La vita di Keith Moon (23 agosto 1946 – 7 settembre 1978) era piena di eccessi, droghe, alcol e grandi storie piene di “umorismo”.

Il batterista del gruppo britannico The Who – uno dei più grandi nella storia della musica – amava fare battute, alcuni di loro sfioravano (qualcuno potrebbe dire che addirittura superavano) il cattivo gusto.

Ma le grandi figure del rock custodiscono con affetto e nostalgia gli aneddoti che ha recitato con il suo bizzarro modo di attirare l’attenzione.

Il batterista Keith Moon
Keith Moon

Keith Moon venne bandito da tutti gli hotel delle società Holliday Inn, Sheraton, Hilton e Waldorf Astoria per il suo passatempo preferito di gettare dalla finestra oggetti come televisori, materassi e altri mobili.

Ma il fenomenale batterista dei The Who, per i lettori della rivista Rolling Stone è il secondo miglior batterista di tutti i tempi, aveva anche una grande predilezione per detonare i servizi igienici.

Keith Moon e Pete Townshend e lo scherzo del materasso ad acqua

Se Keith Moon era il batterista della band, Pete Townshend è oltre che uno dei migliori chitarrista di tutti i tempi e anche un eccezionale musicista e compositore di opere rock quali Tommy e Quadrophenia.

Keith Moon riusciva a trascinare Pete Townshend in imprese distruttive davvero epiche, il caso più curioso si verificò durante il tour europeo del 1972.

Durante la loro sosta in Danimarca, soggiornarono in un lussuoso hotel a Copenhagen, nella cui stanza c’era un letto ad acqua.

Moon convinse il suo compagno Pete Townshend ad aiutarlo a portare il materasso all’ascensore e mandarlo alla hall.

Ma non appena lo sollevarono un po’, il materasso esplose riempiendo la stanza e il corridoio di acqua. Tuttavia, il batterista reagì rapidamente.

Chiamò la reception dell’albergo, sostenendo che il letto era esploso, rovinando tutte le sue cose.

Il manager non solo gli credette e si scusò con lui, ma li trasferì anche nella suite presidenziale.

Qualche ora dopo, Keith Moon aveva già distrutto la nuova stanza.

La cantante rock Alice Cooper ha fondato nel 2015 Hollywood Vampires, con Joe Perry e Johnny Depp, in onore dei grandi artisti rock che morirono negli anni 70.

In un’intervista spiegò che a Los Angeles c’era un bar dove i “rocker” bevevano fino a quando “cadevano sulla schiena”: “Non mangiavamo, bevevamo solo. Ci hanno chiamato i vampiri di Hollywood. Keith Moon poteva arrivare vestito come la regina d’Inghilterra o Adolf Hitler”.

Leggi anche la storia di Oh, Pretty Woman di Roy Orbison testo e video.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.