Paola Iotti è nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964. Ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata nella 3^ edizione del Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e sempre seconda al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzata dalla onlus Horse Angels. A gennaio 2016 un suo racconto intitolato “La fattoria del Gelso Bianco” è stato selezionato nella raccolta “Favole senza frontiere” edito da Alcyone Casa Editrice. Sono favole che spiegano ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell'immigrazione. A maggio 2016 si è classificata al terzo posto con un racconto alla 7^ edizione del Concorso Letterario Nazionale Naviglio Martesana. A luglio 2016 è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, organizzato dalla onlus Horse Angels con l’opera “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso” che raccoglie una serie di articoli relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Pubblicazioni di Paola Iotti Come l’arcobaleno tra una criniera: Per me è stata una piacevole sorpresa scoprire che la mia casa editrice, Giovanelli Edizioni, sensibile al tema degli animali, condivide il sostegno all’associazione di Jill Robinson e degli Orsi della Luna. La casa editrice Giovanelli con parte dei proventi oltre che ad Animal Asia sostiene anche la Lega Anti-Caccia e la L.A.V.

La guerra porta sempre distruzione e dolore.

Uomini e donne del contingente italiano che si recano in Afganistan per aiutare la popolazione restano sempre soldati che indossano divisa e armi, nonostante la loro sia una missione di pace.

Anche Monica Contraffatto, Caporale Maggiore dell’Esercito, si è recata in quel paese due volte. Il suo ricordo più intenso è costituito dal calore con cui venivano accolti dalla gente e i sorrisi riconoscenti dei bambini.

Nel marzo 2012 aveva 31 anni quando la base italiana venne attaccata e una bomba la investì assieme a cinque colleghi. Uno morì mentre lei fu operata d’urgenza:

le schegge colpirono la vena femorale di una gamba, che venne amputata, una mano, che necessitò di parte dell’osso della gamba, e l’intestino, asportato di mezzo metro. A complicare il quadro clinico ci si mise anche un’embolia polmonare.

Monica Contraffatto: correre e rinascere con una gamba amputata

La riabilitazione fu lunga e Monica cercava di abituarsi a una vita da disabile; una sera guardava la televisione e per caso vide la finale dei 100 metri femminili alle paraolimpiadi di Londra, in cui l’italiana Martina Caironi trionfò con il primato del mondo.

Monica Contraffatto medaglia di bronzo paraolimpica con una gamba amputata

Ammirarla in azione fece nascere in lei la voglia di emularla: se quella ragazza, priva di un arto, era riuscita in quell’impresa avrebbe potuto imparare anche lei.

Decise di provare coltivando il sogno di correre sulla stessa pista assieme a Martina.

La Caironi era una sportiva prima che un incidente in moto, nel 2007, le provocasse l’amputazione di una gamba.

Uscita dall’ospedale, dovette confrontarsi con una realtà in cui non era facile muoversi, visti i limiti del corpo; decise di compiere un passo alla volta.

La molla che la spinse a tornare a praticare uno sport fu la circostanza che spesso perdeva l’autobus per pochi metri a causa della lentezza nel camminare. Pensò che potesse essere utile imparare a correre:

riuscì grazie a protesi speciali e ad allenatori che la trattarono come un’atleta e non una disabile, scoprendo che stava bene e le piaceva.

La forza di volontà ha fatto andare avanti Monica e Martina.

Il sogno della prima di conoscere l’olimpionica si è realizzato: sono diventate amiche e a settembre del 2016 hanno gareggiato ai giochi di Rio.

La Caironi ha riconfermato l’oro di Londra mentre la Contraffatto ha conquistato un prestigioso bronzo: all’arrivo le ragazze si sono strette in un abbraccio d’incontenibile felicità.

Martina, per sdrammatizzare, ha battezzato le protesi con nomi divertenti: con Berta cammina ed esce con le amiche mentre con Cheeta corre sul tartan.

Spesso si reca nelle scuole per parlare con gli studenti di disabilità e sport.

La Caironi afferma che nella vita occorra sentirsi vivi svolgendo attività che facciano star bene. Per lei lo è correre ma anche leggere, ascoltare musica e andare ai concerti. Aggiunge che per stare bene davvero è necessario lasciarsi trasportare dagli eventi e non precludersi niente.

Ci vuole una grande forza interiore per superare le difficoltà della vita, aiutando prima di tutto sè stessi e poi gli altri con l’esempio.

Monica afferma che avrebbe potuto perdersi nell’oscurità se non avesse visto la gara di Martina, decidendo di farne un punto di riferimento e di non perdere la speranza di tornare a sorridere.

Lo sport si dimostra un mezzo fondamentale non solo per rinforzare il corpo e consentire maggiore autonomia di movimento, superando i limiti fisici, ma soprattutto uno strumento per sviluppare le potenzialità mentali.

L’atleta diventa soggetto attivo, protagonista della propria esistenza e non più passivo oggetto di riabilitazione, rendendosi conto di esistere e saper agire rapportandosi con gli altri.

Attraverso lo sport socializza presentandosi per quello che ama svolgere: nascono amicizie, si condividono esperienze, proseguendo il cammino personale senza permettere agli ostacoli incontrati di interromperlo, ma continuando la vita rinnovandosi.

foto da memoriaparalimpica.it