Direttore responsabile di CaffèBook. Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana) Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna.

“Celebrating Africa” è il motto del Rototom Sunsplash di Benicàssim di quest’anno che festeggia la sua 24esima edizione nella settimana dal 12 al 19 agosto.

Il festival del reggae avrà una forte essenza africana.

Al “festival che non dorme mai” ci sarà musica, cultura, impegno sociale, la cucina e attività per tutte le età e una grande accoglienza anche per le famiglie.

Saranno più di trenta gli artisti provenienti da 18 paesi africani che passeranno anche nello spazio culturale del “African Village”.

Accanto alle esibizioni di artisti come Elemotho, un musicista, psicologo e filosofo della Namibia che porterà suoni ed esperienze sensoriali africane si potrà assistere al dibattito nel “Social Forum” con ospiti come Mohamed Ben Cheikh rappresentante di una delle organizzazioni del ‘Quartetto del Dialogo Nazionale Tunisino’, insignita del Nobel per la pace 2015 e lo scienziato politico egiziano Samir Amin.

Molto interessante si preannuncia il primo dibattito dal titolo: Decolonización y libertad: la vía africana a la democracia.

È il termine decolonizzare che risulta particolarmente importante per l’emancipazione dell’Africa.

È un percorso verso la libertà che questo continente deve fare con un patrimonio proprio immenso, ma limitato da una forte eredità di ingerenze di culture straniere.

La democrazia in Africa deve emergere con forme proprie africane ed i processi per il raggiungimento non hanno bisogno delle concezioni europee perché non sono applicabili a questo sistema politico.

Questo dibattito al Social Forum del Rototom Sunsplash di Benicàssim sarà a tre voci con:

Firoze Manji, giornalista keniano, direttore della rivista on-line Pambazuka News ed ex presidente di Amnesty International in Africa;

Rafael Crespo, membro del Centro di Studi Africani in Spagna; 

Mamadou Dia, scrittore e fondatore della Ong “Hahatay, sorride Gandiol“.

Firoze Manji, le ONG e l’emancipazione dell’Africa

Firoze Manji

La figura del giornalista keniano Firoze Manji è da approfondire con un’intervista che ha rilasciato proprio sulle problematiche africane.

Nell’intervista il giornalista dichiara che in Africa sono attualmente presenti due tipi di società che storicamente si affrontano: quella che funziona grazie al sostegno del potere coloniale e quella che vi si oppone.

Per Firoze Manji c’è chi è coinvolto “nell’industria” degli aiuti e quindi beneficia e si supporta con questi e c’è chi parla e di emancipazione.

Certamente ci sono molte sfumature tra questi due gruppi. C’è chi lavora con un concetto di sviluppo caritatevole che comunque vuole l’emancipazione degli africani come le organizzazioni sociali, i sindacati, i movimenti contadini che hanno un interesse diretto e forte nella ricerca della propria libertà e che sono molto diversi da quelli coinvolti nelle dinamiche del settore degli aiuti“.

Il giornalista, nell’intervista, apre una prospettiva poco considerata degli effetti che producono le grandi ONG nella realtà africana e non solo.

le loro motivazioni sono spesso buone: il problema non è quello di valutare le loro intenzioni, ma le reali conseguenze delle loro azioni. In una situazione politica in cui le persone sono oppresse un’organizzazione umanitaria addolcisce la situazione, ma non risolve il problema”.

Firoze Manji pone anche delle domande che dovrebbero far riflettere:

Che cosa cambierà il mondo africano? Saranno i cittadini o le organizzazioni africane paternalistiche a provocare il cambiamento? E secondo quali interessi?

Facciamo un parallelo con il movimento femminista. Le donne rivendicavano dei diritti e non chiedevano agli uomini di risolvere i propri problemi. Lo stesso deve valere per gli africani. Non possiamo dipendere dagli altri. Gli agricoltori devono essere in grado di organizzarsi.

L’Africa è uno dei continenti più ricchi del mondo: perché è abitata da una delle popolazioni più povere?

Il nostro ruolo come membri della società civile che hanno goduto del privilegio di ricevere un’istruzione è quello di combattere questa situazione”.

Leggi anche: