Quando le persone dicono “Zante” pensano all’isola greca soprattutto per le sue bellissime spiagge…

ed hanno ragione, sono indimenticabili. 

Il nostro volo per l’isola di Zante parte molto presto, la nostra sveglia ad Arezzo suona infatti alle 3:00 del mattino.

Arriviamo all’aeroporto di Fiumicino alle 5.00, facciamo il check-in, la colazione ed infine saliamo sull’aereo…
Alle 7.30 parte la nostra tanto attesa vacanza per Zante!

Arriviamo a Zante alle 10.15 ora locale, poiché c’è un diverso fuso orario, ritiriamo i bagagli e prendiamo il taxi che ci porta a quella che sarà la nostra casa per una settimana.

Dopo aver noleggiato i motorini ad un villaggio accanto, partiamo subito alla ricerca di una spiaggia… e ci ritroviamo alla spiaggia di Xigia. Questa spiaggia si trova nella parte settentrionale. Un po’ scomoda perchè è fatta di sassi bianchi e non di sabbia, ma è molto bella. Le sue acque sono turchesi anche per la presenza di una corrente di acqua sulfurea e la presenza di zolfo si avverte anche nell’aria.

Zante, spiaggia di Xigia Zante, spiaggia di Xigia

È stata una lunga giornata, così dopo aver mangiato in una taverna lì vicino, rientriamo presto a casa per andare a dormire.

Il giorno dopo lo dedichiamo ad un’escursione al nord dell’isola per visitare i luoghi più caratteristici di Zante:

le Blue Caves e la spiaggia del Relitto.

Partiamo con un traghetto che ci porta prima alla Spiaggia del Relitto dove restiamo per tre ore facendo il bagno e le foto immancabili con il Relitto. Non siamo stati molto originali, lo so, è una delle spiagge più fotografate al mondo, ma quando sei lì la tentazione è davvero forte.

Il relitto dà il nome alla spiaggia, la spiaggia del Navagio, sembra l’opera di un artista: le rocce bianche a picco sul mare azzurro.

Da quello che ci hanno raccontato, e di cui in parte ho trovato conferma in internet. Il l’1 ottobre del 1980 la nave Panagiotis, che dalla Turchia portava un carico di sigarette illegali in Italia, per scappare ai controlli della Marina Militare greca cercò di nascondersi in una baia, ma il mare molto agitato la fece incagliare.

È un naufragio che a Zante ricordano bene, per le numerose stecche di quelle sigarette che furono consumate sull’isola…

Dopo pranzo ripartiamo per andare a osservare le Blue Caves e a immergerci in quelle acque calde dai colori stupendi! 

Zante le Blue Caves Zante le Blue Caves

Nel pomeriggio siamo tornati alla spiaggia del Relitto, questa volta in motorino, per vederla dall’alto. È una delle viste più belle di Zante e tutti ne parlano, ma bisogna stare molto attenti!

Zante Spiaggia del Relitto

 Reportage da Zante e foto: Zante, la Spiaggia con Relitto, Tramonti bellissimi e Tartarughe invisibili di Federica Merli

È molto pericoloso, il dirupo è molto vicino e in tanti sono morti cadendo da quel punto preciso.
Sulla parte più alta c’è la tomba di un ragazzo che si è suicidato lo scorso anno, nonostante ciò, la vista è stupenda.

La sera siamo andati a mangiare nella città di Zante, molto “bellina” (passatemi il modo di dire tipicamente aretino) ma non la descriverei come “caratteristica”, il cibo… non è stato di nostro gradimento, almeno quello che abbiamo mangiato noi.

Ci è sembrato che molti locali si fossero organizzati per accontentare il turista in modo sbrigativo e abbiano un po’ perso nel proporre i loro piatti tradizionali.

Il giorno seguente abbiamo noleggiato una barca per andare a visitare la spiaggia delle tartarughe che tutti hanno visto e… noi no.

Nel pomeriggio siamo andati a prendere un aperitivo a Cameo Island in cui dicono che c’è sempre una tartaruga con la quale puoi fare il bagno, c’era rimasta la voglia di vederne una, ma… la spiaggia era chiusa a causa di un matrimonio in corso.

Così niente tartarughe, ma il luogo è molto bello e con l’aperitivo… siamo stati comunque molto bene. 

Zante Cameo Island


La sera siamo stati a mangiare, sempre in una taverna, in un paesino sopra Zante dalla quale potevamo vedere tutta la città.

Zante, vista da una taverna di un paesino sopra Zante

Il giorno dopo siamo andati a visitare le Keri Caves, noleggiando una barchetta. Anche queste grotte sono spettacolari e l’acqua è limpida e azzurrissima! (scusare il superlativo, è strano, ma rende l’idea) e, certamente, il colore delle acque si ripete molto, ma è perché le spiagge godono tutte di queste tonalità che incantano. 

Porto Limniosas, #zante

Nei giorni successivi siamo andati alle spiagge di Porto Roxa e Porto Limniosas. C’è da dire che i prezzi in tutta l’isola non sono eccessivi, ad esempio gli ombrelloni costavano 4 euro a persona e includevano la bevanda.

Nella spiaggia di Porto Roxa c’è un trampolino da cui si tuffano e si divertono tutti immergendosi nelle sue acque cristalline, e anche il paesaggio intorno che le racchiude è molto bello alternando il verde della vegetazione al bianco della sabbia e delle rocce. La sera abbiamo deciso di cenare lì e questo ci ha permesso di godere della vista di un incredibile tramonto.

#Zante tramonto

E poi… fine del viaggio, la mattina dopo siamo andati all’aeroporto e alle 6 del pomeriggio eravamo già tornati ad Arezzo!

 Reportage da Zante e foto: Zante, la Spiaggia con Relitto, Tramonti bellissimi e Tartarughe invisibili di Federica Merli e Nico Farsetti

Leggi anche altri reportage di viaggio:

Sulle Tracce del Commissario Montalbano e dell’Agente Catarella!

La valle di Kathmandu: solenni montagne e tradizioni antichissime

Magica India