Potremmo riassumere la storia di Peppino Impastato (o Giuseppe Impastato) con un breve elenco di quello che è stato nella sua vita:

poeta, attivista politico-culturale e “persona che denunciava le attività della mafia”, ma questo ne lascerebbe fuori l’insegnamento che ha trasmesso,

il suo messaggio che ha superato anche la tragica fine della sua vita.

Biografia di Peppino Impastato

Foto Peppino Impastato
Peppino Impastato

L’aria che si respira in casa Impastato è quella della mafia vista da dentro.

Nella Cinisi in cui nasce Peppino Impastato il 5 gennaio 1948, il padre, lo zio e vari parenti sono mafiosi.

Hanno anche la loro morte eccellente, in una divergenza di opinioni mafiose, Cesare Manzella, cognato del padre e capomafia, finisce la sua esistenza saltando in aria con un auto al tritolo quando Giuseppe ha solo 15 anni.

Le idee di Peppino non possono durare molto in quella famiglia, il padre, infatti lo caccia di casa quando è ancora un ragazzo.

Intraprenderà il suo attivismo politico fondando il giornalino “L’Idea socialista” nel 1965 e militando nei gruppi di Nuova Sinistra nel 1968.

Di quel periodo scrive:

“…Approdai al PSIUP con la rabbia e la disperazione di chi, al tempo stesso, vuole rompere tutto e cerca protezione.

Creammo un forte nucleo giovanile, fondammo un giornale e un movimento d’opinione, finimmo in tribunale e su tutti i giornali.

Lasciai il PSIUP due anni dopo, quando d’autorità fu sciolta la Federazione Giovanile.

Erano i tempi della rivoluzione culturale e del “Che”[…]

Aderisco a “Lotta Continua” nell’estate del ’73, partecipo a quasi tutte le riunioni di scuola-quadri dell’organizzazione […]

Si riparte con l’iniziativa politica a Cinisi, si apre una sede e si dà luogo a quella meravigliosa, anche se molto parziale, esperienza di organizzazione degli edili. L’inverno è freddo, la mia disperazione è tiepida…”.

(Dal sito peppinoimpastato.com)

Beppino Impastato e Radio Aut

Quello che tutti anche oggi conoscono di Beppino Impastato sono i suoi programmi contro la mafia che trasmette dal 1977 su Radio Aut.

Da lì denuncia i delitti e gli affari dei mafiosi di Cinisi e Terrasini, e in primo luogo del capomafia Gaetano Badalamenti.

Onda pazza, è la sua trasmissione più conosciuta che incomincia con la sigla Facciamo finta che… cantata da Ombretta Colli in modo allegro ma dal testo molto significativo anche per Impastato.

Con la stessa ironia della canzone Beppino Impastato sbeffeggiava mafiosi e politici, chiama Gaetano Badalamenti “Tano Seduto” e Cinisi diventa Mafiopoli.

Conduce una lotta improbabile per quei tempi per i contadini espropriati per la costruzione della terza pista dell’aeroporto di Palermo, in territorio di Cinisi e per i disoccupati.

Registrazione Radio Aut: Onda Pazza

La morte di Beppino Impastato

Nel 1978 Peppino Impastato si candida nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali, non arriverà vivo alle elezioni.

C’erano stati vari avvertimenti che non lo avevano intimidito, il più inquietante di tutti fu la morte del padre in un incidente che lascia molti dubbi.

Una carica di tritolo posta sui binari della ferrovia ne dilania il corpo nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978.

Lo stesso giorno compare il corpo di Aldo Moro, ucciso dalle Brigate Rosse che da un lato distrae l’attenzione dei giornali e dall’altro agevola il depistaggio verso la conclusione che Impastato fosse un terrorista suicida.

Il procuratore capo Gaetano Martorana dichiara che si tratta di un

“Attentato alla sicurezza dei trasporti mediante esplosione dinamitarda”.

I compagni di Peppino parlano da subito di delitto di mafia ma i carabinieri li interrogano come complici dell’attentatore.

Non servono, ne vengono analizzate neppure le pietre sporche di sangue, trovate dagli amici mentre cercavano i pezzi del corpo straziato.

Con quelle probabilmente era stato ucciso. E gli occhiali ritrovati intatti mentre il volto era straziato dalla bomba?

I carabinieri del futuro generale Antonio Subranni, chiusero sbrigativamente l’indagine, come possiamo leggere sulla Repubblica perché quello era per loro il cadavere di un bombarolo morto durante la preparazione di un ordigno.

In seguito si sospetta che l’esplosivo fosse quello che si utilizza nelle cave, ma non vengono perquisite quelle della zona, notoriamente gestite da mafiosi.

Un manifesto a Palermo, dice: “Peppino Impastato è stato assassinato dalla mafia”.

Un buon numero di elettori di Cinisi lo votò lo stesso e il suo nome che risultò essere tra gli eletti al consiglio comunale.

Come avrebbe detto suo fratello Giovanni Impastato sulle pagine dell’Espresso “…i mafiosi hanno commesso un errore, perché mettendolo a tacere, hanno amplificato la sua voce”.

Il fratello, la madre (che presero da subito una posizione netta contro la mafia) e i suoi amici e compagni anche di Radio Aut hanno lottato a lungo perché l’omicidio non fosse da prima considerato il frutto di un fallito attentato e poi archiviato, quando la verità dell’omicidio mafioso emerse, come delitto dai colpevoli ignoti.

I colpevoli erano più che noti e saranno condannati il 5 marzo 2001 Vito Palazzolo a 30 anni di reclusione e l’11 aprile 2002 Gaetano Badalamenti all’ergastolo.

3 poesie di Peppino Impastato

L’anima poetica di Peppino Impastato è poco nota.

È vero che non ebbe modo di scrivere molte poesie, ma quelle che in seguito furono ritrovate ci lasciano stralci di sentimenti che non potevano apparire nei suoi articoli di lotta contro la mafia e impegno politico e sociale.

Peppino Impastato e Danilo Dolci: Marcia della protesta e della pace
Peppino Impastato e Danilo Dolci: Marcia della protesta e della pace

E venne da noi un adolescente
dagli occhi trasparenti
e dalle labra carnose,
alla nostra giovinezza
consunta nel paese e nei bordelli.
Non disse una sola parola
nè fece gesto alcuno:
questo suo silenzio
e questa sua immobilità
hanno aperto una ferita mortale
nella nostra consunta giovinezza.
Nessuno ci vendicherà:
la nostra pena non ha testimoni.

Passeggio per i campi
con il cuore sospeso
nel sole.
Il pensiero,
avvolto a spirale,
ricerca il cuore
della nebbia.

Un mare di gente
a flutti disordinati
s’è riversato nelle piazze,
nelle strade e nei sobborghi.
E’ tutto un gran vociare
che gela il sangue,
come uno scricchiolo di ossa rotte.
Non si può volere e pensare
nel frastuono assordante;
nell’odore di calca
c’è aria di festa

Poesia di Peppino Impastato

Poesia di Peppino Impastato
Poesia di Peppino Impastato

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.