Skype Caffebook

Cultura

Loving Vincent 65000 dipinti sulle tracce di Van Gogh

Loving Vincent 65000 dipinti sulle tracce di Van Gogh

Il trailer ufficiale di Loving Vincent è arrivato alla fine di luglio, ma lo strano è che dopo quattro anni di lavorazione in cui non veniva offerto alcun video sul progredire nell’ambizioso progetto sia uscito ora sotto forma di teaser in un video promozionale.

Questo attesissimo film di animazione è già stato applauditissimo alla World Premiere e arriverà nei cinema in autunno (22 settembre negli Stati Uniti)... intanto ne raccontiamo un po’ di storia.

Loving Vincent è il debutto cinematografico dell’artista polacca Dorota Kobiela, che per l'occasione ha avuto la collaborazione del produttore e regista Hugh Welchman (Premiato all'Oscar con Pierino e il lupo nel 2006).

Loving Vincent è un film di animazione realizzato con una tecnica unica:

Questo è un progetto che ha avuto inizio nel 2008 quando fu concepito come un cortometraggio venendo poi ampliato in un lungometraggio di 80 minuti.

Ci sono voluti 4 anni per sviluppare la tecnica e ci sono voluti oltre 2 anni con un team di oltre 100 pittori che hanno lavorato presso gli studi delle città polacche di Danzica e Wroclaw e in uno studio ad Atene per completare il film.

È la storia del pittore Vincent van Gogh (interpretato dall’attore polacco Robert Gulaczyk) raccontata attraverso le lettere fino alla sua morte misteriosa che potrebbe essere stata per omicidio e non per suicidio, come è stata spesso dichiarata. 

Nella storia ci sono tre personaggi principali:

Armand Roulin (Douglas Booth), il cui padre, il postino Joseph (Chris O'Dowd), gli ordina di consegnare una lettera per il pittore.

Nel viaggio conoscerà anche Marguerite Gachet (Saoirse Ronan), figlia del medico personale e amico di Van Gogh, anch’essa ritratta dall'artista.

Loving Vincent è raccontato in una animazione realizzata con più di 65.000 dipinti ad olio in forma di fotogrammi.

Dodici per secondo, come spiegato dai responsabili The Independent.

Da ciascun quadro ne sono state estratte due foto a risoluzione 6K con l'obiettivo di raggiungere i 24 fotogrammi al secondo e generare una sensazione di fluidità e contemporaneamente di ridurre il carico di lavoro degli artisti che hanno partecipato al film.

Per mantenere omogeneità nel film gli artisti hanno lavorato in una particolare postazione creata appositamente per il film che i creatori di questo “strattagemma tecnico” hanno chiamato Painting Animation Work Stations (PAWS).

Loving Vincent, immagini

Il funzionamento di queste “stazioni” era fondamentalmete quella di mantenere le stesse condizioni di illuminazione per tutti gli artisti. Allo scopo, i tecnici e i manager, hanno creato una scrivania con due lampade, uno schermo diffusore e un proiettore (o un monitor HD) per sovrapporre i dipinti della tela in bianco che sarebbe diventata poi il fotogramma finale.

Dal 13 ottobre 2017 al Noordbrabants Museum una mostra ospiterà 119 dipinti ad olio del film Loving Vincent, sarà l’occasione di vedere come i film-maker hanno re-immaginato i movimenti nei dipinti per il film usando la stessa tecnica, la pittura ad olio, che usava Vincent van Gogh.

"Non possiamo parlare diversamente dai nostri dipinti"

Scritto da Vincent van Gogh in una lettera la settimana prima della sua morte.

Leggi anche:

Van Gogh e il mistero dell’orecchio mutilato

Intervista con l’artista Paul Gauguin i viaggi e il mare

Una ballata del mare salato: come nasce una leggenda

 

 


  30  Ago  2017 ,
Informazione e Cultura

Articoli di informazione su:

società, cultura arte, mestieri,

recensioni, gusto, cucina,

eventi, manifestazioni e festival

esperienze personali ed esperti

 

 

     

 

 

.

 

Devi effettuare il login per inviare commenti