Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

L’edera, per essere belle sotto il sole d’estate

L’edera, per essere belle sotto il sole d’estate

L’edera, in irlandese eidhneán, simboleggiava nel calendario celtico l’undicesimo mese lunare, ossia quello contrassegnato con la lettera G (dal suo antico nome gort, ossia “pozzo”, forse perché ne attorniava i bordi) che in pratica corrisponde al nostro ottobre.

Eppure, come vi andremo a svelare, è una pianta la cui utilità si manifesta soprattutto in estate.

Edera

 

Hedera helix

 

Pianta sempreverde dal fusto legnoso e rampicante, presenta radici aderenti e foglie verde lucido, spesso venate di bianco e formate da 3-5 lobi.

Le infiorescenze sono costituite da ombrelle e fruttifica con bacche di colore nerastro.

Sacra a Dioniso presso gli antichi Greci, nel mondo celtico veniva considerata dai druidi tra le piante cosiddette “celesti”, insieme con il vischio, perché cingendo il tronco degli alberi s’innalzava verso il cielo, s’avvicinava al mondo delle divinità e permetteva, attraverso il disegno delle sue foglie, di trarre oracoli.

Difficilmente era utilizzata per via interna, essendo una pianta così velenosa da risultare, specialmente se le sue bacche erano ingerite da bambini, addirittura mortale.

Al contrario, si applicava per uso esterno come cicatrizzante per piaghe e ulcere (come il prezzemolo), come antireumatico e come lenitivo nelle dermatosi.

Edera Hedera helix L.:

Dal punto di vista botanico, questa specie è conosciuta con il nome latino di Hedera helix L. e appartiene alla famiglia delle Araliacee.

Contiene saponine, un estrogeno e alcaloidi e per questo viene prescritta solo in dosi omeopatiche da medici esperti (solitamente in caso di asma, malattie biliari o ipotiroidismo).

Tra gli impieghi popolari più noti, che ancora oggi perdurano nelle campagne, c’è il decotto d’edera per scurire i capelli.

Nella nostra immaginazione, infatti, le donne irlandesi hanno riccioli rossi che ombreggiano le lentiggini e due profonde iridi verdi oppure hanno folte chiome corvine che fanno da contrasto con la pelle di neve e con occhi di zaffiro.

Il decotto d’edera:

Ebbene, se volete capelli scuri e lucenti con quelli della gente d’Irlanda, provate a far bollire per un quarto d’ora una generosa manciata di foglie fresche d’edera in un litro d’acqua.

Lasciate poi riposare per una ventina di minuti e filtrate.

Userete questo decotto come ultimo risciacquo, dopo esservi lavati la testa.

Altrimenti, potrete adoperarlo per la cura della cellulite (aggiungendolo all’acqua del bagno oppure imbevendone compresse da applicare in loco) o dei piedi:

in Bretagna c’è un’antica ricetta che indica di conservare le foglie di edera nell’aceto, per porle poi sopra i calli, per favorirne l’eliminazione.

Il decotto concentrato si aggiunge al pediluvio caldo oppure se ne imbevono garze per fare degli impacchi tiepidi.

Vi suggeriamo di partire dalla punta del piede e di salire gradatamente sino al ginocchio. Ripetere l’applicazione sempre nel medesimo senso, dal basso verso l’alto, per riattivare la circolazione sanguigna.

A descriverlo, sembra un rimedio molto semplice, eppure è efficacissimo per le gambe doloranti, che in estate gonfiano per il caldo, e da tempo immemorabile le donne anziane d’Irlanda lo consigliano alle giovinette che tornano a casa sul far della notte dopo aver danzato tra i fuochi e le musiche, laddove le rocce di calcare si sostituiscono al prato.

Articolo su Erboristeria L’edera, per essere belle sotto il sole d’estate di Maura Maffei su CaffèBook (caffebook .it)

Leggi anche:

La sinistra fama della vedovella 

Iperico, l'erba di San Giovanni

I 15 decotti più utilizzati, le proprietà e gli usi


  13  Ago  2017 ,
Maura Maffei

Maura Maffei

Scrittrice di romanzi storici ambientati in Irlanda, che narrano vicende di amore, di coraggio e di fede. È anche erborista, soprano lirico e pittrice. I libri dell'autrice Maura Maffei a questo link: La fragilità della farfalla. Dietro la tendaL’ala del corvo. L'astuzia della volpe. Dietro la tenda

I suoi Articoli                         Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti