Fela Kuti

Fela Kuti: fu un’icona della musica africana considerato il maggior esponente del “afrobeat”,

un genere musicale che miscela alla tradizionale musica yoruba il jazz, il funk ed altri stili.

Fela Kuti

Il 2017 segna il ventesimo anniversario della morte dell’artista nigeriano.

Jim Morrison. John Lennon. Mick Jagger. Bruce Springsteen. Freddie Mercury.

Qualcuno ha notato che Olympus della musica popolare del XX secolo sembra una zona residenziale per i bianchi?

Naturalmente, c’è anche spazio per un certo numero di stelle afro-americane come Prince, Miles Davis e Michael Jackson.

Il problema viene quando cerchiamo un’icona africana, il continente in cui nacquero i ritmi più potenti e longevi, diffusi in tutto il pianeta a colpi di espatri forzati se non di schiavitù.

Chi è il tuo musicista africano preferito?

La maggior parte dei lettori si trova in difficoltà a trovare un paio di nomi, però gli addetti ai lavori sanno che fra questi non può mancare il nigeriano Fela Kuti (1938-1997), un mix esplosivo di Bob Marley, James Brown e Malcolm X.

Lui ed i suoi musicisti inventarono un afrobeat, uno stile ipnotico, vibrante e febbrile, il cui combustibile era l’orgoglio africano e la denuncia dei saccheggi coloniali.

Non c’è da stupirsi il suo interesse per le Pantere Nere (o Black Panther Party chiamati anche Black Panther Party for Self-Defence), che negli anni ’70 si opposero al governo degli Stati Uniti.

Durante tutta la sua vita, Kuti fu perseguitato e molestato dalla polizia nel suo paese, fino al punto che invasero la sua residenza dove aveva lo studio, la Repubblica di Kalakuta, ferendo gravemente anche sua madre.

È il prezzo del canto contro l’imperialismo, la corruzione del governo e gli abusi delle grandi compagnie petrolifere, consegnate al saccheggio delle risorse della Nigeria.

 

Un giorno in ufficio, Fela Kuti

Fela Kuti afrobeat

Fela Kuti fu uno di quei personaggi che sono più grandi della propria vita. Per conoscerlo è sufficiente un piccolo zapping del suo primo concerto in Spagna, tenuto nella sala Otto Zutz di Barcellona.

Il Re di Afrobeat scaricò sul pubblico parte della sua musica in quel 3 dicembre 1986.

Sui giornali alcuni commenti lo descrissero così:

Fela non sembra avere i suoi 48 anni e racconta di poter, se vuole, vivere fino a 170”…

“È stato in prigione in diverse occasioni, accusato di molte cose” … “

Fela ha interpretato, per più di tre ore, quello che è solo un piccolo campione della musica che ha registrato in più di 70 dischi ed in 23 anni” …

“Con la percussione in primo piano ha fatto vibrare il pubblico con i suoi ritmi che sembravano non avere fine”.

Ma i commenti quel giorno non parlarono solo della sua musica e in quel caso irruppe anche la cronaca:

“Alla fine del concerto, una delle ventinove mogli di Fela ha tentato senza successo di accoltellarlo nello spogliatoio”…

in breve, un altro tranquillo giorno in ufficio di Fela Kuti.

Si può pensare che tre ore siano troppo impegnative ma le sessioni di Afrobeat possono durare quanto il corpo riesce a desiderare. Ad esempio, nei club di Lagos non era insolito che i musicisti suonassero per cinque o sei ore.

Tony Allen, altro grandissimo musicista del Afrobeat e, agli inizi, batterista di talento di Kuti, raccontò spesso che le prime due ore sul palco erano considerate un semplice riscaldamento.

 

Il matrimonio è male, parola di Fela Kuti

Fela Kuti con alcune mogli

Il fatto con la moglie rimase poco conosciuto, così come le conseguenze.

Ad una televisione catalana Kuti espose poi la sua peculiare visione della vita sentimentale:

“Mi sono sposato una volta ed ho divorziato, per questo non l’ho rifatto. Per me la vita è sperimentare non è fare ciò che tutti gli altri fanno. In carcere ho avuto modo di meditare sul come potevo ripulire i miei pensieri.

Uno di questi punti importanti riguardava il matrimonio. Penso che il matrimonio sia male: alimenta la gelosia, l’egoismo e la convinzione di possedere un’altra persona.

