Paola Iotti è nata a Reggio Emilia il 29 aprile 1964. Ha conseguito la maturità scientifica e si è laureata in Giurisprudenza all’Università di Parma. La sua prima opera “Come l’arcobaleno tra una criniera”, è risultata vincitrice del concorso letterario “Il mio caro amico”, indetto da Giovanelli Edizioni nel 2014, seconda classificata nella 3^ edizione del Premio Letterario “Mangiaparole” 2014 a Roma e sempre seconda al concorso letterario 2015 Voci per i Cavalli organizzata dalla onlus Horse Angels. A gennaio 2016 un suo racconto intitolato “La fattoria del Gelso Bianco” è stato selezionato nella raccolta “Favole senza frontiere” edito da Alcyone Casa Editrice. Sono favole che spiegano ai bambini, in modo semplice e divertente, il problema dell'immigrazione. A maggio 2016 si è classificata al terzo posto con un racconto alla 7^ edizione del Concorso Letterario Nazionale Naviglio Martesana. A luglio 2016 è risultata vincitrice del Concorso letterario Voci per i cavalli 2016, sezione inediti, organizzato dalla onlus Horse Angels con l’opera “Il cavallo, un’amicizia che va oltre il possesso” che raccoglie una serie di articoli relativi all’approccio consapevole e rispettoso nei confronti dei cavalli. Pubblicazioni di Paola Iotti Come l’arcobaleno tra una criniera: Per me è stata una piacevole sorpresa scoprire che la mia casa editrice, Giovanelli Edizioni, sensibile al tema degli animali, condivide il sostegno all’associazione di Jill Robinson e degli Orsi della Luna. La casa editrice Giovanelli con parte dei proventi oltre che ad Animal Asia sostiene anche la Lega Anti-Caccia e la L.A.V.

Il 6 giugno del 1944 è ricordato come il giorno del D-Day, lo sbarco degli alleati in Normandia.

Un giorno orribilmente tinto di rosso, di morte, sofferenza e indicibili violenze ma che ha trasformato il corso della storia, ponendo fine alla dittatura nazista di Hitler e impedendo che l’Armata Rossa sovietica risultasse la potenza prevalente, con le conseguenze geopolitiche che ne sarebbero derivate.

Lo sbarco avvenne alle 6.30 del mattino, sulle spiagge chiamate in gergo dagli alleati con i nomi di Utah, Omaha, Gold, Juno e Sword a opera di truppe americane, inglesi e canadesi.

I primi a toccare il suolo francese furono però le forze paracadutate, che si trovarono sotto il fuoco nemico durante la discesa: molti perirono in aria e la maggior parte di chi atterrò incolume finì nel luogo sbagliato, a causa del forte vento o di manovre errate dei piloti.
I tedeschi avevano piantato sul terreno dei pali lunghi e acuminati denominati asparagi di Rommel, che non potevano essere avvistati durante l’atterraggio notturno.

Alle 8.15 di quella epica giornata partì per una missione aerea un giovane aviatore che faceva parte di uno speciale distaccamento della RAF, la Royal Air Force inglese, composto da trenta membri aggregati alla Prima divisione statunitense.

Il suo nome era Paddy ed era un piccione viaggiatore.

Questi fantastici volatili hanno avuto un ruolo fondamentale durante i conflitti, soprattutto nella Prima guerra mondiale, poiché alle loro ali erano affidate notizie d’importanza strategica. Sono capaci di volare di notte e di giorno, con qualsiasi condizione climatica, ritrovando, dopo molti chilometri, la strada di casa.
Quel giorno Paddy partì dalla costa francese diretto alla base militare di Hampshire, per fornire preziose notizie relative allo sbarco, essenziali per la sorte della battaglia.

Percorse 230 miglia in quattro ore e cinquanta minuti, stabilendo un record. Ma non fu facile perché anche lui, analogamente ai colleghi umani, dovette affrontare le insidie delle forze tedesche. Una Brigata di falchi era aggregata alla Luftwaffe, addestrata per intercettare i piccioni dell’esercito inglese.
Paddy riesce a eluderli arrivando alla base: alla fine del conflitto riceverà la medaglia Dickin come ringraziamento.

