta Secca.

E dobbiamo confessare al lettore che almeno per una volta i magici luoghi del ragusano, tra i quali vanno annotati gli incantevoli muri a secco, stavolta ci hanno delusi.

Illusi dalle bellissime riprese del bravo regista Alberto Sironi restiamo un po’ sconcertati come avrete modo di constatare dalle foto che abbiamo scattato.

Il mare non è splendido come appare nelle splendide riprese del bravissimo regista, anzi è piego di alghe.

Ed anche quella che nei film è l’abitazione del Commissario, ed ora è un anonimo B&B che se è sempre pieno di turisti lo deve solo e soltanto alla notorietà che ha acquistato grazie alle riprese televisive, non è nulla di trascendentale, anzi!

C’è di più.

Sulla spiaggia non sono rare le apparizioni di cani randagi e ne ha fatto le spese il vostro cronista che, aggredito da uno di essi, è stato fatto cadere in acqua con rischio serio e concreto di annegare se non l’avesse prontamente soccorso un generoso bagnante accorso prontamente.

Aggiungo, ovviamente scherzando, che forte è stata la tentazione di segnalare l’episodio al Questore che sarebbe stato ben lieto di richiamare, e stavolta a ragione, il Commissario Montalbano per non avere risolto, in tanti anni di onorato (e ben remunerato) servizio in loco, il deprecabile fenomeno del randagismo.

I luoghi del Commissario Montalbano: dove nuota La terrazza di Montalbano

Devo dire che, al netto di tale spiacevole contrattempo, la giornata trascorse piacevole sotto l’ombrellone in un paesaggio marino meraviglioso, sotto un sole cocente come sa sempre essere il sole di fine luglio sulle spiagge di tutta la Sicilia Meridionale.

 

Tornu natr’annu!

Ciau terra mia,
natr’annu tornu,
nun viu l’ura
c’arriva stu jornu.
Vegnu a truvari
lu to beddru mari,
senza di iddru
nun ci sacciu stari.
Nun sa quantu
mi manca lu to suli
e di la to genti
l’affettu e lu caluri.
Sapissi chi piaciri
chi mi duna
mangiari beddri calli
i cuddriruna.
Tanti verduri,
pomaduru, patati,
ogliu d’uliva
e sardi salati.
Vegnu a visitari
lu cimiteru,
ora cchiù granni
du Paisi veru.
Trovu a me matri,
cu lo so surrisu:
cu me patri
sta mparadisu!
Ci sunnu tanti
autri parenti,
di vivi ni ristaru
picca e nenti!
Ciau terra mia,
na ma lassari:
un jornu finirà
stu piniari!

Ritorno fra un anno

Ciao Terra mia,
un altro anno torno,
non vedo l’ora
che arrivi questo giorno

Vengo a trovare
Il tuo bel mare,
senza di lui
non so stare.

Non sai quanto
ni manchi il tuo sole
e della tua gente
l’affetto ed il calore.

Sapessi che piacere
che mi viene
mangiare belle calde
le focacce ripiene.

Tante verdure,
pomodori, patate,
olio d’oliva
e sarde salate.

Vengo a visitare
Il tuo cimitero,
ora più grande
del Paese vero.

Trovo mia madre
col suo sorriso,
con mio padre
sta in Paradiso.

Ci sono tanti
altri parenti:
vivi ne son rimasti
pochi, quasi niente.

Ciao terra mia,
sono in partenza:
un giorno finirà
la sofferenza!

Il quarto giorno abbiamo visitato la bella Modica, la Città famosa per la sua cioccolata (quella lavorata a bassa temperatura e la cui ricetta deriva dalla cultura azteca e fu portata in Europa dagli Spagnoli) oltre che per aver dato i natali al grandissimo poeta Salvatore Quasimodo, uno degli ultimi poeti italiani ad aver vinto il premio Nobel per la Letteratura.

Anche Modica è legata ad alcuni episodi delle riprese televisive del Commissario Montalbano avendo ospitato tra le sue vie, palazzi e chiese numerose scene di diversi episodi.

Da non perdere a Modica i piatti tipici dell’Osteria dei Sapori Perduti ed in particolare quelli a base di “maccu” (una sorta di purea di fave secche).
Altre mete della nostra breve vacanza sono state Palazzolo Acreide, patrimonio dell’Unesco, e Chiaramonte Gulfi.

In quest’ultima cittadina montana sono state effettuate in primavera delle riprese per i nuovi episodi della fortunata serie televisiva del Commissario Montalbano che verranno trasmesse nel 2018.

Si allargano dunque anche alla cittadina montana gli ormai celebri “luoghi di Montalbano”.

Le strade, le piazze e i palazzi di Chiaramonte andranno così a far parte di quell’immaginario suscitato dalla serie tv tratta dai romanzi di Andrea Camilleri che, a ragione, ha reso celebre la provincia di Ragusa.

Palazzolo Acreide che ospita il più lungo balcone in stile barocco e Chiaramonte Gulfi che ha ben otto musei, tutti ricchissimi e bellissimi, sono due incantevoli Paesi che meritano l’attenzione dei turisti desiderosi di conoscere le bellezze della nostra Sicilia e di tutti i suoi incantevoli territori.

E non possiamo che sperare che col tempo diventino sempre più numerosi. Se lo merita la Sicilia, se lo meritano i suoi luoghi incantevoli, se lo meritano i siciliani sempre cordiali ed ospitali.

È stata un bella ed interessante vacanza ed è inutile nasconderlo che abbiamo la seria intenzione di ritornarci e di ritornarci presto.
Già sulla nave di ritorno in Piemonte, la Palermo- Genova, sul taccuino del vostro cronista si sono scritti quasi da soli questi nostalgici versi.

Non abbiano paura i lettori non piemontesi, al testo in dialetto siciliano fa seguito la traduzione in lingua italiana.
Buona lettura a tutti.

Mi raccomando, i bellissimi luoghi di Montalbano in Sicilia vi attendono numerosi; vedrete che ne vale veramente la pena!

Reportage (poesia, articolo e foto) Sulle Tracce del Commissario Montalbano e dell’Agente Catarella! di Michelangelo La Rocca su CaffèBook (caffebook .it) 

Foto Montalbano-Zingaretti da Wikipedia.org

Leggi anche:

La Trinacria che ho lasciato e quella che vorrei ritrovare.

Piramidi di Zone: una magia sul lago di Iseo

La Festa del mandorlo in fiore.