Barbara Taglioni è nata a Verbania, grafologa professionista, vive e lavora tra Verbania, Messina e Forlì ( sede operativa). Diplomata alla scuola triennale ARIGRAF (Associazione di Ricerca Grafologica) di Roma specializzata in perizia grafologica giudiziaria presso l’ARIGRAF di Milano, è socia ordinaria della Société Francaise de Graphologie. Specializzata in grafologia aziendale, presso AGP (Associazione Grafologi Professionisti) di Bologna e in Educazione e Rieducazione del Gesto Grafico presso AED (Associazione Europea Disgrafie) di Roma. Iscritta AGI Associazione Grafologi Italiani) già ideatrice e redattrice della rivista GRAPHOMANIA, è cotitolare del sito GRAFOLOGHIAMO.IT, autrice di articoli e pubblicazioni su riviste culturali e del settore e organizzatrice di incontri divulgativi su temi inerenti la disciplina della grafologia e del gesto grafico. Barbara Taglioni scrive abitualmente sulla rivista culturale Messinese MOLESKINE. INCHIOSTRI DI CARATTERE – ritratti grafologici di personalità famose – ApostrofoEditore pubblicato nel mese di aprile 2015 è il suo primo libro. Barbara Taglioni, pubblicazione: Inchiostri di carattere. Ritratti grafologici di personalità famose La grafologia è un mezzo privilegiato per lo studio del carattere, lo scopo del libro è condurre il lettore in un viaggio affascinante tra le righe di personaggi famosi per scoprire e interpretare le corrispondenze tra segno grafico e personalità.

Intima “Jane Fonda” Dolore e successo, fragilità e forza emergono tra le righe della sua scrittura

In questi giorni non si parla che di lei, Jane Fonda, e del Leone d’oro consegnatole durante l’ultima edizione del Festival del Cinema di Venezia.  

Tutti parlano delle sue molteplici sfaccettature e trasformazioni avvenute durante la sua lunga carriera:

figlia del celeberrimo Henry Fonda, sex-symbol, attrice impegnata, attivista pacifista, accanita ginnasta di aerobica, moglie trofeo, e chi più ne ha più ne metta.

Noi proviamo invece  a rivolgere lo sguardo verso la sua parte più riservata e intima, quella che sta dietro la facciata del personaggio pubblico, quella che spesso emerge da un analisi della scrittura e che è in grado di  raccontarci a volte aspetti  sconosciuti al grande pubblico.

Briografia breve di Jane Fonda

Jane è nata il 21 dicembre 1937 a New York dal famoso attore Henry Fonda e dalla conosciuta Frances Seymour Brokaw, che muore suicida, tagliandosi la gola, pochi giorni dopo la richiesta di divorzio da parte del marito. All’epoca ha a solo 42 anni e Jane è poco più di una bambina.

Nella sua autobiografia, La mia vita finora, Jane racconta di un padre gelido e una madre afflitta da problemi psichici e ricorda che Frances è stata vittima di abusi sessuali ricorrenti nella sua infanzia, un destino che si ripeterà anche per la piccola Jane.

Sono recenti infatti le sue dichiarazioni in merito a abusi subiti durante l’infanzia, che hanno lasciato nell’attrice ferite indelebili.

Questa triste vicenda l’ha fatta sentire sminuita, impossibilitata a rimanere in piedi da sola sulle proprie gambe, incapace di rinunciare a ruoli non adatti alla sua persona.

Lei stessa dichiara:

Da piccola ho subito anch’io abusi sessuali, e ho sempre pensato che in qualche modo fosse colpa mia per non aver saputo dire “no” nel modo giusto. Ma ora so che (mia madre e io)siamo state violate e non è mai colpa nostra”.

Le è servito del tempo per capirlo, per non accusarsi di quanto subito, per abbracciare il femminismo, perché, dice l’attrice, è cresciuta con la “malattia del compiacere”.

Anche le scelte sentimentali della sua vita ne sono rimaste pesantemente condizionate.

Jane racconta come gli uomini della sua vita siano stati meravigliosi, ma vittime di una cultura patriarcale…

Quante donne è Jane Fonda?

Negli anni è cambiata moltissimo e si potrebbe dire che è tanti tipi di donna quanti i decenni che ha attraversato finora. Con cadenza quasi decennale è riuscita a reinventarsi creando sempre una nuova immagine di sé, e un ruolo, che sono puntualmente diventati delle icone.

