John Coltrane è considerato uno dei più grandi sassofonisti della storia e uno dei massimi esponenti del free jazz.

Più di ogni altro musicista jazz, Coltrane è associato ad una inclinazione verso la spiritualità.

John ColtraneLa sua più grande composizione, A Love Supreme, è un inno di ringraziamento alla divinità universale (Coltrane ha affermato di credere in tutte le religioni).

Negli anni ’50 era un eroinomane, ma Coltrane smise di drogarsi e di bere alcolici tutto in una volta, trascinato da un’incredibile forza di volontà.

Dopo avrebbe detto che fu un’esperienza mistica che gli permise di rompere la dipendenza da quelle sostanze, in particolare dall’eroina, che era così popolare tra molti musicisti del tempo, (Charlie Parker per fare un nome).

Successivamente Coltrane cominciò a trasformarsi in una specie di santo o bodhisattva (dal sanscrito Illuminazione “bodhi”e Essere “sattva” ), utilizzando la musica come strumento non solo per entrare in comunione con il divino, ma per dare al pubblico un pezzo della sua “medicina” mistica.

È interessante notare che, Coltrane fu canonizzato dopo la sua morte da parte della Chiesa ortodossa africana (African Orthodox Church con il nome di Saint John William Coltrane), adempiendo a posteriori al ruolo che aveva annunciato a un intervistatore in Giappone nel 1966, rispondendo alla domanda “che cosa vorresti essere fra 5 anni?” disse: “Un santo“.

Con album come Ascension, Meditations, Om, Selflessness e, naturalmente, A Love Supreme, Coltrane cercava di adempiere al voto fatto nel 1957, quando, dopo il suo risveglio spirituale, disse:

A quel tempo, in segno di gratitudine, io umilmente chiesi di ricevere i mezzi per fare felici gli altri attraverso la musica”.

Da allora Coltrane ha approfondito lo studio delle varie religioni, soprattutto l’induismo, dai classici come la Bhagavad Gita (o Bhagavadgita il libro sacro indiano redatto il sanscrito) fino ai testi di maestri spirituali suoi contemporanei come Krishnamurti.

Applicava e mixava queste idee e pratiche religiose con il suo enorme talento musicale per realizzare opere che riflettessero la sua esperienza mistica e trasmettessero sentimenti di pace, di amore e coscienza cosmica.

La sua concezione della musica era che fosse una vera e immediata rappresentazione del valore energetico dell’amore o della felicità codificata in scale e suoni.

Ha anche suggerito che c’era la possibilità di una sorta di liberazione o di trascendenza attraverso la musica che risuonava con il divino. Nella biografia John Coltrane: His Life and Music, Lewis Porter cita le parole di Coltrane:

Mi piacerebbe dare alla gente qualcosa di simile alla felicità. Scoprire un sistema per far sì che quando voglio che piova, si metta a piovere all’istante.

John Coltrane sassofonistaQuando uno dei miei amici è malato, suonargli una certa musica che lo guarisca; e quando è al verde, suonargliene un’altra che gli faccia trovare subito tutti i soldi che gli servono. Ma quali siano questi brani e quale la strada da percorrere per impararli, non lo so. I veri poteri della musica sono ancora ignoti. Essere in grado di controllarli dovrebbe essere, credo, lo scopo di ogni musicista.

Mi appassiona capire queste forze. Vorrei provocare reazioni nelle persone che ascoltano la mia musica, creare un’atmosfera reale. È in questo senso che voglio impegnarmi e andare il più lontano possibile”.
(Lewis Porter La vita e la musica di John Coltrane).“

Queste idee esistono naturalmente in molte culture tradizionali, sciamaniche e religiose.

In India, troviamo testi religiosi in cui diverse canzoni sono registrate con una metrica molto specifica per alterare tutti i tipi di fenomeni naturali e produrre diversi effetti magici e curativi (questi brani o liturgie possono essere trovati, ad esempio, nell’Atharvaveda).

Coltrane probabilmente non solo ne ha sentito parlare, ma ha sicuramente sperimentato il potere trasformativo della musica in prima persona. La musica come porta emotiva verso il potere divino dell’essere umano.

Coltrane è morto all’età di 40 anni, dopo di lui chi ha avuto realmente intenzione di esplorare la musica o il suono (che, secondo i testi vedici, è l’energia creativa dell’universo) per produrre medicina, amore, pioggia o luce?