Via con me (It’s wonderful) con testo: una canzone per innamorati in fuga

Via con me (It’s wonderful) piacque a tutti, al pubblico francese, forse più che a tutti, ma anche a quello americano o sudamericano, poi a Roberto Benigni che la inserì nella colonna sonora del film Tu mi turbi

Nella musica di Paolo Conte c’è spesso, in quell’anima jazz, un po’ di malinconia per un qualcosa che perdiamo lungo la strada, in fondo è l’uomo del Mocambo che ha perso il sogno in un bar, ma in questo brano c’è un invito: Vieni via di qui / Niente piu’ ti lega a questi luoghi / Neanche questi fiori azzurri… un invito a ricominciare per due amanti, due innamorati in fuga.

Così seguendo le sue note eleganti lasciamo la sua disillusione e, per una volta, viaggiamo fra una passione consapevole e un romanticismo irriducibile.

Paolo Conte pubblicò Via con me (It’s wonderful) nell’album Paris milonga nel 1981 e poi nella raccolta Tutto Conte – Via con me (2008). Così l’avvocato di Asti, con quella canzone fece breccia nel grande pubblico e le sue canzoni non furono più solo legate ad altri nomi come Azzurro a Celentano o Genova per noi a Bruno Lauzi).

E dopo? Dopo i due innamorati incominciano una nuova vita , è una casa o un albergo, “via, entra e fatti un bagno caldo, c’è un accappatoio azzurro”, non lo sappiamo, certo “fuori piove un mondo freddo…” ma loro sono insieme.

Testo Via con me (It’s wonderful)

Testo Via con me (It's wonderful)
Testo Via con me (It’s wonderful)