Skype Caffebook

Cultura

300 anni di Musica sull'acqua

300 anni di Musica sull'acqua

Georg Friedrich Haendel, nel 1710, volle cercare fortuna come compositore a Londra e, sette anni dopo, avrebbe scritto una pagina importante nella storia della musica con

La Musica sull'acqua (Water Music - Suite n° 1 in fa maggiore, HWV 348).

In quel momento, però, non si sarebbe certo immaginato che una legge approvata nove anni prima dal Parlamento di Westminster lo avrebbe riguardato da vicino.

  Musica sull'acqua: Georg Friedrich Haendel compositore

L’Act of Settlement era stato redatto al fine di garantire la successione alla corona ai soli familiari della casa de Hannover legata agli Stuart da una figlia di Giacomo I. L’intenzione della legge era impedire l’accesso al trono a un re favorevole al cattolicesimo e in particolare Giacomo Francesco Edoardo Stuart che Luigi XIV aveva proclamato legittimo erede.

Haendel allora aveva 16 anni e si stava preparando a studiare Diritto ad Halle, anche se ben presto avrebbe cambiato le sue scelte passando dalle leggi ai pentagrammi e avrebbe iniziato la sua carriera musicale ad Amburgo e in Italia.

Alla fine della prima decade del secolo era maestro di cappella del suo omonimo, Giorgio principe Elettore di Hannover.

La storia comincia qui, con il compositore in viaggio verso Londra con il permesso e persino gli incoraggiamenti del suo protettore, che amante della musica è anche desideroso di veder diventare il proprio Kapellmeister famoso anche in Inghilterra.

Nel mese di febbraio 1711, Handel debutta con grande successo con l’opera Rinaldo e si sente così ben accolto che decide di stabilirsi in terra inglese. ma se si lascia un principe...

Giorgio di Hannover aveva concesso al compositore di tornare a Londra ma solo per un breve periodo, una sola stagione, ma Haendel vi si era stabilito presentando opere anche apprezzate come il Pastor Fido nel 1712 e Teseo nel 1713.

Così mentre il desiderio di tornare del compositore era diminuito nella stessa misura era andata aumentando la rabbia del nobile che, ormai, stava per diventare re di Inghilterra.

Sua madre Sofia, di fede protestante, era, per effetto dell’Act of Settlement del 1701, la legittima continuatrice della dinastia. All'età di 54 anni, Giorgio I divenne il primo re inglese appartenente alla Casa di Hannover e questo nonostante fossero altri gli aspiranti al trono più vicini alla precedente regina Anna.

A questo punto la storia, come spesso accade, si intreccia con la leggenda.

Haendel a Londra si trovava in una situazione molto favorevole dal punto di vista finanziario, godendo: di un reddito concessogli dalla Regina Anna, della sua fama di musicista e di una posizione quale musicista di corte nonostante fosse uno straniero.

Ma, come dicevamo, Giorgio Ludovico di Hannover, il primo agosto 1714, era asceso al trono con il nome di Giorgio I di Gran Bretagna.

Cominciarono così tempi difficili per il compositore che, per uno strano scherzo del destino, si era ritrovato ad avere come re colui che aveva abbandonato come mecenate.

Georg Friedrich Haendel però sapeva muoversi bene negli ambienti aristocratici e questo gli permise un lento riavvicinamento con il re fino a quando un evento particolare gli permise di realizzare qualcosa di unico.

Il nuovo monarca voleva organizzare una festa a bordo di una imbarcazione mentre scendeva il Tamigi da Whitehall a Chelsea.

In quell’occasione Giorgio I fece eseguire da una chiatta per tutto il viaggio

la Water Music (musica sull’acqua) composta da Haendel

che impressionò così favorevolmente il monarca da concedergli il perdono, era il 17 luglio 1717.

Una prima esecuzione della Musica sull’acqua era stata interpretata già durante l'estate del 1715 e, in realtà, la riappacificazione fra il compositore ed il Re era già avvenuta, ma quell’esibizione entrò nella leggenda della musica tanto che a quella data spesso si fa riferimento come alla prima ufficiale.

Il monarca la ascoltò, pare facendola ripetere ben tre volte a degli esausti musicisti, in quel viaggio notturno sulle acque del Tamigi.

La Musica sull’acqua ebbe un tale successo che il compositore ricevette anche l’incarico di comporre la suite “Musica per i reali fuochi d'artificio” che fu eseguita nell'aprile del 1749 a Green Park, per celebrare la Pace di Aquisgrana che sanciva la fine della guerra di successione austriaca.

Sono passati dal 17 luglio 1717 tre secoli e la Musica sull’acqua conserva tutto il suo incanto.

La Musica sull'acqua è composta da tre suite di brani e la composizione, come la conosciamo oggi, fu definita trent'anni dopo la morte dello stesso Haendel e quindi non sappiamo con esattezza quale versione Giorgio I ascoltò quella notte sul Tamigi di trecento anni fa.

Fonti utili: Haendel

Leggi anche: La grande gioia del popolo di Vasco: raccontando il concerto

                       Mai orfana è la Musa

Fonti foto utili: Pixabay


  17  Lug  2017 ,
Roberto Roverselli

 Direttore responsabile di CaffèBook. 

Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana)

Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna. 

Devi effettuare il login per inviare commenti