Direttore responsabile di CaffèBook. Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana) Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna.

 Elon Musk: storia di un visionario che vuole portare l’uomo su Marte.

Molto prima di entrare nel ristretto club dei multi miliardari, e prima di essere ufficialmente ossessionato dal portare l’uomo su Marte, Elon Musk volle provare cosa significasse vivere con poco.

 

 Elon Musk

Le regole di Elon Musk

In un’intervista rivelò le dieci regole essenziali per il successo:

  1. Mai arrendersi
  2. Fai quello che ti piace fare
  3. Non ascoltare le persone piccole
  4. Prenditi i rischi
  5. Fai qualcosa di importante
  6. Cerca persone che risolvono i problemi
  7. Cerca persone che risolvono i problemi
  8. Attira i migliori
  9. Fai un grande prodotto
  10. Lavora duro

Non era una reale necessità, ma solo una prova per se stesso: Musk decise di vivere con un dollaro al giorno per un mese negli Stati Uniti per dimostrarsi che poteva intraprendere qualsiasi impresa.

Forse questa decisione era per dire a se stesso che anche se tutto fosse andato male non sarebbe morto di fame… però se fosse tutto andato male poi non sarebbe durato solo un mese e il sapere che una cosa brutta sta per finire ha la sua importanza.

Questo aspetto “psicologico” nessuno glielo spiegò e di sicuro fu per lui irrilevante, ma è evidente che l’esperimento ha poi sorretto la sua determinazione nell’inseguire tutti gli obiettivi.

Andò così…

Nel 1992, Musk aveva ottenuto una borsa di studio dall’Università della Pennsylvania (dove avrebbe conseguito una laurea in fisica e una laurea in economia), ma prima di fare i bagagli prese la decisione di condurre un esperimento nell’Ontario per vedere se poteva sopravvivere mentre creava i propri progetti.

Musk disse in un’intervista:

Negli Stati Uniti è abbastanza facile mantenersi considerando che i miei bisogni fondamentali erano pochi.

Pensavo che potevo stare bene in un appartamento a buon mercato con il mio team e non morire di fame.

Così, l’imprenditore, che ora vuole portare l’uomo su Marte, si ripropose di sopravvivere con appena un dollaro al giorno (circa 90 centesimi al cambio attuale), cioè vivere per almeno un mese con soli trenta dollari.

E lo fece. Alimentandosi di hot dog e arance, e facendo qualche eccezione per comprarsi pasta e pomodoro, Musk visse (o meglio, si alimentò) per un mese con solo i fatidici trenta dollari.

Così alla fine si sarebbe detto:

Se si può vivere con un dollaro al giorno (almeno dal punto di vista alimentare)… è abbastanza facile guadagnare trenta dollari al mese“.

E avrebbe concluso “Così probabilmente starò bene.

Poi vennero le sue imprese negli affari, PayPal, SpaceX, Testa, SolarCity… ma andiamo con ordine e cominciamo dal principio.

Elon Musk Reeve è nato a Pretoria, in Sudafrica, nel 1971 in una famiglia benestante con un padre ingegnere e una madre nutrizionista e modella.

Musk comprò il suo primo computer, un Commodore VIC 20, a solo dieci anni con il quale imparò a programmare da autodidatta, realizzando, solo due anni più tardi, un tipo di gioco spaziale che avrebbe poi venduto per 500 dollari.

Amante della filosofia e in particolare di Nietzsche e Schopenhauer, all’età di quindici anni Musk cadde in una crisi che lo ha portò a valutare seriamente ciò che voleva fare della sua vita.

Una decisione drastica la prese già a diciassette anni, quando decise di “sottrarsi” al servizio di leva nell’esercito, sudafricano. In seguito avrebbe dichiarato, con una certa ironia:

Non ho nulla contro il servizio militare in sé, ma servire l’esercito del Sudafrica per reprimere le persone di colore non mi era sembrato un buon modo per trascorrere il mio tempo“.

Elon Musk, l’uomo che ci porterà su Marte

Quando i suoi genitori divorziarono emigrò in Canada con la madre nel giugno 1989.

Musk però voleva andare al college e vivere negli Stati Uniti. Nel 1992 ricette la borsa di studio presso l’Università della Pennsylvania, ma di questo abbiamo già parlato…

Uno dei suoi insegnanti era il direttore della Pinnacle Research, una società che costruiva anche veicoli elettrici nella Silicon Valley. Musk vi lavorò tutta l’estate. 

La Zip2, la prima impresa di Elon Musk

Nel ‘95, Musk si iscrisse alla Stanford University ma vi restò solo due giorni perché con il fratello Kimbal Musk e l’amico Greg Curry si lanciarono subito nel mondo dell’impresa su internet con una società: la Zip2.

La Zip2 era un provider di contenuti online che arriverà a gestire oltre 200 siti di grandi giornali. Nel 1999 sull’onda del successo la vendettero per più di 300 milioni di dollari ad AltaVista, una collegata alla Compaq Computer.

