Caterina Oddenino si considera un’artista a 360°, non per quello che scrive, o dipinge o propone di se stessa, ma per quello che è: una creativa, unapennanelvento che si lascia trasportare dalle nuvole. Scrive da sempre. Proviene dalla Accademia di Belle arti, pittrice e scrittrice, ha raccolto consensi e riconoscimenti lungo un percorso decisamente variegato. Ha collaborato con gallerie d’arte, associazioni, compagnie teatrali e quant’altro e ha maturato, attraverso la sua eclettica esperienza, uno stile e un’impronta che la contraddistinguono ovunque. Ha formato persone e scoperto talenti. Collabora tutt’ora con associazioni, librerie e compagnie teatrali. Ha camminato abbattendo muri e saltando fili spinati e alternando prati di rose a cardi palustri camminando in tondo nello stagno e in silenzio e in compagnia di se stessa ha attraversato montagne a piedi scalzi e trascinato pietre lisce e dorate, e ornamenti di perle sul capo hanno adombrato la fronte… Ora sa che la sua vocazione è scrivere. Ogni giorno riempie una pagina della sua vita e i suoi pensieri definiscono la via e corrono veloci e si rivede attraverso gli occhi della consapevolezza e si rivela, attraverso il fluttuare degli eventi. La sua ultima creazione è l’associazione salottoletterario che la porta a condividere pensieri ed opinioni sulla falsa riga di un libro a tema in un percorso itinerante in strutture quali associazioni e librerie disponibili ad allargare cultura e comunicazione. Viviamo in un’epoca in cui predomina l’individualità e l’obbiettivo di Caterina Oddenino è di creare comunicazione e condivisione attraverso l’arte e la cultura, i suoi salotti e il suo scrivere.

 

Che cosa resta di un anno scolastico? “Grazie” è la lettera di Enrico Bottini che chiude il libro Cuore con il suo accorato e patetico grazie, ricordando maestri e compagni.

Siamo agli sgoccioli e mancano pochi giorni alla fine della scuola. In parallelo riporto la lettera di una ragazza che commenta la fine dell’anno scolastico con un approccio più moderno:

Un altro anno è trascorso. È stato un anno intenso ma veloce, forse troppo, ma un anno in cui sento di essere cambiata, di aver fatto nuove scoperte e amicizie.

 

GRAZIE 28, mercoledì

Ha voluto finire il suo anno di scuola la mia povera maestra: se n’è andata tre soli giorni prima che terminassero le lezioni. Dopo domani andremo ancora una volta in classe a sentir leggere l’ultimo racconto mensile: Naufragio, e poi… finito. Sabato, primo di luglio, gli esami. Un altro anno dunque, il quarto, è passato! E se non fosse morta la mia maestra, sarebbe passato bene. – Io ripenso a quello che sapevo l’ottobre scorso, e mi par di sapere assai di più: ci ho tante cose nuove nella mente; riesco a dire e a scrivere meglio d’allora quello che penso; potrei anche fare di conto per molti grandi che non sanno, e aiutarli nei loro affari; e capisco molto di più, capisco quasi tutto quello che leggo. Sono contento… Ma quanti m’hanno spinto e aiutato a imparare, chi in un modo chi in un altro, a casa, alla scuola, per la strada, da per tutto dove sono andato e dove ho visto qualche cosa! Ed io ringrazio tutti ora. Ringrazio te per il primo, mio buon maestro, che sei stato così indulgente e affettuoso con me, e per cui fu una fatica ogni cognizione nuova di cui ora mi rallegro e mi vanto. Ringrazio te, Derossi, mio ammirabile compagno, che con le tue spiegazioni pronte e gentili m’hai fatto capire tante volte delle cose difficili e superare degli intoppi agli esami; e te pure Stardi, bravo e forte, che m’hai mostrato come una volontà di ferro riesca a tutto; e te, Garrone, buono e generoso, che fai generosi e buoni tutti quelli che ti conoscono: e anche voi Precossi e Coretti, che m’avete sempre dato l’esempio del coraggio nei patimenti e della serenità nel lavoro; dico grazie a voi, dico grazie a tutti gli altri. Ma sopra tutti ringrazio te, padre mio, te mio primo maestro, mio primo amico, che m’hai dato tanti buoni consigli e insegnato tante cose, mentre lavoravi per me, nascondendomi sempre le tue tristezze, e cercando in tutte le maniere di rendermi lo studio facile e la vita bella; e te, dolce madre mia, angelo custode amato e benedetto, che hai goduto di tutte le mie gioie e sofferto di tutte le mie amarezze, che hai studiato, faticato, pianto con me, carezzandomi con una mano la fronte e coll’altra indicandomi il cielo. Io m’inginocchio davanti a voi, come quando ero bambino, e vi ringrazio, vi ringrazio con tutta la tenerezza che mi avete messa nell’anima in dodici anni di sacrifizio e d’amore.Se ci penso è strano, ma per tutti gli ultimi mesi il mio desiderio era finire il liceo ed andarmene, cambiare aria; ora che manca poco, che c’è solo un anno ancora, già mi mancano: la classe, i compagni, i professori, le ore in classe… tutto quello di cui ero stufa fino a venerdì, quando mi sono resa conto che manca solo un anno.

