Quante parole nuove usiamo, conosciamo e apprendiamo ogni giorno? Forse più di 100…

Dalla Treccani precisano che ci sono più di 427 mila parole nel nostro vocabolario (enciclopedica e lessicale), ma non rappresentano l’intero patrimonio lessicale italiano.

Un altra distinzione che ci viene dalla nota enciclopedia è quante parole usiamo ogni giorno.

La parola ed il dialogo comune

Bene noi impariamo sin da piccoli per articolare i nostri discorsi circa 2000 parole alle quali presto ne aggiungiamo altrettante ad “alto uso”. Alla fine una persona adulta, di cultura media, usa circa 6500 parole per affrontare il 98% dei discorsi quotidiani.

Una persona con un grado di istruzione medio alta riesce ad utilizzare invece circa 47000 parole, anche se è chiaramente importante che si trovi a comunicare in diversi contesti, alcuni anche in ambiti specialisti.

Le parole nuove: i neologismi

Da dove arrivano queste nuove parole?

La maggior parte provengono dall’uso comune di nuove tecnologie. Emergono forti e chiari quelle da internet e dai social (a proposito anche social lo è) e fra queste:

Hasthag, chi non l’ha mai sentita? Fa riferimento al mettere il cancelletto davanti ad una parola, o ad una frase, ed ormai in molti ne conoscono anche l’uso tecnico.

Follower, un’autentica mania, ma avere degli amici vicini e reali non è meglio? No, perché con loro non potresti twittare con il tuo “telefono cellulare multimediale, che include alcune funzioni tipiche di un computer palmare”o meglio con il tuo smartphone.

Quindi ecco qua: Hasthag, Follower, Twittare, Smartphone e Social queste sono le parole per un bel discorso nel web.

Ma ci sono anche nuovi hobby come il cosplay che portano nuovi termini (e un modo antico e moderno per divertirsi) o un altro tipo di fare arte come la street art.

Prima erano quelle che i linguisti individuavano nell’uso comune, mentre ora pare ci sia una gara, con scuole e bambini inclusi, per proporne sempre di nuove parole.

Sì, perché le parole possono giungere anche dall’invenzione di un bambino come petaloso (chi non la conosce?) suggerite (ora è anche più facile) all’accademia della Crusca.

Ma se avete intenzione di mettervi a proporre parole strampalate in serie tenete conto quanto dicono sul sito ufficiale dell’Accademia della Crusca:

Fra le parole nuove di questa sezione non troverete le parole appena inventate: le creazioni lessicali individuali, quando sono ben formate, possono essere considerate “parole potenziali” dell’italiano; diventano parole effettive dell’italiano, e quindi possono essere accolte nei dizionari, solo se e quando si diffondono ed entrano negli usi collettivi della lingua per un periodo di tempo significativo.

Ecco qui un elenco di nuove parole segnalate recentemente all’Accademia della Crusca:

ciccioneggiare, appetitoso, crowdfunding, spoilerare, kebabbaro divanizzare, pullmista, nannare, cementoso, sbugiardare, facebookare, pinnare, fanculizzare, taggata ruminescente, mandibolare, webinario, nutelloso, astralopiteco, selfare…

A voi decidere quale nuova parola vi può piacere, io devo interrompere qui perché devo caffèbookare… Comunque sia è bene ricordarsi che Le buone parole valgono molto e costano poco.

Una parola anche per i siti amici. Qui di seguito mettiamo l’elenco delle directory e dei siti amici che hanno avuto la bontà di di dire due parole su di noi:

Spulcia.it, 

Fonti Directory

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.