Al Margen

Al Margen è lo pseudonimo dell’artista argentino di Buenos Aires che illustra con i suoi disegni alcune delle dure realtà della società in cui viviamo.

Intervista ad Al Margen

interviste in ES español EN English 

I tuoi disegni nascono “al margine” da ciò a cui tutti siamo abituati a guardare, cosa vedi quando disegni?

Non mi piace disegnare la realtà. Per quanto i miei disegni si occupino di problemi reali, non sono disegnati in modo realistico. Quindi, quando disegno guardo più alla mia immaginazione che alla realtà. Ad ogni modo, non penso che siano qualcosa di così originale o qualcosa a cui le persone non siano già abituate a vedere. Conosco molti fumettisti che affrontano gli stessi argomenti ma molto meglio di me.

Al Margen gli altriQuando hai iniziato a convertire le tue considerazioni in disegni?

Disegnare da quando uso la ragione. Ero solito disegnare fumetti. E quando non avevo più tempo per farli ho iniziato a sintetizzare. Cerco di disegnare storie in una singola immagine. E il risultato sono i disegni che pubblico su Internet.

Al MargenCome descriveresti il tuo modo di disegnare? Ci sono artisti che ti hanno ispirato in particolare?

Giustamente il mio modo di disegnare è il risultato della somma delle mie influenze. La lista è molto lunga e nominerò solo alcuni: Quino, Carlos Nine, Horacio Cardo, Tomás Müller, Alejandra Martínez e una lunga lista di altri. Sono lontano dall’essere all’altezza di questi artisti. Ma guardo sempre il loro lavoro.

Al Margen informazioneQuali sono i temi che più spesso attirano la tua attenzione?

I temi più ricorrenti sono le cose che mi preoccupano. Uso il disegno in modo terapeutico. So che il disegno non risolverà nulla. Ma mi conforta un po’ quando qualcuno si sente identificato con un disegno.

Al Margen dipendenze varieSulla tua pagina dici che i tuoi disegni sono nati solo per dare un impulso e per infastidire: l’arte è un istinto naturale che dovrebbe infastidirti per farti pensare?

Non so quale sia la definizione di arte e la sua funzione. Non voglio entrare in quel dibattito. Non sono un artista, sono un fumettista. Personalmente, come spettatore mi colpisce di più qualcosa che è fatto per infastidire che qualcosa di condiscendente. Ciò che mi infastidisce mi fa ripensare alle cose. Ma, come ho detto, è qualcosa di personale, non è una regola.

Foto Al Margen pagina su Facebook

Al Margen la libertà

Alcuni disegni di Al Margen

Riciclaggio?

Al Margen come ricicliamo

Infanzia felice?

Al Margen discussioni sofferte

Il Paese della Libertá?

Al Margen libertà e denaro

Istruzione o distruzione?

Al Margen distruzione e istruzione

Differenze incolmabili?

Al Margen coppia

Libertà di scelta?

Al Margen libera scelta

Confini senza muri?

Al Margen quali possibilità

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here