Gli uomini prendono, usano, aizzano animali e individui l’uno contro l’altro e poi risolvono con una stretta di mano, un inno suonato e una bella medaglia…

 

Sbarco in Normandia

Sbarco in Normandia

Articolo Paddy il piccione e lo sbarco in Normandia di Paola Iotti ( su caffebook .it)

Il 6 giugno del ’44 fu un’interminabile giornata in cui si incrociarono atti di eroismo e di violenza, momenti di fortuna e complessi preparativi.
Lo sbarco doveva avvenire il 5 giugno ma le pessime condizioni meteo e le errate previsioni, che individuavano una tregua al maltempo il giorno successivo, lo fecero rimandare di ventiquattrore.

I tedeschi avevano invece effettuato previsioni del tempo corrette e non si aspettavano l’arrivo delle forze nemiche prima di due settimane, lasciando gran parte degli uomini nelle retrovie. Inoltre gli alleati avevano sviato i sospetti tedeschi con azioni di depistaggio per far credere che l’attacco sarebbe avvenuto sulle coste norvegesi o a Calais: diciotto divisioni tedesche furono infatti schierate nel porto francese, lasciando sguarnita la Normandia.

Chi sbarcò a Omaha si trovò comunque a vivere un’esperienza in cui è impossibile trovare l’aggettivo per definirla. Nel corso di un combattimento si verificano spargimenti di sangue, atrocità ed eccessi da parte di tutti: non esiste una parte “buona” e una “cattiva” ma solo uguale paura e dolore. La guerra arreca solo distruzione e morte.

Molti dei mezzi navali che trasportavano i militari alleati ai cinque approdi saltarono in aria perché nel basso fondale sabbioso erano stati piantati pali a cui i tedeschi legarono delle mine, non visibili sul pelo dell’acqua.

Chi metteva piede sulla spiaggia incontrava campi minati e cavalli di Frisia, ossia pali di legno attraversati da lance acuminate in ferro che bloccavano il cammino, agevolando l’azione falcidiante delle mitragliatrici e dei mortai tedeschi nascosti nei bunker e nelle casematte.

Sbarco in Normandia

Sbarco in Normandia 

Articolo Paddy il piccione e lo sbarco in Normandia di Paola Iotti ( su caffebook .it)

Una volta segnalate le loro posizioni alle navi, le postazioni venivano bombardate ma errori di comunicazione provocarono vittime del fuoco amico: bombe e proiettili non sono in grado di selezionare l’obiettivo ma colpiscono senza distinzione.

La maggioranza dei soldati che superarono l’insidia della spiaggia si ritrovò con armi e munizioni inutilizzabili a causa dell’acqua e della sabbia, nonostante le custodie a tenuta stagna e l’originale utilizzo dei “condom”, i preservativi, per proteggere le canne dei fucili.

Alla fine, sulle coste della Normandia, rimasero circa diecimila morti, senza contare i civili che si trovavano in villaggi nei dintorni: quello di Vierville-sur-Mer andò interamente distrutto, così come moltissimi cittadini perirono a Caen quando venne bombardata.

La popolazione subì violenze gratuite a seguito di accuse di collaborazionismo con i tedeschi. Le donne, ancora una volta, furono oggetto di violenze sessuali: si parla di almeno tremila casi.
In queste zone è tutt’ora vivo un sentimento di freddezza nei confronti della nazione americana che salvò l’Europa a costo di sofferenze, la cui eco non si è ancora spenta.

Il D-Day, il giorno più lungo, segna l’inizio della liberazione europea e viene salutato come un momento da ricordare con gratitudine.
Non si può però dimenticare che per portare libertà e pace si è dovuto creare ulteriore morte e sofferenza.

Articolo Paddy il piccione e lo sbarco in Normandia di Paola Iotti ( su caffebook .it)

Fonti utili: Wikipedia Sbarco in Normandia