Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

La Regina Vittoria d’Inghilterra

La Regina Vittoria d’Inghilterra

Vittoria: Regina vera e amante appassionata, lo dicono il suo diario e la sua grafia.

 Biografia breve della Regina Vittoria:

Regina Vittoria

Queen Victoria nasce nel 1819 in Inghilterra e Il suo regno, durato più di 63 anni e mezzo, è il secondo il più lungo di tutta la storia britannica superato solo un'altra regina, l'attuale Regina Elisabetta II.

Una Regina vera, messa sul trono quasi per scommessa, e destinata invece ad essere in assoluto la monarca più amata dai suoi sudditi,

l’ideatrice di un’oculatissima politica estera,

l’artefice di alcune tra le più innovative riforme dei suoi tempi e nel contempo

uno dei sovrani più potenti della Terra che fece dell’Inghilterra la maggiore potenza economica e industriale.  

Una grande statista che acquisì per l’Impero Britannico possedimenti in ogni parte del mondo, estendendo il dominio dei Windsor fino all’India, all’Africa e all’Oceania.

Forte e tenace nel regnare Vittoria rivela anche un lato inaspettato e intimo del proprio carattere.

Beatitudine oltre ogni immaginazione” sono le parole con le quali descrive il suo piacere per il sesso che condivise con il suo sposo.

La sovrana riporta così nelle pagine del proprio diario le emozioni della sua prima notte di nozze (10 febbraio 1840) con il marito Alberto di Sassonia, svelando il vero volto di donna appassionata.

Una passione struggente nata tra due giovani con un passato emotivamente difficile:

Alberto, infatti, era stato sfiorato da pensieri di suicidio quando sua madre, non reggendo più le scappatelle del marito, era scappata con il ciambellano di Corte,

mentre Vittoria perse il padre a otto mesi e per tutta la vita ne cercò la figura negli uomini che incontrò.

Regina Vittoria firma

Dopo aver condiviso la camera con sua madre fino a 18 anni, non potendo frequentare nessuno se non accompagnata, quasi reclusa quindi in una sorta di gabbia dorata, ella incontra il giovane Alberto e tra i due scoppia un vero colpo di fulmine.

Da lui avrà nove figli e la famiglia stabile di cui aveva bisogno. In lui cercò piacere e intelletto, passione e psiche.

La passione fu tanta, se si pensa alla prima notte con lo sposo, definita da lei stessa senza pudore alcuno “gratificante e sbalorditiva al massimo”.

 

Analisi grafologica della Regina Vittoria:

I neri prevalgono, occupano e invadono lo spazio, il gesto grafico non si vuole interrompere, le lettere urtano il bordo destro (margine destro invaso) e cadono sotto il rigo (code di volpe) nella foga dell’azione e dell’impegno verso la realizzazione degli obiettivi in una continua sfida.

Regina Vittoria scrittura

La grafia della Regina Vittoria esprime tutta la sua vitalità e determinazione al limite della prevaricazione, (inclinata, aste parallele, trattino della “t” affermato, triangoli).

La passione che caratterizza il suo temperamento traspare dalla colata dell’inchiostro che imbeve e colora la carta.

Da legata a iper-legata in continuità (le lettere sono collegate tra loro senza soluzione di continuità) il gesto grafico  rivela che ci troviamo di fronte ad una donna testarda e forte, capace di far prevalere le proprie opinioni rendendo a volte problematici gli scambi relazionali.

Vittoria non ha mezze misure:

verso il prossimo avverte istintive simpatie o viscerali antipatie.

I prolungamenti verso il basso delle lettere come la “g”, la “f”, la “p” suggeriscono ancora una volta che l’attenzione della Regina è verso il mondo del realismo pratico, della concretezza ma anche della sensualità che come sappiamo dai suoi diari ha avuto una parte importante nella sua vita di relazione.

Il significato del  margine destro

Grafologia: Il raggiungimento del margine destro è lo scopo della scrittura e dunque grafologicamente rappresenta il domani, il punto di arrivo dell’azione, gli altri.

Se presente è indice di rispetto, dell’altro, di buon gusto, di quel pizzico di timore che il futuro ci ispira.

Un margine proporzionato ci indica che il domani è vissuto con accettazione.

Raggiungere con una certa costanza questo margine significa essere capaci di portare avanti quello che si intraprende sapendosi integrare attivamente nella vita e con il prossimo.

Regina Vittoria: grafologia e margine destro

Se ci troviamo di fronte ad una scrittura senza margine, dove le parole urtano il bordo del foglio o addirittura si piegano per rimandare l’interruzione del gesto per andare a capo, possiamo parlare di imprevidenza, di mancanza di organizzazione, di impulsività, di invadenza.

È caratteristico di persone che tendono a prevaricare con autoritarismo.

Quando le parole urtano il bordo, si piegano e scendono sotto il rigo fanno pensare ad un senso di sconfitta e di momentaneo scoraggiamento.

Il margine destro largo e non raggiunto suggerisce invece la paura per il futuro, il timore dell’altro, la tendenza all’isolamento, un atteggiamento rinunciatario, un carattere in genere sensibile e impressionabile (con altri segni).

Leggi anche altri articoli di grafologia:

Mata Hari: viaggio tra le righe della Spia più affascinante del mondo

Luciano Lutring una custodia di violino con mitra e pennelli

Chiara Gamberale, letteratura e spettacolo

 


Barbara Taglioni

Barbara Taglioni

Grafologa, scrittrice eu ultimamente mi sono avvicinata al mondo della fotografia che ho scoperto essere un altro entusiasmante modo di fare arte.

I suoi articoli   Conosci meglio: Gli Autori di CaffèBook

Devi effettuare il login per inviare commenti