Money dei Pink Floyd testo, immagine e video

Poche canzoni come Money dei Pink Floyd riflettono ironicamente il potere del denaro, la sua tirannia nei confronti di tutta la popolazione mondiale e il fatto che restiamo tutti immobili e attratti dagli eccessi e dai privilegi che può regalare.

Money dei Pink Floyd, il testo, il video e la musica

Testo di Money dei Pink Floyd
Testo di Money dei Pink Floyd

Il testo della canzone non lascia spazio a dubbi. Con una voce intima, diretta e personale racconta la “gioia” del consumismo, della corruzione del denaro e svela l’indifferenza per le meschinità mentre gli ideali sembrano perdere senso di fronte alla ricchezza.

I Pink Floyd influenzarono il modo di concepire questo argomento e misero il dito sulla piaga creando una grande canzone e una poesia.

Uno dei punti più sorprendenti è la sua composizione con un tempo di 7/4, quando la maggior parte delle canzoni rock erano 4/4 o 3/4.

Indimenticabile è l'introduzione con la sovrapposizione di suoni che iniziano con un registratore di cassa, monete tintinnanti, carte strappate, per lasciare entrare il basso e poi l'intera band... semplicemente un'opera di geni assoluti.

Money dei Pink Floyd significò la spinta definitiva alla carriera dei Pink Floyd. Niente era più lo stesso dopo questo tema, e specialmente dopo il grande album di cui faceva parte: Dark Side of the Moon.

Dark Side of the Moon un esito mondiale

Il brano faceva parte del famoso album The Dark Side Of The Moon, pubblicato nel 1973 dalla band britannica e fu l'unico a entrare nei primi 20 delle classifiche statunitensi.

Nella storia di questo album entra anche un aneddoto su titolo che avrebbe potuto essere Eclipse.
Fin dall'inizio, la band intendeva chiamare il loro nuovo album Dark Side of the Moon, ma quando i Medicine Head pubblicarono un album con lo stesso titolo nel 1972, il gruppo considerò di chiamarlo appunto Eclipse.

"Eravamo arrabbiati perché avevamo già pensato al titolo prima che uscisse l'album dei Medicine Head", riconobbero nella band. Ma quando l'album dei Medicine Head cadde nell'oblio i Pink Floyd tornarono all'idea originale.

Dark Side of the Moon ha venduto oltre 15 milioni di copie negli Stati Uniti dalla sua uscita il 1 marzo 1973 e oltre 45 milioni di unità in tutto il mondo. Uno dei pilastri del rock classico, l'album ha reso i suoi creatori (Roger Waters, David Gilmour, Rick Write e Nick Mason) incredibilmente ricchi e ha trascorso 937 settimane meravigliose nel cartellone.

Paradossi della vita. Una critica al capitalismo selvaggio li ha portati a un successo mondiale che li ha resi una delle band più grandi, più potenti e "più ricche" della storia. Il capitalismo è così, se non può con te ti rende uno dei suoi figli.

Leggi anche: La versione perduta di Wish You Were Here dei Pink Floyd col violinista Grappelli.