Se mi posso permettere Prof, anche lei è cambiato, maturato: per quello che ho visto io ha imparato a gestire il successo di un libro, i fan, le presentazioni e l’emozione che questo comporta, riuscendo a conciliarli con noi alunni, con il programma e le interrogazioni.

L’anno scorso avevo paura che ci abbandonasse, che preferisse fare lo scrittore piuttosto che insegnare a noi; ora sono tranquilla perché vedo che, essendo riuscito a conciliare le due cose, è felice di insegnare e di stare con noi. Quindi grazie per la pazienza e il tempo che ha dedicato ad ognuno di noi, anche quando forse noi non lo meritavamo troppo”. 

(La Stampa, 14 giugno 2012)

I ragazzi sono ragazzi in qualunque epoca e in qualunque epoca alla fine della scuola patiscono il distacco da compagni e maestri.

La fine dell’anno scolastico è alle porte, e, anche se i ragazzi non vedono l’ora che arrivino le tanto sospirate vacanze estive, non possono dimenticare gli insegnanti che durante l’anno scolastico hanno impiegato tutte le loro energie per dare loro l’istruzione accanto alla consapevolezza della vita.

La differenza fra desiderata e realtà è sempre lì a ricordarci che dobbiamo migliorare, e se non sempre le cose sono andate per il verso giusto, alla fine dell’anno tutto viene dimenticato in funzione della complicità e della solidarietà. Alla fine dell’anno i ragazzi si uniscono e si comprendono in qualsiasi secolo e quando gli sforzi sono stati collettivi e pensando di dare il meglio i risultati non possono mancare.

Finalmente arrivano le vacanze e i ragazzi sono irrequieti; vivono già il senso di libertà e si immaginano con gli amici a giocare, lontani da interrogazioni e verifiche. Iniziano l’anno pieni di paure e lo chiudono abbracciandosi.
Durante l’anno imparano a conoscersi e si scoprono ogni giorno attraverso il confronto e il dialogo e la discussione, mettendo a nudo caratteri e aspetti reconditi, ma splendidamente vivi e veri.

Sono semplicemente dei ragazzi a cui piace uscire, andare al cinema e cose simili; condividono esperienze e sogni e imparano a rialzarsi e a riprendere il percorso e a superare i loro limiti, vivendo uno accanto all’altro, vivendosi.

Si lasciano alle spalle sbagli ed errori e si danno la mano augurandosi buon vacanze, memori delle emozioni vissute insieme, qualcuna piacevole e qualcuna un po’ meno, come la morte della maestra del racconto del libro cuore.

Hanno imparato e sono cresciuti e sono consapevoli di lasciarsi alle spalle un pezzo importante della loro vita ed entrano nella gratitudine per coloro che hanno permesso che questo succedesse.

Saranno i cittadini di domani con la loro umanità e fragilità che, responsabilizzati dai loro insegnanti, escono dalla zona di confort per affrontare la vita.

Saranno vacanze meritatissime per tutti, ragazzi e insegnanti; tutti hanno vissuto emozioni fortissime e momenti indimenticabili e irripetibili che resteranno nel cuore per sempre.

 

I miei bambini Di Edmondo De Amicis

 

fine anno scolastico

Benedetti ragazzi! E’ un gran destino
dover troncare un inno od un bozzetto,
per aggiustar le ruote d’un carretto,
per incollar la testa a un burattino;

e trovarmi ogni giorno, in sul mattino,
un bastimento a vela in fondo al letto,
o una villetta svizzera sul petto,
o l’arca di Noè sotto il cuscino!

E sentir per le stanze e per le scale
squillar trombette da mattina a sera
come il dì del giudizio universale!

Ah! un giorno o l’altro li rimando a bàlia..
eccoli qui, quei musi da galera,
non ce n’è più belli in tutta Italia.