La coesistenza fra un uomo e una donna deve essere più spirituale “, conclude.

Con un piede nel circuito economico dei concerti nell’Occidente e un altro nelle religioni africane, il cantante non chiarì mai lo status giuridico delle donne che lo circondavano.

Spesso erano chiamate “mogli“. Sicuramente Fela Kuti attribuiva il “titolo” più adatto al momento ed è chiaro che non stiamo parlando di rapporti simmetrici.

La sua immagine di Stallone e Santone ne usciva rinforzata quando sul palcoscenico c’erano presenti tante ballerine sensuali con trucco tribale.

Fela Kuti e la distribuzione del potere

Il fotografo francese Bertrand Mathusière, che ebbe modo di conoscerlo bene, spiegò in parte la personalità del musicista nigeriano:

“Era un tipo peculiare. Viaggiava con due dozzine di mogli, uccideva delle galline nelle camere d’albergo e riceveva le persone anche seduto sulla tazza del water.

Avete sentito la canzone ‘Power Show‘?

Era proprio di questo che si trattava: voleva mostrare alle persone il suo potere e far sapere che non gli importava di cosa pensassero di lui, perché era molto al di sopra delle convenzioni sociali occidentali.

Il fotografo poi aggiunge che all’inizio, quando conobbe Fela, pensava che vi fosse una contraddizione fra la sua ideologia anti-capitalista e il suo stile di vita esagerato, con tante donne, tanti eccessi.

Questo cambiò in seguito quando si rese conto che non era così: semplicemente si comportava come un uomo africano. “Non sarà mai un’icona femminista, ma un referente anticoloniale”.

Fela Kuti, le molestie della polizia e la morte

Il 18 febbraio 1977 il generale Obasanjo, capo della giunta militare nigeriana, ordinò un’operazione punitiva contro Kalakuta, la fattoria dove Fela aveva costruito la sua casa, il suo studio, un centro di attività politiche e una clinica gratuita.

Un migliaio di soldati bruciarono il complesso, con molte incisioni di musica inedita, aggredirono brutalmente e torturarono gli occupanti, vi furono anche degli stupri.

La madre di Fela fu fatta precipitare dal secondo piano, le ferite la condurranno al coma e alla morte.

Il centro creato da Fela era stato già “visitato” anche in passato dall’esercito nigeriano, ma quella volta, l’ultima, vi arrivarono così decisi in risposta ad una canzone: “Zombie”.

Il testo risultò un po’ irritante per il governo militare diceva cose come

Zombie no go think, unless you tell am to think (Zombie)” (Uno zombie non pensa se non gli dici di pensare)…

 

Fela compose, per parlare dell’aggressione altri due album diventati dei “classici”:

Sorrow, tears and blood” (1977) e “Unknown soldier” (1979).

Quest’ultimo si riferisce al cinismo del governo, che attribuì l’attacco a dei “soldati sconosciuti“.

Il 2 agosto 1997 moriva di AIDS, una malattia che si rifiutò sempre di riconoscere.

Suo figlio Femi raccontò del funerale:

“Dal momento in cui la sua morte venne annunciata, non ci fu più quasi alcun crimine in Nigeria. Per due giorni tutti i “ragazzi cattivi” che lo amavano erano preoccupati solo di andare al tuo funerale”.

Si stima che oltre un milione di persone parteciparono al suo funerale.

Fela Kuti e la sua incessante influenza nella musica

L’eredità di Fela Kuti non è un ricordo del passato.

Due dei suoi figli, Femi e Seun, mantengono in vita il suo Afrobeat mostrando ancora la magia di questo genere musicale.

Nel 2002 è stato pubblicato l’album, un tributo a Fela Kuti, “Red, Hot + Riot” dove vengono proposti venti dei suoi pezzi più conosciuti come: Gentleman, Shuffering and Schmiling, Tears and sorrow, Shakara Lady, Zombie, Colonial Mentality

Un lavoro al quale hanno partecipato Macy Gray, T., A. Shepp, Jorge Ben, Nile Rogers, Mahal, Sade, ma anche Common, Kelis e tanti altri.

Nel 2009 un musical sulla sua vita del musicista, prodotto da Will Smith e Jay-Z è stato premiato a New York.

Va bene, è improbabile che Fela Kuti possa mai raggiungere la fama di James Brown, Stevie Wonder e Bob Marley però rimane una parte fondamentale della storia della musica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here