Quante persone conoscete che hanno paura di qualcosa? E anche tu di cosa hai paura?

Se ci pensi ogni paura alla fin fine è riconducibile alla paura di qualcosa che non sai, non comprendi o non controlli, ad esempio la reazione di qualcuno, o che succeda qualcosa che non sai. Alla fine tutte le paure si riconducono a un unico timore, ossia quello dell’ignoto, di quello che non conosciamo.

 

Ma la paura più grande che esiste e che tocca ogni essere umano è l’ignoto del più grande mistero della nostra esistenza, ossia della Morte, di quello che succede dopo che finisce la nostra vita terrena. 

Filosofi, scrittori, saggi, mistici di tutte le culture e le epoche, hanno avuto un loro modo di gestire il rapporto con la Morte e l’Aldilà.

Ne avevano timore sì, ma anche un rispetto che gli permetteva di poter vivere in pace con essa e di prepararsi per tempo al momento del passaggio nel regno di Creatore.

Oggi nella società, la Morte e il rapporto con la Morte è un tabù,tutto quello che facciamo

ad esempio l’uso delle creme anti-invecchiamento,

i programmi alimentari per mantenersi giovani,

le ultime scoperte della chirurgia per far risalire un seno ormai sfiorito per via del passaggio del tempo o rimuovere le rughe che naturalmente vengono,

i farmici per rallentare l’invecchiamento,

le tinture dei capelli per nascondere i capelli bianchi,

insomma tutto è costruito e creato per allontanare, negare e seppellire il più lontano possibile da noi lo spettro della Morte, non ne parliamo e se qualcuno prova ad accennarla, viene subito taciuto.

Non è facile parlare della Morte perché il solo parlarne ci evoca delle sensazioni che non amiamo.

Ma allontanare qualcosa che fa parte naturalmente del ciclo della Vita stessa, non ci rende più facile o felice la vita, tutto quello che scacciamo torna a prenderci quando meno ce lo aspettiamo.

È importa invece ridare alla Morte e al nostro rapporto con essa la giusta collocazione e dignità perché quando facciamo pace con Lei allora svanisce la nostra paura dell’ignoto e tutte le altre paure di conseguenza acquistano una nuova dimensione che le rende molto meno importanti e significative.

Se abbiamo paura della Morte come faremo realmente a vivere?

Anche se associamo alla morte la fine di tutto, di ogni legame terreno, in realtà la Morte esiste per insegnarci a vivere davvero, infatti, che valore daremo alla nostra vita e ad ogni giorno se non ci fosse la Morte, hai mai pensato?

Ti lascio con questa domanda di riflessione e mi auguro che ti sia di stimolo per fare pace, una volta per tutte, con la Morte.