Oggi 9 dicembre 2017 Kirk Douglas compie 101 anni, ed è tra i pochi sopravvissuti della Hollywood dorata, gli rendiamo omaggio con la scena:

Io sono Spartaco tratta da Spartacus, per la regia di Stanley Kubrick

«La pasta di cui è fatto Kirk Douglas è di un materiale solido», tratto dal prologo di George Clooney nel libro “Io sono Spartaco”.

Lo Spartaco Kirk Douglas è sopravvissuto anche alla Seconda Guerra Mondiale, alla Grande Depressione, a incidenti spettacolari… e qui un breve omaggio con il video della scena Io sono Spartacus.

Kirk Douglas anche con Spartacus prese posizione contro i soprusi razziali ed economici (come il personaggio Atticus Finch di Gregory Peck) volendo nella realizzazione del film lo sceneggiatore Donald Trumbo finito nella famosa lista dei dieci del maccartismo.

Kirk determinato proprio come Spartaco (Spartacus), il suo personaggio più conosciuto, ha svolto molti mestieri prima di diventare un attore ricco e famoso e dopo aver studiato all’American Academy of Dramatic Arts.

Ha ricevuto tre nomination al Premio Oscar, senza mai vincerlo, ma venendo premiato con l’Oscar alla carriera nel 1996.

Fra i film da lui interpretati:
L’asso nella manica (Ace in the Hole 1951), regia di Billy Wilder
Pietà per i giusti (Detective Story 1951), regia di William Wyler
Il tesoro dei Sequoia (The Big Trees 1952), regia di Felix E. Feist
Il grande cielo (The Big Sky 1952), regia di Howard Hawks
Il bruto e la bella (The Bad and the Beautiful 1952), regia di Vincente Minnelli
I perseguitati (The Juggler 1953), regia di Edward Dmytryk
Atto d’amore (Un acte d’amour 1953), regia di Anatole Litvak
Ulisse (1954), regia di Mario Camerini
20.000 leghe sotto i mari (20000 Leagues Under the Sea 1954), regia di Richard Fleischer
Destino sull’asfalto (The Racers 1955), regia di Henry Hathaway
L’uomo senza paura (Man Without a Star 1955), regia di King Vidor
Brama di vivere (Lust for Life 1956), regia di Vincente Minnelli
Sfida all’O.K. Corral (Gunfight at the O.K. Corral 1957), regia di John Sturges
Orizzonti di gloria (Paths of Glory 1957), regia di Stanley Kubrick

I vichinghi (The Vikings 1958), regia di Richard Fleischer
Il giorno della vendetta (Last Train from Gun Hill 1959), regia di John Sturges
Il discepolo del diavolo (The Devil’s Disciple 1959 ), regia di Guy Hamilton
Noi due sconosciuti (Strangers When We Meet 1960), regia di Richard Quine
e naturalmente

Spartacus, per la regia di Stanley Kubrick (1960) di cui il video della scena Io sono Spartaco

e poi non possiamo dimenticare…

Gli eroi di Telemark (The Heroes of Telemark 1965), regia di Anthony Mann
Combattenti della notte (Cast a Giant Shadow 1966), regia di Melville Shavelson
Parigi brucia? (Paris brûle-t-il? 1966), regia di René Clément con la partecipazione di Jean-Paul Belmondo e Alain Delon.