Ora c’è Jane Fonda oggi che ha 79 anni, e ritira il Leone d’oro alla carriera alla Mostra del cinema di Venezia 2017.

Dobbiamo ammettere che la Jane attuale sembra essere  riuscita a ricucire molte delle sue ferite: p

assa più tempo con i suoi figli, Vanessa Vadim avuta dal regista Roger Vadim, Troy Garity (nato dal suo secondo matrimonio) e Mary Luana Williams, adottata da una coppia di ex Pantere nere, il movimento african-american del Black Power e anche i suoi figli, come lei, sono attivisti politici, perché buon sangue non mente.

Jane Fonda firma

Analisi Grafologica di Jane Fonda

Una scrittura grande, compatta, accartocciata, intricata, in stampatello minuscolo, con ganci e aste storte che procede impennandosi sul rigo.

Rivela immediatamente un disagio, un “troppo” che disturba l’armonia, che dà l’impressione di soffocamento, di mancanza di aria. Le parole sono ammassate, a volte sovrapposte e scarsamente leggibili e ci dicono che siamo di fronte a un soggetto poco sereno.

Jane Fonda grafia

 

È una grafia che contrasta la sua naturale progressione verso la destra, che fa pensare a un atteggiamento di difesa, che porta a contestare, rifiutare, opporsi a tutto ciò che viene proposto forse per prendere tempo di fronte a decisioni o cambiamenti, forse per paura o timidezza.

Certamente lo spirito d’iniziativa ne risulta inibito. Esiste una forte componente egocentrica di non-spontaneità, di estremo controllo. Una modalità costruita nel mostrarsi agli altri.

Esprime una reattività come risultato di una attrazione dell’altro negativamente conclusa, che sfocia in una riluttanza, in un contegno artificiale, in una chiusura e in un riserbo di difesa.

Il rifiuto, l’opposizione, l’essere “contro” piuttosto che “con” ha funzionato per Jane da spinta motrice importante, trasformandosi in una strategia per combattere il proprio senso di inferiorità e desiderio di accettazione:

l’attrice riesce a dare il meglio di sé quando c’è una lotta da intraprendere, un ostacolo da superare e solo allora riesce a essere coraggiosa e temeraria.

In questo modo, mettendosi alla prova riesce a rivendicare l’attenzione dell’altro per avere quelle conferme sul proprio valore così essenziali per la sua sopravvivenza.

Riesce a colmare i grandi vuoti affettivi che la inseguono dall’infanzia.

Leggendo la biografia di Jane Fonda, infatti, possiamo meglio comprendere che questi aspetti caratteriali sono il risultato di un’esistenza marchiata negativamente sin dai primi anni.

L’occupazione spaziale quasi a isola, gli ovali gonfi, la scarsa leggibilità, il poco spazio tra righe e parole e gli allunghi inferiori, che vanno a creare intrichi con il rigo sottostante confermano come le tendenze affettive dominano sulla razionalità e come il pensiero di Jane sia spesso agitato, molto soggettivo, non sempre chiaro. Esprimono il bisogno di sentirsi protetta entro un perimetro di sicurezza.

Jane Fonda analisi grafologica

Jane Fonda analisi grafologica

Ganciaste storteintrichiriccio della mitomania


Nella traccia grafica dell’attrice sono evidenti anche accartocciamenti, ricci della mitomania (tratti finali tuffati sotto il rigo), aste storte e ganci.

I primi confermano il suo egocentrismo che può trasformarsi in chiusura, scontrosità, unilateralità, gelosia, sospetto, con alcune forme di fissazione. I secondi rivelano ansia , instabilità emotiva di fondo e affaticamento.

È una donna nata con un grande bisogno di affetto, che ha sempre cercato amore in ogni azione e in ogni persona incontrata, che ha commesso, come molti di noi, degli errori e che ha avuto la forza e il coraggio di superare, meritandosi tutto il successo ottenuto.

L’impressione è però che dietro la facciata sorridente, dietro il suo aspetto affascinante, curatissimo e sempre alla moda di donna realizzata, non sia ancora oggi arrivata a raggiungere la serenità e che i suoi occhi, così come la sua scrittura, siano offuscati da un velo di tristezza.

Articolo e foto grafia Intima Jane Fonda di Barbara Taglioni su caffèBook (caffebook .it)

Foto Jane Fonda: Dutch National Archives, Wikipedia.org, elaborazioni CaffèBook