Skype Caffebook

Società

Al Rototom Sunsplash l’Africa di Thomas Sankara

Al Rototom Sunsplash l’Africa di Thomas Sankara

Al Rototom Sunsplash di Benicàssim (Castellón) il Social Forum legherá, in tre giorni consecutivi, un tour di dibattiti sulle conseguenze politiche e sociali del colonialismo in Africa per confrontare anche le risposte date dal continente sul come lasciarsi alle spalle questa realtà.

La ricerca piú importante per l’Africa di oggi è quella per trovare la propria concezione della democrazia e i modi per poter realizzarla, come è stato anche evidenziato dagli organizzatori del festival in un comunicato stampa.

 

 

Rototom Sunsplash

Il Rototom Sunsplash " è il festival reggae più famoso d'Europa ed ebbe i suoi natali in Italia, ma lasció il Bel Paese fra le polemiche politiche per le conseguenze della legge Giovanardi-Fini che di fatto ne resero impossibile l’organizzazione.

 

Thomas Sankara

      Thomas Sankara

 

 

Rototom Sunsplash

     Rototom Sunsplash

Benicàssim in valenciano, (Benicásim in spagnolo):

è un piccolo comune spagnolo con poco piú di dodicimila abitanti situato nella comunità autonoma Valenciana.

Il festival sará quindi occasione non solo per ascoltare buona musica, ma anche buona politica intesa come mezzo di confronto sui problemi e strada per cercarne le soluzioni (qualcosa di diverso da quella che vediamo nel nostro Paese).

I tre dibattiti in programma il 14, 15 e 16 agosto al Social Forum del Rototom Sunsplash di Benicàssim, sono nell'ambito dell'edizione “Celebrating Africa”.

Il principale obiettivo è quello di capire come il popolo africano stia cercando di lasciarsi alle spalle il passato coloniale e quali formule proprie stia creando per impostare delle nuove regole del gioco e per gettare le basi del proprio futuro.


I mezzi possibili sono il dialogo, la diplomazia insieme ai contributi e l'eredità di personalità come ex presidente del Burkina Faso, Thomas Sankara.

Per approfondire questa analisi, il Social Forum potrá contare su voci esperte come il Premio Nobel per la Pace Mohamed Ben Cheikh (rappresentante di una delle organizzazioni del ‘Quartetto del Dialogo Nazionale Tunisino’, insignito del Nobel per la pace 2015), il giornalista keniano Firoze Manji, lo scrittore senegalese Mamadou Dia e Odile Sankara.

Intitolato “Descolonización y libertad: la via africana a la democracia” (La decolonizzazione e la Libertà: la rotta africana alla democracia) sarà il primo dibattito della in programma il Lunedi 14 agosto al quale parteciperà

Firoze Manji, giornalista keniano e direttore della rivista on-line Pambazuka News ed ex presidente di Amnesty International in Africa.

Il secondo dibattito verterá sulla diplomazia africana nella risoluzione dei conflitti e vedrá la presenza del Premio Nobel per la Pace 2015, Mohamed Ben Cheikh

Chiuderà il cerchio un incontro attorno alla figura e all'eredità del expresidente del Burkina Faso Thomas Sankara assassinato mentre tentava di costruira un'altra concezione della democrazia e di esercizio del potere nel suo Paese.

A questo incontro sará presente la sorella, l'attrice e scrittrice Odile Sankara.

L’Africa di Thomas Sankara

Thomas Sankara è certamente un riferimento importante per quello che potrebbe e dovrebbe diventare l’Africa, anche se è stato fatto molto per occultare il ricordo di questo personaggio e sminuirne l’immagine.

Thomas Sankara, noto anche come Tom Sank, fu leader molto carismatico per tutta l'Africa Occidentale sub-sahariana.

Il protagonista del terzo dibattitto è, quindi, una di quelle figure che superano in spessore quelle mediocri che siamo abituati a vedere sulle scene europee per non parlare di quelle della politica nostrana.

Thomas Sankara cambiò il nome del proprio paese da Alto Volta in quello Burkina Faso (la terra degli uomini integri) e ne divenne il primo presidente.

Tentò di eliminare gli sprechi statali e di sopprimere i privilegi delle classi agiate, indirizzando i fondi verso delle profonde riforme sociali incentrate sulla costruzione di scuole e ospedali per la popolazione più povera.

Condusse anche una lotta alla desertificazione facendo piantare milioni di alberi nel Sahel.

Thomas Sankara venne assassinato, pare in un agguato, e i mandanti, per quanto oscuri hanno il volto pubblico del l’uomo che lo sostituì al potere, Blaise Compaoré, che ebbe il probabile sostegno della Francia, della Costa d’Avorio, della Libia di Gheddafi e degli Stati Uniti.

- Discorso tenuto all'assemblea dell'OUA (Organisation de l'unité africaine) ad Addis Abeba il 29 Luglio 1987 -

Il futuro dell’Africa è nel dibattito che parte da questa figura la cui tragica fine ha dimostrato che gli ostacoli da superare sono legati ad una presa di coscienza che non può essere solo africana.

Ci sono poteri economici enormi che più volte Thomas Sankara ha, senza paura, denunciato nei suoi discorsi.

"Ci hanno prestato i soldi gli stessi che ci hanno colonizzato. E allora, cos'è il debito se non un neocolonialismo governato dai Paesi che hanno ancora 'pruritì imperiali? Noi africani siamo stati schiavi e adesso ci hanno ridotto a schiavi finanziari.

Quindi, se ci rifiutiamo di pagare, di sicuro non costringeremo alla fame i nostri creditori. Se però paghiamo, saremo noi a morire.

Quindi dobbiamo trovare la forza di dire a costoro guardandoli negli occhi che sono loro ad avere ancora debiti con noi, per le sofferenze che ci hanno inflitto e le risorse immani che ci hanno rubato".

Denunce che fece pur avendo previsto la propria probabile fine:


« È possibile che a causa degli interessi che minaccio, a causa di quelli che certi ambienti chiamano il mio cattivo esempio, con l'aiuto di altri dirigenti pronti a vendersi la rivoluzione, potrei essere ammazzato da un momento all'altro.

Ma i semi che abbiamo seminato in Burkina e nel mondo sono qui. Nessuno potrà mai estirparli. Germoglieranno e daranno frutti.

Se mi ammazzano arriveranno migliaia di nuovi Sankara!»


Quindi la speranza è che da dibattiti come quello al Social Forum al Rototom Sunsplash di Benicàssim, per il “Celebrating Africa” emerga una consapevolezza in grado di dare i frutti in cui sperava l’expresidente senza lasciare la possibilità che un’azione violenta possa interrompere tutto.

 Articolo Al Rototom Sunsplash l’Africa di Thomas Sankara su CaffèBook (caffebook .it)

Fonti Utili: Rototom Sunsplash

Leggi anche: Charles Darwin, gli elefanti che nascono senza zanne e il commercio dell'avorio

Sampat Pal Devi: donne indiane con sari rosa e lathi

Foto da Pixabay, wikipedia.org


  05  Ago  2017 ,
Roberto Roverselli

 Direttore responsabile di CaffèBook. 

Giornalista iscritto all’albo (Odg. Toscana)

Coautore del documentario sulla crisi economica Eterna. 

Devi effettuare il login per inviare commenti