La lince è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi.

Sono conosciute quattro specie, caratterizzate da dimensioni medie, gambe forti, orecchie lunghe, coda corta e corpo più o meno chiazzato.

In Europa troviamo (pochi esemplari, è specie protetta perché a rischio di estinzione) La lince boreale, europea, euroasiatica o comune (lince Lynx) un felino di medie dimensioni, un predatore nativo delle foreste europee e siberiane.

La lince misura dagli 80 ai 130 cm di lunghezza (più dagli 11 ai 24 cm della coda), con un’altezza compresa tra 60 e 75 cm e tra 18 e 30 kg di peso.

Le linci europee sono dei grandi predatori basano la loro dieta sulla cattura di ungulati, solitamente giovani, a volte fino a quattro volte più grandi di loro. Tra le loro prede possono finirci anche i cervi o le capre selvatiche e certamente anche qualche animale di allevamento, ma più probabilmente lepri, conigli, roditori e… uccelli

La lince di questo cartone animato ben realizzato e dall’aria molto natalizia è decisamente di un altro tipo…

In Italia le tracce di questo bellissimo animale si sono quasi perse, in Spagna al contrario sembra stia avendo successo un programma di ripopolamento.

Devo dire sembra perché… Bene, in Spagna hanno preso con molta determinazione l’impegno di proteggere la lince.

Hanno previsto nel codice penale una pena fino a due anni di carcere per chiunque causi la morte di una specie protetta: sparando, con l’uso di esche avvelenate o con qualsiasi altro metodo criminale che sia. E si deve aggiungere che il fatto implica anche una multa che può superare i centomila euro.

Indubbiamente, si tratta di sanzioni severe, ma non sembrano abbastanza dissuasive.

Però recentemente alcune persone, descritte senza mezzi termini dai giornali come criminali, hanno preso la “moda” di sparare alle linci.

Nella lotta contro questi atti forse anche un bel cartone animato forse può aiutare a creare una cultura e una mentalità più sana di rispetto per la natura.