Skype Caffebook

Scienze e Mestieri

La Cromoterapia e il significato dei colori

La Cromoterapia e il significato dei colori

 

Se vuoi sognare e hai bisogno di un tonico, rovescia la coppa del cielo e beviti l’azzurro!

(L. Vidales)

Adoro questa citazione perché amo in modo smisurato il colore azzurro. Ogni anno aspetto l’estate solo per perdermi con lo sguardo che non trova il confine tra cielo e mare.

 

La cromoterapia è una medicina antica che attualmente la civiltà occidentale ha riscoperto e viene spesso integrata ad altre terapie o trattamenti olistici per poter curare il corpo o purificare l’anima.

Molte civiltà anticamente sfruttarono il significato dei colori e il loro effetto sul corpo e sulla psiche in campo medico e religioso.

Gli antichi egizi praticavano normalmente la cura dei colori ed edificarono templi dedicati alla cromoterapia costituiti da sette stanze, ciascuna di un colore diverso.

I colori delle stanze non erano affatto casuali, esse corrispondevano ai colori dei sette chakra principali: il rosso, l’arancio, il giallo, il verde, l’azzurro, l’indaco e il viola. Per chi volesse approfondire l’argomento chakra può cliccare nel link…

All’interno di queste stanze vi erano delle vasche dove il malato veniva immerso in un bagno di colore e in base al tipo di malattia il colore cambiava.

La regina Nefertiti era solita ordinare al suo medico di corte di preparare oli da bagno di colori diversi, i bagni stimolanti dovevano essere color porpora e quelli rilassanti verdi o blu.

Anche gli antichi cinesi usufruivano degli scopi benefici della cromoterapia ed erano soliti spennellare di giallo i malati di intestino e lasciavano che la luce filtrasse nella loro stanza tramite un tendaggio dello stesso colore.

Non vi è alcun dubbio che la cromoterapia sia una delle tecniche più antiche e non solo egizi e cinesi se ne servivano ma anche aztechi, maya, romani e greci.

La diffusione della cromoterapia ai giorni nostri la dobbiamo all’americano Edwin Babitt che nel 1878 pubblicò il suo primo libro “The principal of Light and color”, dopo di lui ci fu anche Niels Finsen che riuscì a fondare nel 1896 un istituto di luce per la cura della tubercolosi e in America oramai la terapia con la luce ultravioletta è diventata un metodo standard.

I cromo terapeuti utilizzano le vibrazioni cromatiche per ristabilire un equilibrio energetico alterato e lo fanno sfruttandole come dei catalizzatori che stimolano i processi naturali di auto-guarigione dell’organismo.

Viene impiegata come metodo di guarigione su stati depressivi, nevrosi e ansia con effetto positivo sull’umore ma i più importanti benefici cromatici trovano riscontro nell’ambito della cromo puntura per bambini, indirizzata a curare iperattività, mal di testa, insonnia e disordini emotivi.

 

Nel nostro piccolo possiamo sfruttare i poteri benefici dei colori con l’abbigliamento, il cibo, la casa; tutto quello che ci circonda

è luce che irradiandosi dentro e fuori di noi dipinge la nostra vita.

Secondo la cromoterapia i colori scuri danneggiano il morale e lo spirito, capaci addirittura di incoraggiare le inibizioni e i complessi mettendo barriere all’ottimismo, all’ispirazione e alla realizzazione di sé.

Cromoterapia il significato dei colori

Ogni colore ha proprietà specifiche in grado di agire su disturbi diffusi, vediamoli insieme da vicino:

Rosso: aumenta la vitalità, l’energia e favorisce la circolazione sanguigna. È infatti il colore della forza e della salute. Questo colore è spesso indossato da persone estroverse e vitali tuttavia può essere un colore troppo energico per persone con tendenze violente perché ne aumenta l’aggressività ed è sconsigliato usarlo per tinteggiare le pareti di casa.

 

Arancio: è il colore del calcio e ha un’azione normalizzante, viene impiegato molto con gli asmatici e a chi soffre di problemi respiratori. È un colore socievole e gli amanti dell’arancio apprezzano la compagnia.

 

Giallo: è uno stimolante motorio per i muscoli, coadiuvante per la formazione dei tessuti nervosi, aumenta l’attività dello stomaco e dell’intestino. È il colore della felicità, della saggezza e dell’immaginazione, gli amanti del giallo sono sempre alla ricerca di nuove avventure.

 

Verde: è un colore curativo che influisce sull’intero organismo ma in particolar modo sul sistema nervoso simpatico, è il colore associato alla natura e simboleggia speranza, pace e rinnovamento. Gli amanti del verde sono persone miti e sincere, costantemente alla ricerca dell’autoaffermazione e fermi sulle loro opinioni.

 

Blu: colore calmante, induce al rilassamento. Ha un effetto tranquillizzante su persone aggressive ed è un colore capace di far dimenticare i problemi di tutti i giorni. Le persone che prediligono il blu sono molto ammirate per il loro carattere equilibrato, sono particolarmente sensibili ma riescono a controllare la loro emotività.

 

Bianco: è un colore che rivitalizza stimolando cervello e arterie. Dà un senso di purezza e di freschezza non solo esteriore ma anche interiormente. Persone che indossano spesso abiti bianchi sono meticolosi e si perdono in voli pindarici che spesso non portano alla realizzazione delle proprie idee.

 

Rosa: rappresenta l’amore e l’affetto e gli amanti di questo colore sono persone che hanno bisogno di protezione, amore e coccole.

 

Nero: è il colore del misterioso e chi lo indossa vuole apparire interessante, colto e agli occhi degli altri quasi irraggiungibile. Abusare di questo colore prediligendo abiti neri significa soffocare i propri istinti primari, quindi non esageriamo!

 

Marrone: è la terra e indica solidità, forza, pazienza e resistenza. Solitamente chi predilige il marrone sono persone coscienziose e costanti ma anche molto solitarie e fortemente ancorate alle proprie abitudini.

 

Grigio: è in assoluto il colore della chiusura e le persone che prediligono questo colore hanno spesso comportamenti giudizievoli e denigratori verso il prossimo.

Il grigio è segno di indifferenza e rifiuto del cambiamento.

 

      Di fatto la Cromoterapia, nonostante sia conosciuta e tramandata da secoli, non fa parte della medicina ufficiale ovvero non si avvale di riconoscimenti scientifici ed è per questo che viene inserita tra le medicine alternative.

 

 

 

Possiamo affidarci al nostro intuito che certamente ci condurrà verso luoghi ignoti ma altresì, veri e benefici,  basterà solo aprire gli occhi e guardare il mondo che tanto ci appare scontato e privo di attrattiva quando, invece, riserva bellezze infinite e ogni tanto anche noi, nel nostro piccolo, coloriamo la terra.

 

 

 

 

 

( foto da spoki.tvnet.lv, pixabay)

 


  27  Mag  2016 ,
Claudia Calonaci

 

 

Devi effettuare il login per inviare commenti