La parte di Musk, circa 22 milioni, gli avrebbe consentito di vivere molto bene per il resto della sua vita, ma a questo punto l’idea dell’imprenditore sudafricano non era certo quella di accontentarsi.

Paypal, una svolta importante

Che Musk sia fra i cofondatori di Paypal è un fatto abbastanza noto, ma non fu privo di rischi il suo ingresso nell’insidioso mondo della finanza on line.

Il passo successivo nella scalata al successo fu la creazione della X.com, una società che sviluppava un servizio sul controllo dei pagamenti on line semplificando i passaggi. La sua fusione con la Confinity portò alla creazione di Paypal Inc. così come la conosciamo oggi.

Paypal ebbe, in poche settimane, più di 100.000 clienti, cosa che spinse Visa ed Ebay ad intraprendere delle azioni legali per farla chiudere.

Nel frattempo Musk, che aveva rischiato gran parte del suo capitale in questa impresa, ebbe molti contrasti anche con gli altri soci.

Elon Musk si era dimostrato certamente molto bravo ad attrarre sia persone di grande talento sia investitori, ma il risvolto della medaglia era che avevano a che fare con un egocentrico portato a sottovalutare i problemi pratici e finanziari.

Tutto però finì molto bene visto che Ebay acquistò, nel 2002, la nuova società di Musk e soci per la modica cifra di 1.500 milioni.

 

SpaceX e l’uomo su marte

La filosofia nelle scelte di Elon Musk si è sempre basata sulla convinzione che il miglioramento della vita dell’uomo e della società in futuro sarebbe passato attraverso lo sviluppo di tre aspetti chiave: internet, le energie rinnovabili e lo spazio.

Il passo successivo per il giovane imprenditore fu quindi la conquista dello spazio. La sua idea era quella di inviare un razzo per Marte con delle caratteristiche ben precise: doveva essere riutilizzabile e il costo del carburante doveva essere inferiore allo 0,2% o 0,5% del costo del razzo.

Così, lo stesso anno della vendita di Paypal, Musk creò SpaceX con la quale vuole costruire un veicolo spaziale di basso costo e alta affidabilità per realizzare il sogno di portare l’uomo su Marte.

Ancora una volta alti e bassi finanziari, grandi sparate per imprese future, incredibili capacità di calamitare investitori e menti brillanti si riunirono in un nuovo progetto impossibile.

Un punto basilare per la società arrivò nel 2008 quando firmò un accordo di 1.600 milioni di dollari con la NASA per eseguire 12 voli con il proprio razzo verso la Stazione Spaziale Internazionale per il trasporto merci.

Tesla Motors e l’auto elettrica

Elon Musk, auto elettrica

Quando Elon Musk scoprì che Marc Tarpenning e Martin Eberhard stavano lavorando sul prototipo di una macchina elettrica in grado di fare da 0 a 100 km in soli quattro secondi, rimase rapito dal progetto e ne propose la possibilità di contribuire per una effettiva commercializzazione.

Nel 2003 investì una notevole quantità di denaro, pari al 98% del finanziamento totale, diventandone CEO (Amministratore Delegato).

Si deve considerare che l’auto, e tutto il mercato connesso, è considerato un pessimo investimento finanziario, forse fra i peggiori.

Comunque sia nacque la Tesla Motors e con lei la prima auto che usando gli ioni di litio era in grado di percorrere 322 km per carica. Il suo prezzo era tutt’altro che a buon mercato: costava 110.000 dollari.

Questo però tornava con le intenzioni sempre dichiarate del miliardario di costruire auto costose per poi commercializzarle e innescare una catena virtuosa che permettesse di costruirne sempre di più economiche.

Ma molto va storto e il fondo venne toccato proprio nel 2008 (prima del buon contratto per i lanci): la Tesla rischiò la bancarotta arrivando a licenziare un gran numero di dipendenti.

Le vicende finanziarie della prima fabbrica che costruisce solo auto elettriche sono ancora molto incerte pur con l’uscita della Tesla Model 3 che avrebbe un prezzo di circa 35.000 dollari e lo sviluppo di un tipo di guida automatica.

Oggi, con più di 12.000 milioni di dollari (circa 11.000 milioni di euro), il proprietario della SpaceX è tra le cento persone più ricche del mondo secondo la classifica di Forbes: questo darebbe, certamente, una grande soddisfazione a chiunque, ma non è importante per lui.

Visionario come nessun altro miliardario, Elon Musk aspira, ora più che mai, a cambiare la società anche con altri progetti nelle energie rinnovabili, ma i suoi maggiori sforzi sono indirizzati a cambiare i confini spaziali e a trasformare gli umani in una specie multiplanetaria.

Ma è lo stesso Elon Musk ad avvisare che portare l’uomo su Marte comporterà dei rischi anche fisici dicendo:

Se siete disposti a morire, potete offrirvi volontari”.

Foto da Wikipedia (Steve Jurvetson)

Leggi anche:

Emmy Kalia, una matita dall’Olanda

Firoze Manji e l’Emancipazione dell’Africa

Conversare con i delfini.